keyboard_arrow_right
Nudisme

Gay gorge profonde escort trans lille

gay gorge profonde escort trans lille

Che ci riesca o meno. E' uno specchio che ha per mano il bagaglio di una scommessa con la morte. O con la vita. Sentieri d'amore nel labirinto dell'Alzheimer'' Armando Editore, , una testimonianza dura e sincera, e al contempo poetica, che racconta il vortice della stessa malattia.

Oltre all'esercizio narrativo, che prosegue con la scrittura di un thriller, Gloria dipinge esprimendo lo stesso rapporto, diretto e limpido, che ha con la parola.

Dopo la partecipazione a diverse mostre collettive, e lo studio di uno stile continuo e ricercato, presenta la sua esposizione personale con il vernissage Colpi di stato d'animo, una collezione corpo-temporanea volta a svelare i segreti dell'essere umano posto innanzi all'infinito potere della natura.

Intreccio e' la parola chiave che, dal punto di vista strutturale, esprime nel modo piu' efficace i connotati della storia narrata in Remedia. SYNOPSIS REMEDIA Un libro perso e ritrovato da due sconosciuti, destinati a incrociare le loro vite, dispiega la complessa trama in cui le vicende medievali si intersecano con quelle di due professionisti contemporanei, anch'essi protagonisti di vicende ai confini di una magica spiritualita'.

Le atmosfere metropolitane di una New York "upper class and cool", la Grande Mela di un affermato ricercatore di misteri e di un'ambiziosa reporter di guerra, si alternano a quelle contemplative, guerresche e solenni di un' Europa del XIV secolo, che trova in un'importante citta' del Meridione d'Italia il palcoscenico ultimo dove confluiscono leggendarie sepolture, mitici tesori e arcani divini che originano e sconfinano in misteri biblici.

La ricerca di un tesoro, insidiato dal pericoloso Mossad, tesse la trama di pari passo con la scoperta dell'interiorita' dei protagonisti che, attraverso le graduali soglie di mistero, desiderio, pericolo, rinuncia, intima lacerazione e conoscenza di se', convergeranno verso un orizzonte di ritrovata e rinnovata spiritualità, preludio di amorosa armonia che un'antica profezia, quelle gioachimita, destina all'intero genere umano. Ha pubblicato vari articoli su riviste specializzate riguardanti argomenti di medicina naturale.

Nel e' stata date alle stampe la sua prima opera letteraria, Il Calice svelato nell'Ultima Cena di Leonardo.

Appunti di un insolito viaggio. Remedia e' un romanzo dalla lunghissima gestazione, infatti attendeva di vedere la luce da piu' di un decennio. Forse perche' proprio il doveva essere l'anno in cui nascere.

Il lettore comprendera' il perche' Info: Una serata dedicata a musica, parole e immagini, a diretto contatto con il pubblico. Francesco Pedulla' La serata prevedera' l'alternarsi di cantautori noti nei locali milanesi e poeti con alle spalle reading e pubblicazioni. Il tutto mentre l'artista Pedulla' eseguira' disegni e pitture dal vivo. A seguire spazio per l'open mic. Data giovedi 11 maggio - dalle 19 alle Scrivo da sempre, scrivo per combattere una timidezza che spesso mi ha portato a non provarci mai, a non buttarmi mai.

Quello che scrivo e canto sono soprattutto momenti e sensazioni che accompagnano la mia vita, attimi e persone che fanno parte del quotidiano e con cui io sento il bisogno di comunicare qualcosa di piu' profondo, qualcosa che a semplici parole non sono in grado di dire.

Crescere a Milano mi ha dato la possibilita' di assorbire tanto da questa città, ora vorrei ricambiare donando la parte piu' sincera di me, ossia la mia musica.

Mannarelli ''Oltre lo specchio la vita'' Aletti Editore e' un'immersione lirica nel mare della sua esistenza per estendere a noi questa lezione straordinaria di vita, per farci partecipi delle sue esperienze come superamento del peccato originale, inteso come raffigurazione dei nostri limiti, o dei nostri dolori fino al loro superamento.

Lo specchio rappresenta la 'barriera' dove sostiamo davanti ai nostri pensieri oscuri e comportamentali: Infatti, Charles Baudlaire, diceva che l'arte e' la creazione di una magia suggestiva che accoglie insieme l'oggetto e il soggetto, e proprio per questo, iniziare a leggere un libro di poesie con tutte le sue cariche emozionali e creative, rappresenta la consapevolezza di godere di questa che non chiamerei ''magia'', ma estasi dei sensi, dove proprio la razionalita' e l'immaginazione diventano un corpo unico per oltrepassare le consuetudini quotidiane: L'immagine dello specchio e' una straordinaria metafora legata apparentemente a un oggetto simbolico ma, estremamente funzionale per trasmettere un messaggio.

Non e' casuale che in letteratura si e' utilizzata questa idea proprio per dare soluzioni e risposte ai nostri modi di vivere e di intendere la vita in cui il riflettersi o il non riflettersi ha creato una mitologia di personaggi che durano tuttora. Miorin ci porta a un livello superiore, nel senso che lo specchio diventa una trasparenza appartenente al passato e superandolo si percepisce la purezza e la saggezza del vero incontro con se stessi.

Fondamentalmente non e' un confine e nemmeno una soglia, ma una forma di consapevolezza che conduce attraverso le esistenze, come focus decisivo decantato nella sua poesia. E' proprio la poesia a riflettere questo inizio dove non esistono abissi bui in cui perdersi ma semplici panorami da ammirare, perche' se la poesia e' mozione, e' anche ragione; se e' intimita', e' anche vitalita'; se a volte e' tristezza, spesso e' bellezza; e le caratteristiche di quella Alessandra sono riconducibili alle seconde valenze descritte.

Chi guarda avra' sempre la consapevolezza di essere condotto oltre ogni parola sussurrata, perche' e' proprio la melodia insieme al pensiero che ci consente l'attimo dell'illuminazione, un universo dove la positivita' di ogni esperienza, percepisce l'apoteosi di quanto possiamo vivere felici, semplicemente amandoci. Queste poesie partono delicatamente con un ritmo soffuso fatto di silenzi fra una parola e l'altra, come se ogni pausa inframezzata dai puntini di sospensione, ponesse il lettore di fronte ad una riflessione importante: Infatti, ogni riflessione e' meditata, decantata dentro tutte le profondità dell'anima, ma contrariamente a quello che diceva Ungaretti in cui ogni parola era scavata nella sua vita come un abisso, Miorin non cerca le parole in profondita', le cerca in una progressione di colori, di luci e di suoni e ce le pone sul palmo delle mani congiunte offrendole come un dono di conoscenza.

Poi come una sinfonia le poesie si ampliano per un divenire continuo, dove le note si susseguono con un ritmo più fluido: Il gusto di vivere, il gusto di scrivere oltre le giornate che ci scorrono intorno, oltre la vita, perche' sempre vita troveremo, quella che abbiamo incontrato ogni giorno vicino a ogni rinascita, dentro ad ogni parola ''innamorata'', insieme alla verita', insieme a un sorriso sincero che il poeta sa cogliere, e ce lo dona.

Pinketts con Michelangelo Jr e KO Mannarelli La storia di Marco Pantani raccontata da un ciclista della sua generazione, vincitore di un Giro d'Italia ma oscurato dalla classe e dalla personalita' del Pirata. Un romanzo preciso e documentato come una cronaca sportiva, dallo stile elegante, il ritmo serrato come una fuga del piu' grande scalatore di tutti i tempi.

Cateno Tempio Catania, dirige la collana filosofica ''Ellissi'' per la Villaggio Maori Edizioni, per la quale ha pubblicato Apocalissi e conversione. Sulla catastrofe dell'occidente e, in coppia con D. Dell'Ombra, Quel che viene a mancare. Il saggio critico e Carmelo Bene Ha inoltre curato il volume collettaneo Critica dei morti viventi.

Zombi e cinema, videogiochi, fumetti e filosofia Con l'editrice Terre Sommerse ha dato alle stampe la raccolta Ultimi versi E' tra i responsabili di alcuni siti web che si occupano di filosofia e poesia, tra cui sitosophia.

Marlene Demonte - Presentazione di Andrea G. Non sospesi ma afflosciati. I piedi non penzolano perche' non ci sono se non come zampe o vele in rotta verso la Ferita aperta. Siamo i quadri di Marlene Demonte. Pinketts Marlene Demonte - La pittura di Marlene, come appare evidente nella scelte delle opere di questa mostra, e' orientata alla rappresentazione di volti, volti scavati nel colore, dissezionati sulla tela, sciolti, disuniti in macchie fitte.

E' come se l'artista si guardasse e guardasse gli esseri umani attorno a se in uno specchio deformante, a cogliere la loro essenza sofferente. Il riferimento al lavoro di Francis Bacon e' chiaro e appare per esempio in un dipinto in cui lo stesso autoritratto dell'artista irlandese viene ridotto a una poltiglia scarnificata.

Le lacerazioni e le tensioni angosciose del segno di questa pittrice sono il riflesso di una condizione esistenziale tormentata, sempre al limite del disturbo psichico. Anche le figure intere sono corpi afflosciati, come senza vita o sfiniti di fronte al dolore dello stare al mondo. Le rare volte in cui si avventura fuori dalla figurazione di esseri umani, Demonte dipinge quarti di bue cruenti, animali rabbiosi, ma anche una vela impegnata in un viaggio verso un orizzonte oscuro.

Quell'orizzonte potrebbe essere il limite, il confine tra la realta' e l'aldila' o tra ragione e follia. Mostra curata da Alexia Solazzo. Ferrari batteria Giacomo Russo. Il repertorio del gruppo è formato da composizioni originali che si ispirano alla tradizione afro-americana, al rock, alla musica contemporanea e nello stesso tempo sembrano costruite secondo regole e alchimie inedite, spesso inafferrabili, ma sempre sorrette da una coerenza interna. La suddivisione dei ruoli fra gli strumenti è spesso sovvertita o celata in uno spazio sferico in continuo movimento senza gerarchie prestabilite dove ogni musicista segue una sua personale narrazione.

In altre composizioni prevale la ricerca timbrica come nelle sfumature e nei contrasti del mingusiano Zonky giocato sulla variazione del chorus, nella Black And Green Fantasy e i paradossi dei temi ambientali o nella cosmologia di Big Boogaloo che recita: Big Boogaloo Passeggia per le strade della vita Come ogni mattina Saluta il primo Dio che incontra Beffardo si compiace delle costellazioni Quando il tempo lo permette Accarezza una cometa Distratto finisce in un villaggio Saluta il primo cittadino Pithecantropus Erectus Un dubbio lo assale Ma sembra essere giunta l'ora Vorrebbe lasciare un messaggio È troppo tardi Qualcuno afferra la lancetta dell'Universo E correndo a ritroso cancella tutto il tempo Big Boogaloo Si affaccia dalla finestra Vede l'inizio di un sentiero Decide di fare due passi Ad un tratto una pacca sulla spalla Si gira Il destino senza memoria, gli sorride.

La forza del bianco e nero insegue l'impeto del verso in un volo poetico sdrucito dal dolore, arso dall'indignazione: I versi - incisi nero su bianco - richiamano in rima i toni esasperati dell'inchiostro sulle stampe, dando vita a una rappresentazione di notevole tensione lirica e inequivocabile potenza drammatica.

Il lavoro dell'artista percorre e ricalca la rabbia e lo sdegno nei confronti del declino e del fallimento morale dell'uomo: L'autore ha scelto di ritrarre se stesso in prima persona, quale ambasciatore e testimone dell'umanita' intera, alternando i propri autoritratti alle immagini di una Sicilia antica, specchio di un passato di perfezione mitica, caduto anche esso nel vorace baratro della rovina. Gaetano Giambusso, nato a Mazzarino nel , ha trascorso il suo primo anno di vita a Riesi, un piccolo paese dell'entroterra Siciliano, e i successivi sette in Lombardia; in seguito, assieme alla famiglia si ritrasferisce a Riesi.

Si iscrive al Liceo Classico di Gela: Divide la sua vita tra viaggi ed esperienze di volontariato internazionale. Nel vince una borsa di studio presso l'Istituto Italiano di Fotografia di Milano e trasferitosi nella citta' inizia questo nuovo percorso di studi. In questi ultimi anni, partecipando a vari concorsi letterari internazionali, riceve numerosi premi, riconoscimenti e pubblicazioni. Mostra curata da Alexia Solazzo alexia. Primo piano, bar DJ da h 21 a 24 Con Andrea Pinketss Le Theatre nasce dall'esigenza degli autori di ricreare lo stile di serata proposto negli anni che prevedeva la spettacolarizzazione teatrale unita alla musica.

Il concetto di teatro viene interpretato e rivisitato per far si che i partecipanti si sentano coinvolti nello spettacolo. L'evento e' composto da vari momenti musicali, canori e teatrali. La serata parte con le note degli scalmanati "Le Theatre Band" composta da chitarra, basso, pianola e batteria in stile Rockabilly e jazz con le voci di Francesco Carlomagno e Giulia Maria Colpani che interverranno con sketch che rimandano a "La Femme Fatale".

Il DJ con musica coerente con il tema della serata a un genere funky e swing con l'intento di scaldare gli animi e i cuori. La nostra mission e' di far sentire partecipe il pubblico nei confronti del format proposto. Alice Barbaro nasce come cantautrice di brani esclusivamente in inglese con un ritmo soft, influenzata da un genere molto country. Inizia a scrivere all'età di 14 anni imparando la chitarra da autodidatta e ascoltando cantanti conosciuti dal padre come Johnny Cash, Dolly Parton, Willie Nelson, Allison Moorer e non a caso cresce con uno stile di musica volutamente americano.

Ha studiato piano e canto e partecipato a vari concorsi canori importanti come "Una voce per Sanremo", facendosi notare da produttori discografici come Umberto Iervolino, per poi rendersi conto di voler continuare la sua strada con un genere molto lontano da quello italiano. Chitarra acustica e voce delicata, si presenta con i suoi brani scritti e arrangiati interamente da lei, ispirandosi a grandi artisti come Damien Rice, Alanis Morissette, Lindi Ortega, Emmylou Harris e alternando brani di Bob Dylan e Cranberries.

Nonostante abbia solo 21 anni, sembra aver già le idee chiare sul percorso musicale che vuole intraprendere, facendosi conoscere con uno stile differente da quello che si sente tutti i giorni e incuriosendo chi ha voglia di immergersi completamente nella musica. Ma in tutte e tre le coppie aleggia una minaccia sul percorso di prevedibile perfezione. Nel repertorio non mancano brani del panorama Funky-Soul italiano di Giorgia, Loredana Bertè, Zero, Pino Daniele, sino ad arrivare a Mina, il tutto ottimamente interpretato e presentato dalla grande capacità artistica della nostra cantante.

La band si esibisce prevalentemente nei locali dove si ascolta musica live. Da ore 19,30 E' un libro autobiografico, dove Liliana racconta le sue avventure. Un libro commovente, divertente e sopratutto filosofico. Chi e' Il Bello della Bestia? Tutte le malattie un po' terrificanti, come le malattie molto gravi. Vengono chiamate "Brutte bestie". Liliana si e' presa la briga di guardare in volto la malattia e con sua grande sorpresa si e' resa conto che quasi tutte le cose brutte hanno un lato bello, se solo riesci a metterti nella condizione di vedere e ascoltare quello che ha da mostrare.

Ed e' li che a volte un demone diviene uno spirito di Luce. L'autrice dice di se' "Sono una ragazza semplice con una passione smodata per i baci, capellona entusiasta, motociclista, molto surfista di onde o neve, dal temperamento romantico e l'anima rocknroll.

Abbraccio gli alberi, mi rotolo nell'erba e giro a piedi nudi per la maggior parte del tempo. Mi aggrappo al vento, ululo alla luna e la notte mi piace perder i pensieri e lo sguardo tra le stelle.

Un po' solitaria, molto girovaga con lo zaino, la tenda in spalla e un libro in tasca. Insieme alla scrittrice per qualche minuto ci sara' anche Adriana Puddu che cantera' senza strumentazione mentre Liliana Egalo, che e' anche una ballerina, muovera' qualche passo di danza. Fatta salva qualche eccezione, tutti sembrano avere in comune una cosa, il senso della ricerca.

La ricerca di chi sono, cosa sono e perche' sono. Qualcuno di loro pensa di avere capito "non prendiamoci troppo sul serio" dice la signorina al casino' di "Le Jeaux Sont Fait", abbandonandosi all'adrenalina di una roulette. Da "Guardare Fuori Per Vedersi Dentro" un uomo le risponde con la sua ombrosita', perso nel suo paesaggio mentale, emozionale, fatto di animali, alberi e rocce di cui va cercando spiegazione.

Poi c'e' anche una celebrita' dell'arte che, confusa sulla sua identita', chiede addirittura agli osservatori "E Voi Chi Dite Che Io Sia?

Forse dovrebbe fare come quel tale in quel quadro, seduto al tavolo che interroga se' stesso, nella sua qualita' di profilo facebook. In fondo, si clicca qualche opzione proposta e, almeno li, sappiamo definirci. In questo limbo di non-certezze, i nostri personaggi accumulano pensieri, moltiplicano interrogativi, distillano dubbi ma le risposte non hanno fretta di arrivare.

Allora, su queste isole dagli abitanti di carne, ossa e colore, forse ha ragione la scimmietta. Nel suo lavoro Rossi cerca di arrivare ad un equilibrio tra il segno e il simbolo. Gli piace sperimentare sia con il linguaggio visivo, sia con il soggetto delle sue opere, credendo che entrambi siano ugualmente importanti.

In tutti e due, originalita' e spontaneita' sono valori essenziali. Presente nel suo lavoro e' l'utilizzo di archetipi senza tempo come pure la definizione di personaggi originali, che vanno a costituire il cast dei suoi "racconti" visivi. Reali e surreali tranche-de-vie emergono a testimonianza delle idiosincrasie del carattere umano.

Essere umani significa sperimentare una vasta gamma di emozioni, dal dramma alla gioia, dall'ansia alla tranquillita'. Coerente con questa verita' Rossi impiega una iconografia sincera e, a volte, senza compromessi. Andrea Rossi si e' diplomato all'Istituto d'arte di Monza con indirizzo di Comunicazione Visiva e successivamente alla Nuova Accademia di Belle Arti in Milano, con indirizzo di disegno grafico e pubblicitario. La sua tesi di diploma Ambienti Interattivi ha prodotto un progetto interattivo ispirato alla automobile Coupe', di Fiat.

Relatore della tesi e' stato Paolo Rosa, co-fondatore del gruppo Studio Azzurro. Una mostra che congiunge il Pop, con tutta la sua forza irriverente, ironica e spiazzante e Mythos, il mito appunto, cio' che lungi dall'appartenere al logos lo precede e anzi trova immagini dove esso non puo' spiegare le cose attraverso la luce della ragione.

Mito non e' solo da intendere in senso greco, ma include tutto cio' che nell'iconografia e' legato a dei o eroi come protagonisti dell'origine del mondo in un mondo sacrale. Pop-Mythos e' quindi unire il sacro con il profano, il mito al pop, attingendo da variegati immaginari cio' che non e' favola inutile , ma bensi' forza attiva costruita nel tempo: POP ovunque e in tutte le salse. Castellani e' il singer-songwriter milanese delle band: Goodwines e Nation of Giants con cui ha finora inciso numerosi EP, Album Studio e Album Live di musica originale, vissuto innumerevoli palchi e collaborato con artisti noti della scena underground italiana e frontman delle coverband: In occasione dell'inaugurazione, l'artista si esibira' in concerto.

Le opere di questo artista visionario sono "finestre aperte sul mondo", davanti alle quali ci sara' sempre qualcuno che guardera' un orizzonte e qualcun altro che, in quel mondo, vi abitera' per sempre in una "movimentata immobilita'". I temi proposti nella mostra, attraverso questo viaggio artistico, vanno dalla musica all'oriente, dall'universo bicicletta a quello del vino per terminare in un "fantartistico" capolinea dove l'artista propone insolite opere realizzate sui biglietti del tram dell'ATM di Milano.

Lo spettacolo ha gia' ottenuto un importante e unanime consenso da parte della critica e del pubblico ed e' gia' stato rappresentato innumerevoli volte nelle varie tournee di Sironi in teatri e festival europei.

L'artista, tra swing, ballate e virtuosismi musicali ci accompagna in un viaggio musicale e letterario nel suo universo poetico in una performance di grande stile. Nell'impoverito orizzonte musicale milanese lo storico locale LeTrottoir rilancia con i lunedi dedicati alla musica live e alla dinamica vivacita' delle jam session dedicate al Jazz e al Blues. Direzione artistica, Nora Zorzella. Vivendo tra la gente e la movida madrilena inizia a comporre il suo primo album, proponendolo come "one man band", o alle volte accompagnato da un chitarrista in club o in jam session.

Ritornato in Italia, termina "Vizi, Peccati e Debolezze", album d'esordio distribuito dalla New Model Label in cd e digital download e selezionato fra i primi 50 in lizza per la targa Tenco , anno che lo vede partecipe al club Tenco di Cosenza in occasione del Tenco Ascolta.

L'album presentato sotto forma di spettacolo narrato ed eseguito insieme alla Maison Pigalle, band di supporto che ha in cura gli arrangiamenti. L'album si esprime a favore dei romantici, dei sognatori squattrinati in preda alle emozioni, poeti prosciuga bottiglie e dei amanti senza freni in balia dei propri istinti, tutti raccontati attraverso fatti ed esperienze vissute in prima persona, romanzate con cenni alla letteratura italiana e inglese. Indie-rock music and good fellas: Graziella Pellicci in mostra a LeTrottoir.

Pellicci vive e lavora a Milano. Di formazione artistica Liceo artistico e Accademia di Belle Arti di Genova , varie esperienze in paesi orientali, nella pittura, nella fotografia e nella grafica.

I suoi interventi spaziano dal reportage di ambienti e architettura agli still-life, ai ritratti di persone e situazioni sia come ricerca fotografica che come disegno e pittura. Le molte tecniche utilizzate variano dall'intervento digitale sulle fotografie alle riprese in sala posa con banco ottico, dalle foto aeree, all'utilizzo dei piu' svariati materiali come ferro, plastica, e il colore in tutte le sue possibili applicazioni.

E' autore fotografico di varie pubblicazioni e libri d'arte, Lombardia sull'acqua, Banco Ambrosioano - Milano. Staglieno, Sapeg, - Genova. Batsford Ltd - London. E' autrice, la ricerca, il testo e le immagini del libro -Genova nuova - Graziella Pellicci, Edizioni Colombo -Genova. Partendo dalle sue esperienze di studi d'arte e di ricerca sul corpo umano, disegna liberamente situazioni psicologiche per meta' astratte e per meta', anche involontariamente, con ricordi figurativi. Accartoccia, ritaglia, incolla vari materie sulla base del disegno.

Racchiude in scatole e altri elementi. Lavora per se stessa. I suoi personaggi le chiedono di 'uscire' e lei cerca di accontentarli. Bardamu e' un progetto musicale fondato da Alfonso Tramontana e Ginaski Wop.

I Bardamu hanno vissuto per circa 10 anni all'estero collaborando con molti artisti fra i quali: Changuito Quintana vincitore di 2 premi Grammy li ha definiti 'il nuovo volto del jazz contemporaneo.

Ha collaborato con alcuni fra i maggiori esponenti della scena jazz e latin-jazz al mondo. E' considerato uno dei maggiori esponenti dell'avanguardia del jazz cubano. Siete tutti invitati a questa serata nella quale il VINO, il cibo e la buona musica saranno i protagonisti. Il ritrovo è alle I proventi derivanti dalla vendita del vino saranno destinati a finanziare il progetto degli appartamenti sociali e delle case del sorriso di Valcea distretto di Valcea - Romania. BiR, associazione presieduta da Don Gino Rigoldi, dal organizza campi estivi di volontariato in istituti, centri diurni e sul territorio in Romania e Repubblica Moldova.

Collaboriamo attivamente con persone, organizzazioni e istituzioni su scala locale ed internazionale, costruendo percorsi di cambiamento ispirati a logiche di partecipazione e sostenibilità. BiR — Bambini in Romania.

Gianbattista è un ragazzo fuori dal comune: Alberto Büchi nasce a Milano nel e si laurea in Economia e Commercio nel In Inghilterra impara le tecniche narrative cinematografiche e soprattutto il mestiere di filmmaker, che svolge fino al Parallela e costante è la passione per la scrittura, preferendo in particolar modo il genere fantastico e horror, a cui appartengono i suoi racconti pubblicati.

Ha anche lavorato come ghostwriter. Fuoco Fatuo è il suo secondo romanzo. A Roma studia e lavora come illustratore e grafic designer nel a Berlino espone allo Stattbad di Mitte. Espone poi a Reggio Calabria al palazzo della Provincia con 'Life is surrealism' Pop , con 'Barely pop' e 'Imperfezione mon amour' organizzate a Milano nel A Londra dove si trasferisce fino al collabora con la galleria Debut Contemporary di Notting Hill, dedicandosi anche alla street art.

Emanuele Taglieri, dopo un percorso tra l'Italia e l'Europa, ora nel a Le Trottoir nel locale milanese promotore da sempre di eventi d'arte, propone l'esposizione che inaugura il nuovo percorso. In 'Over the Pop' sono presenti opere dell'ultimo periodo e degli anni precedenti, concessi dagli attuali collezionisti. Un uomo che mastica la propria esistenza facendosi vivere dal quotidiano e imprigionato in uno stato di alienazione, o al contrario riuscendo a viversi attraverso un'autocoscienza critica scanzonata e giocosa nel reale.

Una sorta di cifra assoluta della societa' di oggi ma anche di ieri e di domani. Taglieri, mescolando moderni linguaggi e tecniche tradizionali, tra pixel e pittura tra scultura e animazione crea un percorso di sintesi tra moderno e tradizionale.

Con inedita e originale impronta 'riprende' con singolare energia semantiche e forme del pop e, con uno stile figurativo contemporaneo che attinge alle forme della pubblicita' e al linguaggio dei media, prorompe davanti allo 'spettatore' un bombardamento di colori pieni e contrasti acuti che rapiscono immediatamente lo sguardo.

Attraverso la stesura del colore si riconosce la mano dell'artista che utilizza la grafica come pittura e la pittura come fosse grafica digitale. E proprio questo linguaggio di sintesi tra grafica e pittura, insieme alla scelta di icone appartenenti alla cultura e all'immaginario popolare, come temi e soggetti dell'arte di tutti i tempi e non ultimo, l'utilizzo quasi costante di testi musicali che fanno da colonna sonora ai vari racconti per immagini, costituiscono i fondamenti dell opera della artista.

Donkeys Forever fondata dal cantante Isy Araf nel ha all'attivo circa concerti ed e' nel pieno della propria attivita' in Italia e all'estero. Dai grandi classici ai successi piu' recenti, in una versione Rock dance molto coinvolgente. La band e' formata da musicisti provenienti da varie esperienze di generi musicali, ritrovandosi in questo nuovo progetto galvanizzati da due frontman-woman, Dan e Susy. Ogni concerto un nuovo show! Entra in magistratura nel E' stata Pretore a Sant'Angelo dei Lombardi, in Alta Irpinia, per 5 anni dove si e' occupata di diritto penale, civile e del lavoro.

Dal ha lavorato al tribunale di Latina dove ha svolto principalmente le funzioni di giudice penale, trattando delicati processi anche di criminalità organizzata.

E' stata responsabile della formazione nel settore penale dei magistrati del Lazio. Dal lavora presso il Tribunale penale di Roma. I suoi provvedimenti in materia di immigrazione, di tutela ambientale, di evasione fiscale, di maltrattamenti in famiglia e di reati contro le donne sono stati pubblicati su autorevoli riviste specializzate. Nel settembre ha pubblicato La Giudice.

Una donna in magistratura, in cui partendo dalla propria esperienza, e dai pregiudizi che tuttora esistono nei confronti delle donne anche in uno dei luoghi di potere per eccellenza coma la magistratura, affronta il delicato tema della questione di genere in questo ambito istituzionale.

Tra le centinaia di presentazioni si ricordano in particolare: Quando il disagio diventa creativita', l'amicizia diventa fratellanza, il tempo diventa ritmo e il sudore diventa arte A dicembre del la famiglia si allarga e accoglie Simone alle percussioni. Si occupa di istruzione e di prima assistenza agli immigrati.

L'associazione si concentra nella cooperazione internazionale, con raccolta fondi per la realizzazione di progetti all'estero. Abareka' Nandree promuove i progetti secondo lo spirito del coinvolgimento diretto, della responsabilizzazione e dell'autorganizzazione delle popolazioni autoctone, per evitare ogni forma di mero "assistenzialismo".

L'Associazione persegue esclusivamente finalita' di solidarieta' sociale e ha come scopo principale quello di impiegare le proprie energie intellettuali, culturali, materiali ed economiche a disposizione di popolazioni, comunita' e singoli che, a prescindere dallo stato sociale, credo religioso e gruppo d'appartenenza, e nel rispetto della loro identita' e liberta', si trovano in situazioni di reale bisogno.

Priorita' e' il Terzo Mondo e le realta' ad esso correlate, con particolare attenzione ai progetti miranti a migliorare la qualita' della vita, l'istruzione, la salute delle popolazioni africane e asiatiche.

Abareka Nandree, inoltre, svolge in Italia progetti di integrazione degli immigrati con la citta' di Milano quali i corsi di italiano e lo sportello stranieri con l'obiettivo di fornire alcuni servizi di prima assistenza legale, amministrativa e pratica ai migranti e rifugiati presenti in Lombardia, al fine di attivare le risorse necessarie per riacquisire gradualmente la padronanza completa della loro vita Abareka' si fonda sui principi della nonviolenza e si contraddistingue per essere dichiaratamente apolitica, laica e gestita esclusivamente da volontari.

Il suo valore chiave e' rappresentato dalla reciprocita' come uguaglianza e impegno verso l'altro al fine di migliorare le condizioni di vita, liberta' di pensiero, liberta' di scelta e di espressione. Abareka' trasmette una personalita' accogliente, solidale, affidabile, positiva e di mentalita' aperta.

Tutte le attivita' sono gestite da gruppi di volontari che collaborano per la realizzazione di progetti mirati al reale soddisfacimento dei bisogni delle persone creando una rete permanente di relazioni umane Abareka Nandree onlus e' impegnata dal nel sostegno scolastico a distanza per bambini del Mali per assicurare loro un futuro migliore.

Il sostegno a distanza e' un gesto che puo' dare speranze e opportunita' ai bambini di un paese in cui ancora ad oggi la frequenza scolastica non e' regolare. Abareka Nandree dedichera' la serata al Mali e ai suoi bambini in particolare ai bambini profughi del Segou, particolarmente colpita da flussi migratori del nord del paese che scappano da gruppi islamici collegati ad Al Qaida. In questa emergenza nella regione di Segou, Abareka Nandree presenta il progetto di Sostegno scolastico a distanza con lo scopo di dare supporto economico ai bambini profughi che non hanno possibilita' di poter pagare la retta scolastica, le cure mediche di base fattori che costituiscono un forte ostacolo all'integrazione con la realta' locale.

Evento Abareka Nandree - sabato 15 ottobre - dalle ore Durante l'evento, Proiezione di video, Mostra fotografica, Aperitivo solidale, Interventi sulla salute e sull'educazione in Mali e nell'Africa subsahariana. Verra' allestito da Abareka Nandree un banchetto con materiale informativo e oggetti artigianali dal Mali destinati alla vendita per la raccolta fondi. Dj Ele e' la selecta ufficiale dI Rising Time; label, magazine e punto di riferimento per gli amanti della musica reggae a ".

La selezione dell'artista varia tra il reggae '80 e '90, dancehall, reggeton, soca, calipso, hip hop, trap, dance per uno spettacolo vario e sempre permeato di un ritmo che rendera' impossibile lo star fermi. Pezzi famosissimi, ma dimenticati e trascurati, una riscoperta per chi a quei tempi li ha ascoltati e per chi li ascolta adesso per la prima volta.

E anche per quei brani "inflazionati", la ricerca della versione particolare, spesso piu' bella dell'originale, o la rivisitazione I. MercoledI - 5 ottobre Olga Lvova chiude la mostra con una vendita all'asta delle opere esposte a LeTrottoir. L'artista devolverA' una parte del ricavato alle vittime dello sconvolgente terremoto del 16 Agosto. Per l'occasione i prezzi partono da una base di cento euro.

Ospite Dj Mauro Happy hour con una simbolica amatriciana. E' un punto d'incontro per i veri appassionati della band irlandese che racchiude diverse realta' in un unico simbolo. Foryoubrand Italia, infatti, nasce inizialmente come sito contenente ogni piccolo particolare del Sound U2. L'idea prende vita e viene gestita da uno dei più fedeli chitarristi ad interpretare 'The Edge'. Andrea Anx Perego, chitarrista Internazionale, e' conosciuto per aver collaborato con le piu' importanti band e per aver sponsorizzato eventi 'live' dedicati agli U2 anche in Europa.

Per avere le stesse timbriche dispone delle 7 chitarre originali piu' usate dal chitarrista degli U2, medesima amplificazione e stesso Setup.

Era qualcosa che non poteva restare solo teoria, bisognava trasformare il tutto in un Live Show ultimando uno spettacolo dal vivo unico e differente da ogni altra band. Vengono scelti musicisti professionisti con un mix di caratteristiche essenziali per ottenere il massimo. A interpretare Bono Vox un Vocal Coach dal grande carisma, l'azzeccatissimo Gabriele Favia, noto vocalist internazionale per aver maturato Live all'estero. Alla batteria, con un'impressionante precisione nelle esecuzioni dei brani, la perfetta riproduzione di Larry Mullen Jr, Manuel Taranto Jr, batterista noto per la sua ritmica impeccabile e precisa sia in studio che nei live, portando la sua passione in giro per l'Europa, suonando con artisti di calibro.

Come bassista, collaborando anche con artisti italiani di spessore, Alessandro Ando Pallavidini entra nei panni di Adam Clayton con estrema padronanza del suo personaggio. Ogni singolo componente interpreta dalla A alla Z il proprio personaggio sia dal punto di vista artistico, con stessi abiti di scena, movimenti e somiglianza fisica, che dal punto di vista musicale, con la stessa identica strumentazione, gli stessi suoni e lo stesso metodo di esecuzione che gli U2 utilizzano nei loro brani.

Materiale altamente professionale che permette di fare a meno dei videoclip che ritraggono i veri U2 proiettati nei televisori, non solo a rendere Esclusivo questo Show ma anche per evitare i Copyrights Video. Corrispondenze in tutto il mondo e numerose iniziative valorizzano Foryoubrand Italia, tra le piu' importanti ci sono le U2 Backing Tracks registrate dai 4UB al dettaglio, ricercatissime da ogni appassionato della band irlandese, seguite su You Tube con numerosissime visualizzazioni e una redazione con informazioni sul Sound, pronta a svelare l'anima delle creazioni di Bono Vox e Co.

Per conoscere meglio il marchio visitare il sito ufficiale www. Non mancano i fan degli U2 che da anni seguono questa realta' grazie alle continue iniziative. Cosa pensano gli italiani sui principali temi sociali dibattuti nel nostro paese? In che misura e con quanto interesse seguono gli avvenimenti politici? Come giudicano, ad esempio, gli immigrati? E la recente evoluzione di partiti e sindacati? Mannheimer affronta queste e molte altre tematiche di attualita' con lo strumento delle ricerche sociali.

Ingresso libero Eventuali prenotazioni e info: Ballare e' essere intrepidi. Ci sono quelle bambine che da piccole amano i tutù, il rosa, lo chignon.. Adoravo i jeans, il blu e guai a chi si avvicinasse ai miei capelli.

La sola idea di ballare mi faceva sentire male. Un giorno ho trovato mia madre che guardava un film con Fred Astaire e Ginger Rogers, e ricordo di aver fissato la televisione, assimilando tutto il possibile, rapita da quella grazia immensa. Grazia che sarebbe diventata presto il mio obiettivo. Trovo il linguaggio delle mani incredibile. Forse perche' sono un disastro nel parlare.

Preferisco scrivere, quando lo faccio le mie mani sono piu' rilassate di quanto lo sarebbe mai la mia bocca mentre parlo. Non ho la pretesa di essere brava, solo di trovare quel l'universo in cui possa esprimermi con piena liberta' e tranquillita'. In principio io sono un disastro, inseguo delle passioni che non metto a frutto. Cosi alla danza ho aggiunto la scrittura.

Non le sto sviluppando come dovrei, nonostante mi abbiano dato alcune soddisfazioni, come piccoli premi o applausi, ma ne rimango comunque affascinata. Penso, scrivo pensieri, e sogno quando mi siedo tra le poltroncine rosse della Scala… Trovo che in ogni caso il mio lavoro fin ora non sia stato inutile, in quanto riguardi un attento e interessato studio delle due arti.

So che per me sono entrambe un punto di arrivo. Come ogni anno Carol arriva in Italia per tenere una serie di concerti e master class in Italia e Germania Berlino. A Le Trottoir Carol suonera' accompagnata da un super trio: Nel fonda la Astoria Big Band in cui suona il sax baritono e' attualmente direttore. Ha suonato in tutto il mondo: Nel anni successivi approfondisce la musica Jazz e Free Jazz.

Frequenta lo storico Trottoir di Brera dove il Jazz era di casa e conosce tantissimi artisti di Milano. Ha suonato in Italia ed Europa. Dalle ore 19 di venerdi: I Libido nascono nel Cominciano la loro avventura nel panorama nazionale italiano esibendosi come cover band e con pezzi propri a varie edizioni del famoso programma televisivo Roxy bar.

Sono la band di punta nel tour della Fiaccola Olimpica di Torino La band suona in Lombardia come Cover band offrendo uno show che arriva a toccare quasi le tre ore. Dove richiesto organizzano anche serate Karaoke. I Libido offrono uno spettacolo di cover 70''' pop-rock inglese e italiano con i grandi successi di quegli anni, Queen, Led zeppelin, Bon Jovi, Baroni, Battiato, PFM e molti altri. La band si esibisce in formazione completa e in formazione anplagghed.

Sono la band di punta nel tour della Fiaccola Olimpica di Torino che si esibisce nelle maggiori piazze. La band suona in Lombardia esibendosi come Cover band offrendo uno show che arriva a toccare quasi le tre ore. La band ha la possibilità di esibirsi in formazione completa e dove richiesto anche in formazione anplagghed.

Contini is also the producer and member of the psychedelic-ambient project "ESE - Entheogenic Sound Explorers" with various albums for the dutch label Databloem Records.

In Allegro joined Liquid Rainbow and after the first contract with the Spanish indie label "Another Change Records" in the band released their first album named "Vol. I" a double album that contains 31 tracks in various styles from Dub to Ambient, from Pop to Dancefloor. In the following months the band performed various live concerts to in Milan and Hinterland to promote the released.

After the release of "Vol. I" Marchesi amicably left the band that became a trio. On March the follow up of Vol. II is released also by "Another Chance Records". It contains 10 tracks and the band included some blues vibes for this release. During the same year Liquid Rainbow signed a new contract with the independent Californian label Magnatune Records and in August 8x8 was released; the album contains 7 original new versions of songs from Vol.

I, a new track Open Your Heart and 8 Dub versions. In the band released Landscapes and Treasures a new album that contains 11 songs in various styles from psychedelic rock to ambient to dancefloor to trip-hop. Ci sono le bombe di piazza Fontana vicino alle molotov lanciate a Santana al Vigorelli di Milano, c'e' l'ascesa dei cantautori da Guccini a Dalla, vicino all'allucinante processo da parte degli Autonomi al povero De Gregori.

Insomma troverete in questo libro avvenimenti drammatici che hanno segnato la storia del nostro Paese e racconti piu' "leggeri" che narrano gli ultimi decenni facendoci vedere pero' che "non sono solo canzonette". Appartiene, indirettamente, per seconda generazione, alla scuola Trombone-Vitale.

Da piccola vince qualche concorso studiando nelle scuole medie a indirizzo musicale, successivamente si iscrive al Conservatorio e si diploma al Verdi di Milano. Studia composizione arrivando al compimento medio. Ha suonato nei locali di Noto, Troina, Acireale, Catania. Ultimamente compone canzoni, il suo primo e intramontabile amore, inserendo nel repertorio pezzi classici come i "giochi d'acqua" di Ravel. Le iniziative sono sul portale spreafotografia. La storia di un ragazzo di buona famiglia che si accompagna alle devastanti ottime ragazze dell'abbandono.

Andrea Lux Ferre ha ricordi di zucchero avvelenato. Questa storia è l'antidoto. Andrea Lux Ferre, eclettico e visionario, scrive i suoi testi nel sottosuolo delle città, nelle gallerie, sui vagoni delle metropolitane. Sogni diurni, lucidamente scomposti nel libro della mente, armonicamente trasposti in un lembo di materia.

Il racconto di un percorso, uno dei tanti. Il viaggio visionario nella luce e quello razionale nella tenebra. La celebrazione e la condanna. Pinketts Numa Echos, nacque. Da tempo propone le sue performance in qualità di cantautrice, musicista dark-rock e poetessa, affiancando i suoi testi a musiche sperimentali-alternative.

Vanta numerose collaborazioni e partecipazioni ad iniziative di elevato livello artistico grazie alla profondità, umanità ed originalità delle sue creazioni. FAVOLE IN PIAZZA Ognuno avra' un filo di colore diverso, i piu' grandi scriveranno le tracce, i nomi le cose che giudicano importanti da segnare, cosi se il filo si ingarbuglia o se ne perde qualcuno ecco che le parole scritte lo sistemano e si riprende il racconto Le storie sono scelte con bussolotti numerati, quindi si torna al momento iniziale.

Tre tracce sono dedicate al genere fantasy: In centro al cerchio formato dai bambini e' posta una pallina a sonaglio con fili collegati a ogni bambino, quando uno di loro vuole aggiungere qualcosa alla storia o esprimere un'emozione tirando il filo puo' parlare. Marina Sibaud - marynasol alice. DJ B-Blonde ha mosso i primi passi a Madrid nel , successivamente la ritroviamo nei piu' importanti ritrovi di Barcellona, Curitiba in Brasile e poi in Timisoara e nei piu' famosi locali d'Italia a Mantova, Verona, Vicenza, Milano.

I dj set di B-Blonde sono principalmente di musica elettronica dalla New Wave anni '80 al Synth Pop, all'Indietronica fino al Dance e all'electro swing. Arriva al momento giusto. E anche in questo caso piomba nel bel mezzo degli eventi.

O sono gli eventi a piombare su di lui, impegnato a innamorarsi di una ragazza dall'oscuro presente? Ossitocina ha i leggings e un cane, Lou Reed, addestrato a farle la spesa al supermercato. Per Lazzaro è un colpo di fulmine. Loden assassini, parka assetati di sangue, reggicalze letali, giacche da camera a gas esilarante: Pinketts è un guardaroba teatrale di lusso inventivo. E Lazzaro questa volta finirà coinvolto in un delirio senza precedenti, tra le fiere di Milano e la Fiera del Libro di Bucarest, con gemelli incendiari, latinisti allo sbaraglio e regolamenti di conti con le forchette di plastica, in compagnia di giornalisti d'assalto, mercenari vestiti da suora e vecchi amici orfani di guerra e di madre.

Nella Capanna dello Zio Rom Pinketts ricrea la sua Milano nera e surreale divertendosi con lo stile inconfondibile di sempre: Nel corso di un mese dalla "vita breve ma intensa come James Dean", fatto di pomeriggi "corti come calzoni alla zuava", si addensa una vicenda ricchissima. E più le cose si complicano, più ci si immerge di gusto nella lettura, in sintonia con Lazzaro che, ricapitolando gli eventi, a un certo punto ammette: Ha scritto vari libri di argomento musicale e storico fra i quali figurano: Lucio Nocentini, pittore, espone le sue opere a olio, mastodontiche e burrose.

Sirene contemplative, marinai gaudenti e icone fantasiose e fantastiche che si muovono come pesci in un acquario che tanto sa di novecento. James Macfarlane, dopo la fortunata mostra di collage "Spaghetti Hopper" Milano, Roma e Genova , prende stavolta come sfondo nostalgiche cartoline d'epoca e intreccia con garbo e ironia immagini a lui congeniali. Monumenti e vedute di una volta si mescolano giocose con pomodori, croissant e icone incontrastate del cinema.

Macfarlane segue rigoroso la tradizione dei collagistes, lavorando esclusivamente con forbici, colla e immagini trovate in riviste, libri e cataloghi. Laura Barenghi e' la truccatrice preferita di Mauro Corruzzi, in arte Platinette. Il sette giugno si esibira' in una "performance art" dove i partecipanti stessi saranno gli artisti che potranno fotografare tutte le fasi del trucco della genesi Mauro - Platinette. Ovviamente sara' presente "l'ingombrante modella"! A fare da sfondo a questa performance ci saranno maxi fotografie realizzate da Lucio Nocentini nel , durante le fasi di una seduta di trucco "Making Platinette".

Divertimento, cultura e cittadinanza attiva che si intrecciano in un mix tanto insolito quanto dirompente. Rompiamo i soliti schemi, svecchiamo l'idea e il concetto di volontariato, troviamo il tempo di coinvolgere, raccontare e ascoltare storie vicine e lontane Le opere -spray su pannelli di legno- ultimate nel pomeriggio saranno vendute al miglior offerente e messe in palio come premi della lotteria la cui estrazione avra' luogo alla fine della serata. Per partecipare all'estrazione bastera' acquistare un calice di vino dai volontari BiR presenti dalle 16 fino a notte fonda.

Dalle 20 alle 22 l'Open-Concert, una giovane band di artisti accompagnera' la clientela all'abbondante aperitivo con buffet. Durante la giornata i volontari BiR -Bambini In Romania- saranno presenti con un banchetto informativo, pronti a spiegare le attivita' che l'associazione porta avanti durante l'anno.

I proventi della vendita dei calici di vino e delle opere sono destinati all'associazione BiR Onlus presieduta da Don Gino Rigoldi. Dal organizza campi estivi di volontariato in centri diurni e sul territorio in Romania e Repubblica Moldova.

BIR attiva tutto l'anno nella promozione della partecipazione civica e della cittadinanza con formazione e attivazione rivolte a giovani e adulti. BIR collabora attivamente con singole persone, organizzazioni e istituzioni su scala locale e internazionale, costruendo percorsi e cambiamenti ispirati a logiche di partecipazione e sostenibilita'..

BiR - Bambini in Romania. Vietato l'amore, sia chiaro, non il sesso. Del resto si sa che i benefici dell'amore sono intimi e privati mentre i costi, sanitari e giudiziali, sono a spese dello Stato. Questa e' la riflessione del Duca che per il bene della sua comunita', prende atto che l'amore non e' piu' sostenibile: Semplice a dirsi ma non a farsi e Alba e Valerio, due giovani amanti, di certo non si rassegnano a lasciarsi o a diventare fuorilegge.

Sono in ambasce anche i Saggi e i Ministri del governo che non sanno come uscire dal dilemma tra salvare l'Amore o salvare le casse dello Stato. Tra equivoci e colpi di scena, riusciranno nella impossibile di trovare una soluzione creativa per coniugare bene pubblico e amor privato?

Una sfida che porta piu' di un sorriso e del resto, si sa, che se non fa sorridere non e' una cosa seria. Insegnante di tecniche creative nei master universitari. Collaboratore di aziende private e enti pubblici nello sviluppo delle risorse umane e innovazione sostenibile.

Buttafuori, mercenario, investigatore senza licenza, conosce tutti i segreti di Magaluf, Maiorca, centro turistico che per sei mesi l'anno esplode di musica, alcool, sesso e divertimento. Ma quest'estate c'e' qualcosa di nuovo nella "citta' del peccato": Dove la legge non puo' arrivare, l'unico che possa mettere a posto le cose e' Toni Black. Traduttore di bestseller, editor e curatore di collane, per Cordero Editore ha pubblicato Medina-Milano da morire e Lettera K - Corso di scrittura creativa e lettura consapevole.

Per il denaro si soffre, ma non sempre - al di la' della percezione diffusa della sua importanza - si sa veramente di che cosa si tratta. Non c'e' chi ignori l'esistenza e l'influenza delle banche, dell'industria della finanza e del credito e delle norme che ne regolano il funzionamento, ma ben pochi hanno una conoscenza precisa di cio' che le istituzioni finanziarie sono, rappresentano e fanno, delle loro finalita' sostanziali, di quelle dichiarate e di quelle reali.

Tutti parlano di valore, denaro e prezzi, ma spesso li confondono. Tutti parlano di economia credendo che soprattutto le cifre siano chiamate a descriverla. Ecco, il modo migliore per cominciare questo libro e' dire che le cose non stanno cosi, che il valore ha un significato, un senso difficile da riassumere in un numero, oggettivo per definizione, e piu' facile invece da ricollegare con una persona e una sensibilita' personale, per sua natura soggettiva.

Motivo per il quale quella dell'economia e' in realta' una Geistwissenschaft, cioe' una scienza dello spirito. Piazza 24 maggio - Milano - www. In questa occasione oltre alla presentazione del libro, Micaela Zuliani, fotografa, con Valentina Tomirotti, giornalista, e con Francesca Barra, scrittrice, incantera' spiegando come la differenza priva dei ricorrenti pregiudizi puo' comunque accedere ai principi naturali della seduzione.

Micaela Zuliani eclettica e anticonvenzionale, con questo primo manuale di fotografia pensato per i ragazzi diffonde la fotografia Boudoir con il progetto "Portrait de Femme" che rende la donna protagonista indiscussa, valorizzandone l'unicita'. Il Futurismo va a braccetto con il futuro che e' diventato presente: Un viaggio fantasmagorico attraverso le avanguardie del Novecento, con la prima tappa dedicata alla Pop Art e il suo campione, Andy Warhol.

Approda alla darsena, il porto di Milano, la prestigiosa Collezione Rosini Gutman. Le Trottoir, faro di cultura, intrattenimento e spettacolo, storico locale milanese che occupa da oltre dieci anni la sede monumentale del casello daziario napoleonico in piazza XXIV Maggio. Dal 12 luglio all 8 Novembre , in pieno periodo Expo e per celebrare la rinascita del sito urbanistico monumentale milanese che fa capo alla Darsena e ai Navigli, LeTrottoir ospita una mostra - monumentale anch'essa- di straordinario valore, esibendo in un solo ambiente di ritrovo pubblico - e rinnovato anch'esso - allestito con opere raccolte in una imponente retrospettiva antologica che comprende i Futuristi italiani fino ai maggiori esponenti dell'Arte contemporanea, tra i quali Ottone Rosai, Amedeo Modigliani, Joseph Beuys, Roy Liechtenstein, Marco Lodola, Piero Manzoni, Niki de Saint Phalle, Andy Warhol e Mario Schifano.

Si parte con Andy Warhol e la sua scoperta del mito dell'eroe popolare nel mercato dell'Arte. Nel e' stato l'unico talento emergente di grande successo del Latinoamericando Expo di Milano.

E' del il suo primo album da solista, Mi Turno http: Nell'estate del , ha aperto il concerto del Maximo Leader, Daddy Yankee, guarda il video della prima parte dell'esibizione: Negli ultimi tempi si e' impegnato in tour per la promozione in Sudamerica del suo ultimo album e di due singoli Un Party link al video: De Martin Pinter Matteo Mate, da sempre affascinato dal mondo delle immagini in generale il primo approccio con i colori è stato quasi per caso, colorando una Milano un po' troppo monocromatica.

Col tempo l'interesse si e' esteso e ho iniziato un percorso artistico, cercando vari mezzi di espressione, tecniche e materiali, iniziato all'Accademia di Belle Arti di Brera con tempere, acrilici, smalti e oli su tela, stampe grafiche, litografie e serigrafie; le aerografie su moto e caschi ed infine il mondo del tatuaggio, anche se la tecnica che uso piu' di tutte e' la pittura murale con colori spray. Durante il mio percorso artistico sono riuscito a sviluppare varie tecniche di rappresentazione partendo dal realismo, quindi da un approccio tecnico, uno studio sull'uso e l'affiancamento dei colori e ombre, sui quali mi sono concentrato durante il periodo di studi accademici, e che continuano anche oggi; Mi hanno permesso di sviluppare nuove tecniche d'utilizzo degli spray, che col tempo mi ha portato alla creazione di immagini semplificate, con un effetto grafico, di maggiore impatto che richiedono meno utilizzo di colore e di tempo, uno stile personale, che rimane tra il realistico e il grafico che mi consente di fare grandi lavori in poco tempo.

Questo mi ha permesso di rendere i miei lavori espliciti e immediati, variando il lavoro e aumentando l'interesse verso il mondo dell'arte.

Il nostro slogan e.. In allegato una piccola presentazione del marchio, in poche parole di chi siamo. Segue le tendenze del momento utilizzando tessuti leggeri adatti all'uso quotidiano. Rispettando la comodita' del cliente verra' fornito anche un servizio a domicilio Tutti gli abiti visualizzati su questo sito potranno essere realizzati in qualsiasi taglia richiesta al momento del confezionamento.

Lisa Mazzero in Danza del ventre. La rivoluzione degli angeli danzanti. La danza del ventre ha origini sacre e nasce come culto della Dea Madre, della parte femminile della divinita'. Veniva danzata dalle donne in epoca arcaica durante i riti di fecondita' e prosperita' e, con le sue movenze, mimava la rotazione e la rivoluzione terrestre e persino la precessione lunisolare. Questa danza non e' patrimonio esclusivo del Medio Oriente, bensi dell'intera umanita'.

La stessa cosa del resto si puo' dire per altre discipline tradizionali quali per esempio lo yoga o le arti marziali che si ritengono comunemente originarie dell'India, della Cina e del Giappone, ma che in realta' hanno solo trovato le condizioni favorevoli in tali Paesi per potersi sviluppare, essendo in realta' nate dall'esperienza di tutta l'umanita' a tutte le latitudini.

Anche nelle danze, cosiddette moderne, originarie di vari Paesi pur lontani tra loro si ritrovano tecniche simili a quelle della danza del ventre, come per ricordarci che le tradizioni dei diversi popoli hanno tutte un denominatore comune che, come un sostrato linguistico unificatore, non cambia da cultura a cultura. Un corpo sano e' legato al fluire armonioso dell'energia che lo rende vitale. Attraverso i movimenti della colonna vertebrale e del bacino si ha un effetto simile a quello dello yoga nell'attivazione dei chakra e nel risveglio di kundalini.

Questa energia che si sprigiona in noi ci consente progressivamente di padroneggiare le nostre emozioni senza reprimerle e, quindi, di viverle pienamente. La nostra vita e' nelle nostre mani e ne diventiamo consapevoli e capaci di dirigerla, imparando a essere sincere con noi stesse come sincero e' il nostro corpo danzante nella sua spontaneita'. Impariamo a non perseguire cio' che non ci corrisponde solo perche' e' di moda o perche' qualcun altro lo pretende.

Impariamo a essere noi stesse sul piano emotivo come sul piano fisico. I 4 piani non sono separati tra loro, agendo su uno si agisce anche sugli altri. La cosa interessante e' averne la consapevolezza. Se il nostro corpo cambia, cambiano anche le nostre emozioni e i nostri pensieri.

Il cambiamento puo' partire anche dal pensiero o dalle emozioni, ma, forse, partire dal corpo fisico da risultati piu' immediati perche' esso e' la parte piu' tangibile di noi. Ma la caverna è anche rifugio per antanomasia, e pur sempre l'ombra come l'inconoscibile fuori che proietta le sue forme controluce.

Quella funzione da Adescatrice Lei la sapeva adoperare ad Arte, irrefutabile come un dato della Natura, in cui lo Spazio vitale, l'intero Spazio di lui l'avrebbe dovuta desiderare senz'altro scopo che questo anelarla continuo, in una dedizione all'Estasi reciproca al limite dell'Autosacrificio e quindi dell'Autodistruzione.

Ma l'impressione è che sia un altro pane cotto col quale non smuoveremo una pietra di questo che è un sistema deragliato, a meno che non imploda su sè stesso, una lusinga che è sempre più fausta che augurarselo davvero. Ascolto, senza che più mi raggiunga il Mondo, ascolto nel vento un remoto tuonare e un canto di miriadi di voci umane.

Mi rivedo fanciullo a dieci anni, è lui che ascolta questo canto corale che cresce, è lui che sorride d'inquietudine, che mi dice di voltarmi, di vedere quell'orizzonte turbinoso di nubi inchiostro e polveri violacee, tuoni e fulmini per ora muti che fanno luce su una visione d'assoluto dinamismo, vortici, mulinelli di vapori, nubi nerastre che si rincorrono frenetiche, nebbie rasoterra grigie-azzurrine, tutto ricorda Turner.

Mi rivedo in flashback bambino a dieci anni, anzi lo vedo dimnnanzi a me esattamente com'ero, lo vedo conservare un assoluta calma, segno di qualcosa, impassibile avanti al fortunale che avanza. E' un altro, quel bambino di dieci anni che dice: Mentre questo bimbo singhiozza a dirotto senza apparente motivo, il cielo è ora chiarissimo, sfumature panna all'orizzonte, una cornice d'argento tutt'intorno, si diffonde un profumo intenso di gelsomini e salsedine, s'erge un arcobaleno di colori, gabbiani si rincorrono berciando radenti le dune sabbiose.

Perchè in definitiva questa Potenza è Egli stesso e tutti il suo Destino in agguato! Sospeso come un Albatros sopra l'Oceano tra mile apprensioni, senza che s'avveda la riva. Ma che importa, l'essenziale è volare, senz'altro che questo sbattere d'ali.

Queste inutili devianti allocuzioni sulla invasività di Internet francamente paradossali paiono come quelle che vedevano nell'invenzione del motore a scoppio una diavoleria. Uno schianto che lei suggella in un falsetto osceno d'affermazione gaudente, esaltata metamorfosi di cui lui è grato ma che non gli risparmia ogni volta una non invelabile ingiuria a titolo personale.

Pane, mistero, autorità, ecco i tre mezzi con cui s'abbocca Scopo era quello di esaperare la narrazione senza uno scopo preciso, mescolando cronaca, politica, sesso, grado di una civiltà, in un pandemonio senza edulcorazioni, furbismi amanuensi, ma in grado di far respirare un grido che rilevasse in verità: Gesti riparatori, di una certa dignità, con cui distinguersi dall'imbarazzante consesso dei suoi supposti colleghi. Un blocco di potere che l'inchiesta milanese su Propaganda 2 aveva provato, inchiesta poi scippata dalla Procura di Roma.

Ecco il denominatore che lo ha sempre accompagnato: Questa dittatura all'acqua di rosa ma sempre pronta a difendersi con le unghie quando serve, questa dittatura da avanspettacolo, questa parodia del potere, questo falso contrapporsi quando poi sono d'accordo sugli affari che contano, questa cappa d'afa che pesa da trenta anni su vecchie e nuove generazioni, senza strepiti, senza nessuno che se ne lamenti Altra allusione di Cossiga è che ogni Stato utilizza metodi extralegali se costretto dalle circostanze.

Chi non veda un collegamento con la Loggia P2 è un cretino. Cossiga ha parlato molto, appena ne aveva l'occasione, sempre da protagonista. Una domanda che ha ripetuto spesso m'ha sempre colpito: E' ogni ritardo ad essere esiziale, questo ritardo criminale degli altri che fanno solo finta di vedere.

Sempre in nome di questo Amore mai eviscerato dal Nulla in cui l'Amore sempre si cela sino a farci impazzire. La questione consiste in uno scadimento culturale dell'intera società disumanizzata, fagocitata dai suoi padroni bestialmente arroccati che per il potere sono disposti persino all'utilizzo di stragi e bombe. Non credo serva un'emancipazione individuale, se è in gioco la sopravvivenza della specie.

Basta romanticismi, guardiamo la verità! E' tirannia, cospirazione tutti i giorni in questa repubblica merdosetta! Che gran testa di cazzo, non s'è mai accorto che qui si tratta di una alterità inconciliabile col Mondo e destinata ad una guerra perpetua? Che il protagonista non è conciliabile con la realtà che ha L'ho sempre detto che Moravia è stato sopravalutato! Il mio ethos non è dissimile, solo che ogni tanto si deve uscire di testa, altrimenti si rischia la paresi mentale ad essere acciaio tutto il tempo.

Ci vuoleanche qui, in questo senario già da post catastrofe, quella dose di elasticità che è l'illusione che la vita continua Dicono di me che sia un pessimista. Questa di una relazione è comunque un rischio che s'affronta contro tutte le previsioni d'insuccesso, cioè il fallimento va comprovato ai nostri occhi , non c'è alternativa che buttarsi lo stesso.

Almeno questa è la mia opinione! Dapprima c'è lo sguardo, poi il tatto e le parole, quindi l'amore quando la persona che amiamo ci manca Questa dimestichezza è ad ora non solo la mia maggiore ricchezza, ma il mio arsenale migliore: Non sono certo moralista, queste giovani donne sono pure da capire, in una serata guadagnano cifre esorbitanti, oltre a guadagnarsi opportunità nel mondo dello show business.

Certo, pagano un prezzo che è svilente della dignità d'ogni donna La questione è che chi s'adopera come moralista risulta poi un pessimo divulgatore se sorpreso con le mani nella marmellata. E' questa ipocrisia, oltre all'inopportunità politica, a destare l'indignazione, è questa doppia morale che un tempo si sarebbe definita 'borghese a fare veramente schifo' Pur scorrendo sottoterra, è il pensiero non più frantumabile ma trasformato in resistenza, in anticorpo mentale, qualcosa che albeggia appena, eppure congiunzione tra altri anonimi per un'idea possibile di Terra.

La repressione intellettuale aveva allora qualcosa di orrido, oggi al Potere è sufficiente ignorarti, lasciarti a bagnomaria nel liquame dell'indifferenziato. Nonostante lo sconforto, non perderere di vista l'immaginazione, vero succo che ci fa vivere ancora, immaginazioni che presuppongono, ovviamente, il rispetto per chi amiamo nel profondo La voce di Bjork ha l'asperità dell'infanzia della Terra in sè, uno struggimento stregante che s'origina alle avvisaglie di una Terra che è appena nata, che è vigore della sua violenza e delle sue pause senza leggi umane.

Rivisto ieri sera su Arte questo film languente, languente perchè mostra come degli assoluti geni della musica siano stati ignorati dal Mondo a causa di un embargo senza fine.

Mi sono varie volte commosso proprio per questa loro irriducibilità alla vita. Pur scorrendo sottoterra, è il pensiero non più frantumabile ma trasformato in resistenza, in anticorpo mentale, qualcosa che albeggia appena, eppure congiunzione tra altri anonimi per un'idea possibile di Terra. La politica è pur sempre una missione possi Nei resti reconditi si stagliano pure momenti significativi di baldanza, se non di esaltata aderenza alla vita, non lo nego, ma sta proprio nel fatto di averli vissuti quali istanti di beatitudine a farne rimpiangere ora la latitanza, quel perdurare sempre più inquieto del loro non più apparire si sforma a lungo andare in inidoneità ad amare.

E' che ci si è rovinati senza speranze di uscirne, ci si è accasati troppo in fretta, con una persona che si sarà presto rilevata una disgrazia, col tempo una vera e propria miniera di malvagità ed insipienza. Putridi esseri coloro che non hanno un cazzo da fare che ribadire gni volta l'inutilità di quanto scrivi e pubblichi, sostenendo che sia soltanto tempo perso, un coro ignobile di detrattori pieni di livore che pure sortisce i suoi effetti guastatori.

Lui poi non è neanche uno che si lamenta del suo stato, ne ride spesso, ne scrive perchè tutto gli sia esorcizzato, se uno legge bene sono battute le sue, sebbene la situazione sia sul punto di esplodere, costretto com'è a convivere con altri simili. A torto collo seguo il dibattito politico come vedessi un pessimo film dell'orrore, questa tiritera melensa uguale da almeno venti anni, senza che se ne tragga la sola conclusione plausibiile e cioè che in questo Paese martoriato non esistono nè prospettiva poltica, nè idealità ma neppure una normale gestione ordinaria Riflessioni 2 Pacatamente, senza dolere di percorrere noi stessi la stessa rovina che è tutt'intorno, dagli affetti in bilico, agli amici insalubri, è l'intera la società a svelarsi com'è: Ma poichè l'amore vero va oltre la fiducia e nessun rapporto è pensabile per sempre, la gelosia è il tentativo di ancorarlo sul fondale del nulla, sulla premessa, costantemente ribadita a sè stess Auspicabile, una volta che la palla sia rimessa in gioco, prima o dopo la riforma non importa, dovrebbe favorirne gli attuali opponenti in entrambi i casi, ma sarà capace la c.

Sinistra di innovare rispetto al lezzo iperliberista di precarizzazioni, privatizzazioni, scadimento della rete industriale, altro poi se la megalomania del Leader non importi ancora esiziali defaiances del sistema, mai disinnescate La battuta omofobica c'era da aspettarsela, visti calibro da biscazziere e animus nocendi, per cui la propria miglior difesa è sempre l'attacco.

E' proprio una forma la mia di vivere che annaspa, chi più chi meno non è solo l'affermazione creativa che si palesa sempre più corrosiva, ad essere in bilico, ma un sentire comune in cui avrebbe forse gioco l'alleanza, e quindi la tangibilità, l'ingresso ad un vero gioire dei sensi.

Patronato da un Ego portentoso, stamattina si chiedeva come mai fosse ancora vivo Ma si sa, uno non si fà facili illusioni. Parimenti ch'uno sia loquace o reticente gli si notifica immancabilmente l'opinione non sollecitata di godersela la vita il più possibile, invece di enucleare un senso in ogni azione umana neanche si fosse Sant'Agostino coll'occhio sempre in tralice.

Schubert - Death and the Maiden Una delle opere più intriganti di Schubert in assoluto, un quartetto teso ed avvolgente, prodromo già delle innovazioni armoniche da Alban Berg a Paul Hindemith. Lo ascoltai per la prima volta a 17 anni mentre ne percepivo la sua lusinga in un profondo dormivegliare. Scivolare en passant su questioni su cui i lettori sorvoleranno, come pure ogni argomentazione dialogica rintanata ad libitum all'angolo, senza che siano state nemmeno esondate le cause vessate dell'apparente contesa e, seppure contorto, alla luce della profezia pasoliniana di una società sempre più alienabile: In satelliti china, avamposto e gioco di rifrazioni da cui si guarda dall'altissimo il Blu intatto degli Oceani se vuoi qualcosa in più, allora sorprendermi, almeno il palcoscenico non ci faccia uguali a quelli che siamo, se intendi gioco allora non stai fuggendo Non vedo difficoltà tecniche, lo Stato s'assume la sicurezza degli spazi e la loro salubrità sanitaria, incassando per tasse credo non poco, vista l'ossessività di domanda in giro.

Riflessioni S'inasprisce la contesa senza mai deflagrare mai davvero, come fisiologicamente sarebbe pure d'obbligo in un territorio saturo di chiese, mafie e padroni, sfruttatori che similmente all'anno preconizzerebbero l'eruzione sociale, ma qui tutto ha le tinte di una farsa ignobile in cui ci s'accomuna benevoli nel ripudio tout court della violenza, quasi fosse solo questo l'unico collante coesivo residuo Pastoralmente indulge in una sorte di ascesi rispetto alla faccende del Mondo, non trovandovi altro che conferme agghiaccianti alle sue premonizioni, ma dato che nessuno è profeta in Patria, se la gode astenendosi dal crepitare indignazioni che sa disutili, in un ozio edulcorante, o nel tepore di letture degli antichi c Intanto sono i paradossi della Storia a rilevare, alle migliori intenzioni sta infatti un mancato relativismo, ma da qualche parte si dovrà andare Dirigere la crisi in una sorte di vaso decantatorio che non esclude la caparbietà della creazione, stagionatura di un'espansione che pur arte di scetticismo si fa invadere di fratellanza come per miracolo Un insieme di fattori verosimilmente, alcuni prevedibili, altri meno.

Una risacca difficile da rimontare, ti dico.. Non farebbe altro che dormire, eppure anche il sonno gli procura una fatica che lo opprime come quando è sveglio. Bene, mi dico, almeno c'è una reazione seppure provenga da un encefalogramma piatto o quasi.

E' come dare ossigeno ad un asfissiato e questo una volta salvo v'insulta. Un cupio dissolvi era meglio che aprire gli occhi Tra i fattori odierni c'è purtroppo la veridicità che si volge sempre contro la morale, ne scopre il fine, la rivendicazione interessata, ride di questa inveterata menzogna' il dilemma è ricominciare cosa? Io ogni giorno ricomincio, ma è sempre un galleggiare senza ormai neanche uno scopo Un Paese dove nemmeno la solidarietà familiare, che è stata sempre il collante in questo colabrodo di società, resiste al suo inesorabile decadere in squallida congrega, vile combriccola avida di egoisti e mestatori, in cui la violenza ne segna il tratto per definizione, provato dal proliferare di violenze d'ogni tipo Sud senza distinzioni, anche oltre confine, vero ed imperituro Made in Italy del cazzo?

Nella mia dispersione reco con me vero un brandello di senso? Il populismo di Peron aveva almeno come presupposti un'attenzione al mondo del lavoro, una maggiore perequazione sociale, la nazionalizzazione delle industrie strategiche.

Disposto a tutto per non continuare ad affogare dentro questa melma in cui convivono ipocrisia e indulgenza della sinistra più gretto affarismo della destra, in cui anche i patti con la mafia sarebbero benedetti, ma guai a fischiare i conniventi con la mafia, si deve essere democratici.

Teste di cazzo di moralizzatori Ora che tutto è scopertamente ignominoso, neanche si è capaci di ammettere: Cazzo, ci siamo sbagliati! Macchè si continua con la solita solfa inaudibile, disgustosa Sostiene Mario Pirani che Enrico Mattei aveva come obiettivo la sovranità economica dell'Italia, un'operazione che non differiva da quella perseguita da Mussolini con la nomina di Beneduce e l'istituzione dell'Iri. Veglia, sogno, sonno profondo che è l'oscurità brillante senza pensiero.

Mattei in una intervista al Nouvel Observateur, pochi mesi prima della sua morte- Probabile che l'affronto più forte compiuto da Mattei fosse stato l'incontro con Kossigin. Dopo questo incontro, l'Eni, la Finsider entreranno nel mercato sovietico con commesse notevoli, all'Italia sarà assicurato il gas russo ad un ottimo prezzo. Il Dipartimento di Stato e la Nato protestano invano, Mattei va avanti, Mattei sapeva bene che il suo apporto ad accordi interstatali avrebbe sortito l'effetto di indebolire la posizione delle compagnie petrolifere.

I suoi contratti con l'Iran e la Russia sancirono un obiettivo indebolimento delle posizioni delle compagnie petrolifere dominanti tanto che Mattei fu descritto c La sua opera non fu dissimile da quella di Nasser e altri leader dell'epoca: Voleva un'Italia forte, libera, capace di sostenersi sulle proprie gambe.

Il dato è che non è possibile il pieno impiego, le imprese non assorbono manodopera, il pubblico è in ritirata. Se fossimo un paese normale vi sarebbe un'indennità di dissocupazione, ma dato che non lo siamo aspettiamo solo che la situazione deflagri, no?

Per poi stupirsi, poveri increduli in malafede L'apice consiste nel bisogno disperato degli Stati Uniti di controllare ancora per decenni le fonti petrolifere de Obama non potrà farci nulla, se vuole sopravvivere. L'attuale assetto politico ne è il coronamento più esplicito Altra allusione di Cossiga è quella che le BR avrebbero vinto se Moro fosse stato liberato. Guardo l'orizzonte, il lago, l'incendio del sole al mattino sull'acqua dove vorrei annegare tutti i miei pensieri L'ho sempre detto che Moravia è stato sopravalutato qualche conto in sospeso effettivamente c'è, d'altronde non sono il solo scrittore che li regola con la pagina scritta, anzi direi che è un vezzo comune, più che un vezzo l'essenza stessa dello scrivere, abbastanza remoti dal fuoco della questione mi pare Ricchezza di una relazione se non si bada a come si dà e riceve, generosità senza timore delle conseguenze, si è solo preoccupati del benessere dell'altro, l'altro che non rimane mai nascosto ai nostri occhi, anche se assente, distante.

Furore dopo un dissapore o fraintendimento, una delusione s'accampa più mordace ai Anche la rabbia, la sua ferocia! Questya dimestichezza è ad ora non solo la mia maggiore ricchezza, ma il mio arsenale migliore: Non parlo del caso mio, parlo dello 'scavare', per me un'eccellente metafora dei compiti veri d'ogni scrittore che si rispetti Fontanellato sopra l'asfalto dimette sgorghi d'acqua che gorgogliando s'adunano nel risucchio di un tombino di ghisa lordo di frutta marcia. La donna propone che lui scriva a tempo pieno, provvedendo lei ai soldi, visto che in Israele sta vendendo una sua proprietà ed è proprietaria nelle Marche di una casa propria.

Lui rifiuta, non gli va di essere dipendente da nessuno, tanto meno da una donna. Lei, anch'essa scrittrice di un certo talento, propone di collaborare assieme, di dividere ogni spesa, lui accetta.

Lui affitta una casa al mare per venticinque giorni, provvede a tutte le spese, si occupa anche di farsi recapitare nella casa dei suoi ai Castelli tutti i pacchi di lei di cui non sa nulla e che lei non sa dove indirizzare.

Quando lui ha finito i soldi, sorpresa: Viene a sapere addirittura che la madre di lei ha avviato un'investigazione sul suo conto, nonostante fosse stato con questa signora, ospite nella sua casa, chiarissimo su tutto, in specie sulla propria condizione economica.. Lui è costretto a farsi prestare i soldi da amici cui non ha mai chiesto un prestito. Ma riesce ad onorare a tutti i suoi impegni.

Tuttavia viene a scoprire da vari indizi che lei non sta dicendo la verità, un biglietto aereo ad es. Risulta anche che nel suo paese essa ha venduto la sua auto, ma stranamente ella afferma che quella somma ricavata dalla vendita le è stata bloccata. Alla fine lui rimane senza un soldo e lei parte per casa dei suoi com'era previsto. Afferma addirittura che lui ha tradito la sua speranza in una vita assieme, assieme ai suoi figli. Lui l'ha portata acerrimamente a queste conclusioni, visto che non fa che provocarla per carpire davvero la natura di questa persona.

Lui diventa oltremodo spietato. Tuttavia c'ha messo poco a capire, un mese in definitiva, una somma cospicua è stata buttata ma almeno è stato bello, magnifico anzi, lui non se ne lamenta, non si lamenta mai dei soldi, ama addirittura questa persona che è disposto a perdonare, la difende davanti ai terzi sino a rendersi ridicolo, lui l'ama a modo suo, le contesta solo l'astuzia, la miseria, la macchinosità manifesta di una persona che si auto presume nascosta o dissimulata al suo compagno, ma che invece è come uno scrigno trasparente avanti ai suoi occhi, nonostante tutte le sue manipolazioni.

Non la odia per le sue bugie, per la meschinità, è indulgente con l'umanità in genere, lo sarebbe specialmente con lei che dopotutto è una persona che ammira per tanti altri aspetti. Ma una cosa gli è certa, quasi lapalissiana nella sua ovvietà: Capitolo II Ora, la cosa che disturba maggiormente l'uomo non è tanto l'incidente riguardante i soldi, abbiamo detto che a lui non interessano i soldi e che se la cosa lo ha disturbato oltremodo è stato piuttosto il raggiro e la malizia perpetrati ai suoi danni, la questione è ben altra e ben più grave: Il tutto ricorda in modo impressionante un film la donna che visse due volte di Alfred Hitchcock, mi pare con Kim Novak nella parte della figlia succube, ma non sono sicuro che fosse proprio Kim l'attrice protagonista.

Come Kim costei ha una madre che definire un portento nell'intrigo e nella manipolazione è dire poca cosa. Fu la madre a togliersela di torno ed a sistemarla in Israele con un uomo che la figlia non amava, un brav'uomo che rappresentava certo un buon partito e l'occasione di vedersela sparire lontano dallo sguardo.

Teniamo in considerazione che questa donna non è mai stata ebrea di nascita, né mai s'è convertita, nonostante tutte le pressioni. Circa cinque anni fa, il rapporto tra i coniugi va in crisi, l'uomo non provvede al mantenimento di lei né a quello della prole, la nostra eroina è costretta per far sopravvivere i suoi figli a fare la sguattera nelle case di ricchi ebrei che lei stessa definisce orribili e sporcatissimi. Non intende fare causa al marito, è troppo orgogliosa oppure fondamentalmente è una che aspira nell'intimo al martirio.

La donna decide invece a sorpresa di trasferirsi coi figli nel Sinai sulle sponde del Mar Rosso. E' convinta che si possa vivere con poco, porta con sé giusto qualche risparmio che ha accumulato pulendo le case nauseabonde di questi ricchi. Finiti i soldi è costretta a tornare ma riparte subito dopo per l'Inghilterra. Qui, senza che alcuno della sua famiglia sempre prodighi di consigli e ingiunzioni le abbia al solito inviato un minimo per la sussistenza, la donna riesce a lavorare, affitta un grazioso attico sul mare, riesce a comprarsi alcuni mobili, nel tempo libero scrive e dipinge.

La sera a volte esce, ama ballare, qui conosce un arabo dai lineamenti nobili che una sera la invita ad uscire, non sa che si tratta di una trappola. La riducono in fin di vita gridandole 'Dirty ebrew! Lei, dopo mesi di ricovero, è costretta a ritornare in Israele dove per una grave crisi psichica causata dalla violenza subita, è ricoverata presso un istituto psichiatrico ed affidata alle cure di un noto psichiatra, il quale non trova di meglio che imbottirla di psicofarmaci micidiali forse a base di litio.

Il medico, un luminare nel suo campo, non trova di meglio che violentarla, la violenta persino in casa, coi figli dietro la porta socchiusa, finché lei decide basta e finisce per denunciarlo. Il medico è radiato dall'Ordine, è incarcerato per alcuni mesi.

A lei spetta un risarcimento, ma il Governo le riconosce una miseria per i danni subiti, una miseria di EU! Ma è sempre lei che decide di non andare oltre, potrebbe impugnare la deliberazione ma non lo fa.

Nel frattempo questa donna prende posizioni pubbliche a favore della causa palestinese. Pur difendendo il diritto dello stato d'Israele ad esistere e difendersi, è inorridita dalla costruzione del muro, dagli insediamenti dei coloni su terre che appartengono ai palestinesi, dal blocco economico che affama un intero popolo nella striscia di Gaza.

Scrive, pubblica, dialoga pubblicamente col poeta palestinese Munir, ragione per cui solo da ora diviene oggetto delle attenzioni dei servizi di sicurezza, subisce minacce da esponenti dell'oltranzismo sionista come pure da parte dell'oltranzismo islamico.

Nel frattempo viene operata al cuore per una grave malformazione. Appena in tempo, se no sarebbe morta. In Italia, dopo una vacanza al mare con l'uomo di cui abbiamo parlato, entrambi sono ospiti della madre nelle Marche.

Questa non ci sta assolutamente a che la figlia abbandoni Israele ed i figli. Che la madre abbia un assoluto ascendente su di lei è del tutto chiaro all'uomo. Cerca di avvertire la donna di non condividere nulla con la madre, di lasciarla ignara delle proprie scelte, ma la donna è legatissima a questa arpia inutile e sopratutto dannosa alla vita della figlia in ogni senso. Continua a discutere con lei, cedendo passo dopo passo alle proprie convinzioni.

Arriva il giorno che l'arpia decide di infangare l'uomo ordendogli contro una manovra orribile e volgare. Dà mandato all'altra figlia avvocato di investigare su questo sedicente scrittore ed avvocato. Omettono pure che questo possiede una sua casa di proprietà.

Lo vogliono far passare come un parassita! Visto che non riescono nell'intento di infangarlo, madre e sorella lo additano ora quale un elemento pericoloso, visto che costui è un pubblicista assai radicale e che ha in progetto un viaggio in moto in Iran per un reportage assieme ad un giornalista.

Vengono attivati i servizi segreti israeliani e la donna una settimana fa, viene senza alcuna ragione plausibile sottoposta a Roma ad un fermo di 48 ore per un interrogatorio, interrogatorio riguardante la relazione con questo uomo che vuole andare in Iran, cioè in un paese notoriamente nemico dello stato di Israele. Alla scadenza delle 48 ore questa donna viene rispedita in patria. Coincidenza vuole che il giornalista ora si rifiuta categoricamente di fare il viaggio assieme.

L'occasione della vita sfuma. Nel frattempo entrambi i cellulari dell'uomo e della donna vengono intercettati, la notte prima dell'arresto l'uomo perde il secondo cellulare in un mese, coincidenze?

La donna ora è infuriata che lui abbia deciso di rivolgersi al proprio Consiglio dell'Ordine per quanto compiuto dalla sorella, collega anch'essa, passata avvocato non si sa in quale città.

L'uomo contatta anche l'ufficio politico dell'Ambasciata israeliana per avere ragguagli sul fermo eseguito, nessuna risposta, tutto tace, non è nemmeno certo che si tratti di loro ad aver eseguito il sequestro.

La donna che lui ama ora è furente, dice di lasciar perdere la sorella, minaccia di fargli causa per via di certi pacchi che lei ha inviato alla casa dei genitori di lui senza una ragione precisa. Causa per essere stato l'unico ad offrirle un posto dove depositare i suoi 14 pacchi, nonostante lo sbigottimento di tutti?

Ma come, una donna conosce un uomo da appena un mese e già lo inonda di pacchi provenienti da Israele che poteva spedire sicuramente all'indirizzo della sorella? Non vi dico poi le complicazioni a causa di questi maledetti pacchi che non contenevano altro che vestiti per l'inverno, fax, telefonate sibilline di squallidi, ordini e contrordini.

Una cosa estenuante e ridicola finché l'uomo decide di mandarli affanculo cosicché i pacchi arrivano il giorno dopo. L'unica cosa ad assillarlo è che la donna potrebbe essere convinta a calunniarlo.

A voi l'ardua sentenza! Indignati non del fatto in se, ma che questo fatto sia stato svelato, giacche le convenzioni borghesi suggerivano discrezione. Capitolo III Scrivo di questa storia che lei doveva scrivere, io scrivo di lei in tutti i suoi aspetti perché lei comprenda che niente è privato a questo punto, visto che pubblicamente io stesso sono stato infangato, segnalato come individuo sospetto, divelto dal mio amore per manovre sordide e disumane.

A proposito i fatti da me narrati qui evidenziano una notizia di reato che qualche PM potrebbe prendere in considerazione o l'azione penale non è più obbligatoria di fronte ad un sequestro di persona bello e buono?

Ora, dopo aver compiuto il suo dovere, dopo aver esaudito il mandato affidatogli che era quello di difendere gli interessi di questa donna, l'uomo si sente come svuotato, incerto che lei abbia capito quanto lui ha compiuto con solerzia e determinazione. Egli spera che la donna abbia compreso che solo svelando tutto l'intreccio si possa ora ragionevolmente continuare, si possa cioè vivere senza avere più ricatti e pressioni da parte di terzi sulla loro pelle, lui lo ha fatto per questo, per liberare il più possibile lo spazio intorno a loro, per non permettere più che nessuno infierisca sui loro corpi, che determini le loro scelte o riesca ad annullarle.

Eppure gli rimane questo dubbio atroce che la donna abbia frainteso tutto quanto l'uomo ha fatto per lei, che lo veda unicamente rancoroso nei suoi confronti, se non vile. Ma ormai il dado è tratto, non si pente affatto, tutto quanto raccontato proviene dalle parole della donna, egli non ha dimenticato alcun particolare della sua epopea, ha tralasciato solo alcuni episodi riguardanti la sua infanzia ed adolescenza che spiegherebbero gli accadimenti futuri, sondando con più profondità i reali rapporti tra madre e figlia.

Ha tralasciato i suoi veri affetti, cioè il padre, il figlio più piccolo. Ditemelo voi, sapientoni che vi indignate della mia uscita. No, queste cose non si possono accettare, nè è possibile non indignarsi per il comportamento di questa madre o troppo stupida o con evidenza malefica che quasi spinge la figlia alla distruzione non una volta ma ogni volta che se ne presenta l'occasione.

Chi è questo mostro della Natura che lascia una figlia sguarnita di tutto, che insiste che lei viva in un paese che l'ha quasi portata alla morte, che s'intrufola nelle vicende intime di una donna madre di ben cinque figli, soltanto perché non vuole vedersela intorno? No, era impossibile tacere, tacere in questo caso sarebbe stato il vero crimine.

Svelando questo intrigo, questo plagio continuo ed assassino, l'Uomo ha compiuto il suo dovere, si doveva mostrarlo al Mondo e basta! Non c'era scelta se uno si definisce un Uomo! Il coraggio consisteva qui nel denunciare il tutto affinché si ponesse una volta per tutte termine a questo girone infernale consistente in un ignobile approfittarsi della buona fede, se non della bontà intrinseca di una donna nelle sue qualità di cittadina, di madre e di figlia.

Ora all'uomo non interessa altro che questa donna prenda coscienza dei suoi diritti che sono quelli di vivere anzitutto, quindi di amare chi ha scelto di amare, che sia lui o altri non ha importanza! E' nell'affermazione di questa coscienza che questa donna non dovrà mai esitare, mai esitare un istante a sacrificare chi vuole soltanto il suo male.

Ella dovrà essere capace quindi di uccidere dentro di se l'agente che l'ha costretta al Male!! Lui non è certamente un buon partito, anzi direi di più: A lui della donna interessa questo aspetto selvatico, fuori da ogni transazione e falsità borghese.

Solo questo conta ma nella lealtà profonda tra due esseri che s'amano davvero, amarsi che è sempre rispetto reciproco, amarsi che sarà sempre nella Verità. Infine un ultima nota sull'Uomo in questione: Questo relitto andrà per il Mondo, abbandonerà la sua casa ed i suoi affetti mal riposti anch'essi, cercherà una famiglia che non sia la sua, che non siano più i suoi figli o genitori, perché la vera famiglia non è quasi mai quella che abbiamo ereditato, ma solo i veri amici, i veri fratelli e le vere sorelle che da troppo tempo attendono il nostro arrivo, un arrivo che sarà sempre e solo un risultato dell'Anima, un risultato strappato all'incuria del dolore Capitolo IV L'uomo, invariabilmente a prescindere dall'ora in cui si corica la sera prima, s'alza alle quattro di notte, la cosa in realtà non lo disturba affatto, alle quattro tutto ancora tace, la notte lentamente schiarisce, lentamente i canti degli uccelli si fanno più vividi, un raglio d'asino, un abbaiare di cani irrompono ogni tanto.

Quando si prepara il caffè-latte lo beve fumando la sua prima sigaretta, in bagno legge qualche brano di 'Quaderni di Lanzarote' di Saramago, scrive al computer, si sdraia al letto per pensare, quindi si rimette al computer, dopo il secondo caffè-latte.

Il fatto è che a forza di dormire poco l'uomo sta perdendo la vista, è irascibile oltremodo, non riesce più a sopportare le cose che vede e sente e non tace, s'immischia di tutto, a volte cerca la lite, in tasca porta con se un coltello, in caso lo userebbe soltanto per difendersi, ma l'averlo nella tasca del pantalone lo tranquillizza.

Ultimamente ha chiesto anche il porto d'armi. L'uomo in realtà sta tentando di andarsene da questo Paese pavido, distrutto nei valori e tradizioni più nobili, sa che sarà sempre peggio, lui l'ha pure preconizzato: Lui sta tentando di andarsene da tempo, Norvegia, Sud America, dovunque ma via da questo paese senza speranza. Il medico suo amico lo ha avvertito che se persiste a dormire poco, a fumare come un turco ed in specie a bere, il suo cuore potrebbe risentirne. Meno male che è uno sportivo coriaceo, riesce a correre lungo i colli almeno per un'ora, sali e scendi, non è mica uno scherzo, nuota al largo anche per un miglio senza conseguenze che i rimbrotti dei bagnini di salvataggio che dai pattini lo apostrofano se non sia diventato matto, rammendatogli ogni volta il pericolo di essere investito da qualche natante improvvido.

Nota per gli editori: Ha raggiunto alcune fondamentali certezze riguardanti la sua persona ed una di queste, lo sprezzo, è certamente quella più sorprendente e corrosiva. L'unica risorsa che non gli è mai mancata nella sua vita sono le donne.

Per un periodo è stato anche con una escort professionista, biondo-platino plurilingue, archeologa ma succube alla cocaina. Non è mai stato convinto del detto ignobile 'ogni lasciata è persa'. La maggior parte delle donne gli fanno ribrezzo, altre seppur gradevoli non le ospiterebbe mai nel proprio letto. In fatto di gusti è un uomo direi difficile insomma!

Questa donna che faceva parte dei suoi amici in FB, lo aveva conquistato una notte mentre chattavano, lei sulla spiaggia di Tel Aviv, lui a casa sua insonne. C'era in lei un'esaltazione che affascinava l'uomo, un'esaltazione assai rara nelle donne. S'intuiva subito che la donna era un'artista, direi artista in toto! La foto di lui sul suo profilo l'aveva già convinta, ancora prima che lei avesse avuto modo di parlare con lui, questo gli confesserà la donna al suo arrivo una settimana dopo.

Una settimana dopo ecco che lui la va a prendere all'aeroporto. La scorge tra i passeggeri, scarnita nel volto esausto punteggiato di macchie, magrissima, svettante sui tacchi alti. Lui pronuncia il suo nome, il volto di lei si gira, scruta l'uomo in viso, quindi si sofferma esperta sul suo corpo, certamente colpita dalla sua altezza che forse non s'aspettava.

Dopo essersi stretti la mano, lui s'offre di prenderle uno dei trolley, lei gli passa quello alto un metro e mezzo, caricano tutto nella Panda. Dentro l'abitacolo s'accendono entrambi una sigaretta, sono ora diretti in un ristorante a Fiumicino che lui conosce da anni. Ordinano riso alla pescatora lui, lei riso alla crema di scampi, un piatto di cozze abbondante, insalata, un litro di vino bianco della casa, un paio di Averna per lui.

Lei non mangia molto, è quasi astemia. In compenso fuma peggio di lui. Quando la conduce alla casa che lui ha affittato al mare, lei è colpita dalla sua pulizia e dal buon gusto che l'uomo ha tentato di dare all'interni.

Dopo aver sistemato le valigie ed averle indicato il suo spazio nell'armadio a muro, si abbracciano subito, raggiungono il letto, lui le sfila le scarpe, a lungo nella quasi oscurità, rischiarata soltanto dalla luna calante nella cornice della finestra aperta, con il fragore distinto del mare e nient'altro, si scrutano negli occhi, indagandosi in un silenzio che li conforta e li esalta da subito. Entrambi sono commossi prima ancora che abbiano il coraggio di baciarsi.

E' un risultato delle loro anime che ha dell'incredibile, un percepire sensitivo che cambia i loro esseri nell'immediato, che scolpisce per sempre dentro i loro corpi quasi un imprimatur insopprimibile..

Come la traccia che il Destino a volte imprime al corso ordinario delle cose, lungo il corso del fiume in piena, un mulinello, ed all'interno del vortice una pozza d'acqua tranquilla, in pace, senza riflessi che non sia quell'assoluto oro cagionato dal sole alto allo zenit Il resoconto di queste discussioni è stato ampiamente palesato nei capitoli precedenti, è quindi inutile ripetersi.

Infine la donna ritorna in Israele per traslocare la casa e per sistemare altre questioni. Dopo quasi un mese di assenza, Ella torna da lui, nella casa al mare che lui ha riaffittato.

L'ha impreziosita con alcuni oli ed acquarelli di valore che ha portato da casa. La sera stessa la invita ad aprire la camera che le ha riservato per spogliatoio. Ella vi scopre i regali con cui lui la omaggia. Due vestiti di Etro in chiffon trasparente, verde pastello e verde muschio, un impermeabile a mezze maniche in nylon nero con scialle, una giacca corta Ralph Loren verde scuro, un pantacollant nero abbinato ad una canottiera in nylon rosso antico, quattro paia di scarpe, calze e biancheria, per ultimo un corsetto con giarrettiera e perizoma, in vinile nero, unica eventuale concessione alla loro lubricità.

La sera dopo decidono di uscire in moto. Lei sceglie di indossare il pantacollant lucido e l'impermeabile. Essendo il casco senza visiera inforca dei grandi occhiali neri.

Lungo il tragitto in moto la sente sussultare, ad intermittenza l'avverte avvinghiarsi a lui con un vigorepazzesco. Lui le carezza una coscia con la mano. Lei stringe le cosce ancora più convulsamente ai suoi reni. La donna ottiene il suo primo orgasmo tra gli innumerevoli in moto che seguiranno ogni volta, giorno o notte, indifferente al fatto che magari vi fosse un auto dietro che la notava!

Presso il bungalow di Ostia si prendono una capirinia, anzi due. Al ritorno, appena parcheggiata la moto, lei lo vuole condurre in un vicolo che conduce al mare.

Lui la monta ma ha paura che qualcuno li veda dai terrazzi degli appartamenti oltre la strada. Decidono di andare a casa. Appena apre la porta lei si toglie il soprabito e la camicia, s'avvinghia con braccia e gambe a lui. Sostenendola con le mani dai glutei lui la trascina al letto, la getta sul letto, la sovrasta con tutto il suo peso.

Questa donna è una furia, conclude l'Uomo dopo una notte ed un'alba d'amplessi. Alle prime luci si prendono il caffè-latte, mangiano pane e marmellata di prugne, fumano una sigaretta, si parlano con una confidenza quasi fossero stati amanti da sempre. Senza altro da aggiungere a questa perfezione dei sensi! Ti amo, dice lei, io di più, sussurra lui. Capitolo V Un suo amico gli dice di lasciare perdere, una donna matura con tanti figli, gli dice ripetutamente, è sempre una complicazione ed un tormento.

Orribile quanto ha detto questo amico! Orribile perché non fa distinzione, non concepisce il Bene nè tanto meno il Male, tutto è indistinto giacche tutto finisce per essere distrutto dal Tempo. Chi te lo fa fare di immischiarti in una storia del genere? Lasciala al suo destino e pensa ad altro. Lui le guarda appena, non ha alcun interesse per loro. Sa che queste donne non hanno alcun talento, unicamente interessate ad una sistemazione qualsiasi che le tolga dal fango dei loro paesi.

Ma magari è fortunato, per una di esse potrebbe prodigarsi per insegnarle cos'è l'ardore, l'arte d'amarsi! Poi, si domanda, potrebbe lui davvero sobbarcarsi il mantenimento di una ragazza, quando a malapena riesce a sopravvivere? Un'altra considerazione è rilevante in questo caso e cioè che l'amore non si compra, è un sentimento inaccessibile per le tasche di chicchessia, o ce l'hai o no, semplice come l'acqua ma introvabile se sei arido come un deserto.

Ad Estrada che lo definisce Puer, una specie di Icaro che si brucia le ali contro il Sole, vorrebbe spiegarle che no il paragone non è adeguato. E' lui stesso che lascia che tutto questo succeda, è sempre lui che costringe gli avvenimenti sino al parossismo, sino alla crisi ed al fallimento, giacche ragiona come in un'ordalia tremenda, pratica questa ordalia incessantemente, mettendo le persone di fronte ad una scelta nell'immediato, non lasciando alternative tra lealtà e tradimento, intransigente sino all'estremismo.

Lascia a questa preda insulsa la decisione di fronte alla sua potenza. Generalmente perdona, una volta, due, tre, ma prima o poi, a fronte dell'inescusabilità dell'amico, dell'amica, come del cliente o del familiare, tremenda si profila la vendetta e la maledizione.

Alcune di queste maledizioni proprio in questi ultimi tempi sono arrivate a segno, senza che lui ne sia affatto meravigliato. Uno è finito in ospedale in fin di vita, l'altra idem il giorno dopo il suo pronunciamento, no Estrada, egli non si sente assolutamente vittima, ma caso mai, protagonista, un protagonista oscuro, a volte infernale con cui non c'è da scherzare.

E' sicuro che gli ha fatto il malocchio, dopo che, durante un dopo pranzo, lui l'ha guardata negli occhi infidi. Lui l'ha riconosciuta subito!

Quella s'è messa paura e non s'è più permessa neanche di fissarlo. Da allora lo odia, sobilla, melliflua s'insinua in faccende che non la riguardano ma in cui questa merda s'inserisce giusto per procurare il Male!

E' sicuro del suo malocchio! Ma a lui il malocchio ha poca presa! La deficiente non lo sa. Ma a questa persona succederà qualcosa entro l'anno, fiamme, un colpo apoplettico, una crisi d'asma! Vediamo se c'ha azzeccato! Questo schifo pagherà tutte le sue malefatte,! Tutti i Mani gli siano testimoni, sin da ora! Una caratteristica distingue questo Uomo più di ogni altra: C'ha provato negli anni, ad adeguarsi ma prima o poi era costretto a riconoscere che gli era impossibile sopportare qualsiasi comando che si risolve sempre ed immancabilmente in cieca prevaricazione.

Nessuno deve comandare su un altro! Solo questo è il suo credo! Per lui le società non abbisognano affatto di stato, polizia, esercito e padroni! Ma essenziale è lo spirito del giusto con cui trattiamo i nostri simili, che siano familiari, amici o stranieri che per un tempo limitato lavorano per noi ma uguali a noi in tutto!

Una mano lava l'altra! Un giorno potremmo essere noi ad essere stranieri e servitori di chi un tempo c'ha servito! Semplice anche qui come l'acqua!

Non serve certo una rivoluzione, ripeto è sufficiente la buona educazione, il rispetto per i propri simili e per tutte le creature di questo dannato pianeta. Ma la rivoluzione diventa improcrastinabile se il dominio non si cheta, se sfrutta, stupra, dilapida senza ritegno, uccide e ordisce guerre per profitto di pochi.

E' qui che diventa necessario, direi inevitabile l'odio! Tutti dovrebbero diventare vegetariani proprio per una ragione che è anzitutto etica. Rimangono le religioni, queste sono utili perché inculcano il senso del sacro che ispira rispetto per i viventi, che innalza l'uomo al di sopra del suo puro istinto, che fa intravvedere che esiste anche un'anima forse immortale con cui dobbiamo fare i conti. Ma che cosa rappresenta oggi veramente la nostra santa madre Chiesa, con tutti i suoi assurdi privilegi, con la marea montante di tutti i suoi scandali sessuali in ogni angolo del Mondo, scandali che la investono come un cancro in metastasi da cui difficilmente otterrà guarigione?

La Chiesa è parte del sistema di sfruttamento e di inciviltà che regna in questo insulso Mondo ed in particolare nella nostra Bell'Italia senza speranze. Assieme alle caste degli approfittatori del popolo, cioè con i soldi del popolo asino, assieme alle cosche protette dalla politica e dalle banche che ormai hanno invaso l'intero paese da Nord a Sud, assieme alla finanza ed alla banche veri vampiri del nostro inglorioso secolo, assieme ai protetti e parassiti lasciati a poltrire in funzioni inutili per un magro stipendio, s'accompagna questa Chiesa lercia e depravata cui auguro il più doloroso contrappasso, giacche non c'è nulla di peggiore che l'ipocrita falsità di chi propugnando il bene, in realtà compie il Male o fa soltanto i comodi suoi.

Carpisce in questa donna tutta la potenzialità dell'innocenza che nulla ha a che vedere con la bontà o con le virtù che vengono propugnate e che nulla c'entrano con quanto ci circonda quotidianamente.

Qui si discute di uno Spirito ancora originario, come è dettato dalla Natura: Lei non lo sa di questa fortuna che l'ha preservata quasi intatta, nonostante violenze, manipolazioni, indifferenza, calunnia, ingratitudine, vizio e crudeltà del Mondo. A volte pare si vergogni di com'è, quanto è sprovveduta questa creatura celeste!

Carogne s'adoperano in questa operazione di sterminio quotidianamente, senza requie, per il gusto di infangare la probità, per cancellare l'istinto puro di una persona ancora integra, ma anche per il motivo che la sola sussistenza di questa persona davanti ai loro occhi proverebbe che no, non tutti sono uguali, non tutti sono carogne come loro stessi, perché la loro stessa presenza farebbe affiorare alla loro coscienza come davanti ad uno specchio il ritratto di chi siano realmente e cioè esseri malfidi, sporchi, carogne da destinare al macero se esistesse davvero un dio misericordioso la cui suprema misericordia sarebbe quella di sterminarli tutti dalla faccia della Terra.

E' per questa semplice ragione che l'Uomo s'è deciso a questa guerra senza tregua, senza ostaggi, sino all'ultimo sangue, una guerra che lui farà, in modo chiaro e pulito, una guerra in suo nome, ed in nome della Verità più alta e nobile, perché lei torni a credere alla vita ed in specie nell'amore, per il proprio trionfo, per il trionfo dell'intera Terra!

E perché non abbia mai vergogna di quello che è. Perché questo è un giuramento! Dovesse costarmi pure la vita! Lei non sarà mai più sola! Com'è possibile che questa donna non voglia difendersi? E' soltanto questo a dividerli in modo traumatico! E lui se ne danna, forse davvero invano!

Non s'affrettino ancora le conclusioni! Per far comprendere a questa donna quanto è improduttiva la sua posizione rispetto agli obiettivi e scopi che si propone, l'Uomo è costretto suo malgrado ad assumere teorie estreme e comportamenti intransigenti e di radicale cinismo, lei sa che l'Uomo è tutto meno che cinico, lo conosce abbastanza da sapere con quanta cura si prodiga per gli altri, apprezza la sua educazione, il temperamento solido e calmo, la visione ampia, saggia e temperata che possiede delle faccende del Mondo.

Capitolo VI Nel periodo che hanno abitato assieme, egli l'ha fatta riposare dalla sua spossatezza, l'ha lenita nelle sue ferite esistenziali, l'ha fatta mangiare cucinando per lei ogni giorno, con una tavola apparecchiata in cui non mancava mai una ginestra, un tulipano rosso antico, un paio di candele la sera in giardino, l'essenza al patchouli alla fine, sempre con la musica sottofondo di Faber, oppure Cesaria Evora, Gal Costa, Milton Nascimento, Paul Simon, Nick Cave, T Bone Burnett, Vasco Rossi oppure con la classica, Bach, Mozart, Brams, Debussy, Satie, Benedetto Marcello.

La notte vedendola scoperta la copriva col plaid, la accudiva insomma col sentimento di un padre verso una figlia e dopo qualche settimana la donna aveva infatti ripreso vigore, peso e colore, le macchie sul suo volto sparite, un sorriso ora riaffiorava, rilevando bellezza, la voglia di vivere e d'amare.

Come in una cura omeopatica, al mattino, mentre si prendevano il caffè, egli le leggeva alcuni passi significativi di Justine, laddove si discetta di morale e di virtù, di religione e giudaismo, di amore e sessualità, senza mai riportale i passi troppi lubrici degli amplessi e delle mortificazioni. Un passo particolarmente l'aveva colpita: E' dunque vero che quando si arriva a trasgredire formalmente coi propri gusti, l'istinto di tale pretesa legge, inevitabile conseguenza di tale primo scarto, consiste nella violenta tendenza a lasciarsi andare in altri mille modi.

Azione e reazione perpetue presuppongono cioè il moto necessario di tutta la nostra essenza. Unicamente il passo riguardante l'incesto l'ha trovata in disaccordo ma questo lui se l'era immaginato. Lui glielo aveva letto lo stesso, pur non condividendolo lui stesso, giusto per saggiarla anche in detta questione. Dopo una dormita dopo pranzo, ella s'era svegliata di soprassalto.

Dice di aver avuto un incubo tremendo. Lui le prepara il caffè, si siedono nella penombra della cucina. Ella ricorda che l'incubo si svolgeva a Tel Aviv, nel suo appartamento. Ethan, un amico di vecchia data, la fa volteggiare tenendola per le ascelle, quindi posandola a terra le bacia come al solito entrambe le guance, ripetendole al solito affettuosamente il nomignolo con cui la omaggia da una vita e cioè 'Ima' che in ebraico significa Madre.

Il sogno ha un inizio felice e scanzonato. Dal pianerottolo dove abitano, s'affaccia una bambina alla porta d'ingresso, ha qualcosa in mano. La bambina le porge un pezzo di stoffa rettangolare sul quale ha impresso alcune file di strass multicolori ed una scritta a mano, un augurio per lei e la parola Ima alla fine.

Appena dopo, una telefonata del suo ex marito le comunica che il figlio più piccolo, all'uscita dalla scuola, è scomparso. Nessuno sa dove sia finito. Lei è presa dal panico. Prende le chiavi della sua auto, si mette al posto di guida, col posto accanto che rimane misteriosamente vuoto, mentre dietro stanno l'altra sua figlia maggiore, al lato opposto una ragazza di 16 anni, sorella della bambina di prima, con l'Uomo al centro.

La donna col cellulare è in costante contatto col suo ex marito. No, le ricerche non avevano dato alcun esito. Continua a guidare oltre la piazza verso il quartiere ricco della città che è dislocato appena dopo la piazza.

Poco dopo si ritrovano con l'auto diretta verso Sud, intorno il paesaggio è arido, brullo, pietroso, senza altro visibile all'orizzonte che un deserto sconfinato.

Tutti rientrano precipitosamente nell'abitacolo, fuggono a tutta velocità. Ricoperta di sangue e sconvolta, lei dirige l'auto verso casa.

Tutti sono ammutoliti dentro l'abitacolo. All'arrivo a casa, quando sono nel salotto, quella specie di mostro in miniatura ricompare, e subito li riassale nuovamente, è panico tra i presenti, Ethan compreso.

Lei con un triciclo tenta di arginarne la virulenza, lo costringe a rinculare ed a rifugiarsi nella camera adiacente, dove la bestia si nasconde sotto il letto.

Con l'aiuto di Ethan cercano di vedere dove la bestia si sia annidata per snidarlo da là, ma sotto il letto è come se regnasse un'oscurità assoluta in cui è davvero impossibile vedere. Prendono una torcia, illuminano sotto il letto ma rimane sempre un angolo nero ed inaccessibile in fondo alla parete opposta in cui è davvero impossibile accedere con la luce.

L'incubo si trasferisce nella casa al mare in Italia. Lei è furiosa, pazza di rabbia per quanto l'Uomo ha combinato con la ragazzina in auto. Con una spranga devasta la casa, distrugge i quadri, le suppellettili, a morsi e con le unghia straccia tutti i vestiti, poi riprende la spranga e continua nell'opera di distruzione che non risparmia neanche i mobili, non tralascia niente alla devastazione sistematica, con una forza disumana procede nella distruzione sino ad arrivare alla loro camera dove lui è in piedi impietrito..

Lo sguardo implorante dell'Uomo non le fa alcun effetto.

Bruce, durante l'allenamento inizia a ricordare gli eventi accaduti prima di iniziare a vagabondare per il mondo: Bruce aveva assistito alla scarcerazione di Chill, che voleva testimoniare contro Falcone, e, fuori dal tribunale, il boss fece uccidere il ladro, prima che Bruce potesse vendicarsi su Chill, con una pistola.

La sera stessa, Rachel lo aveva duramente rimproverato per aver meditato di farsi giustizia da solo. Lasciato per strada dalla ragazza, era andato in un locale gestito da Falcone, e si era scontrato con la realtà di una situazione dove combattere quel sistema significava rischiare di perdere i propri cari. Venne quindi picchiato a sangue e spinto fuori dal locale. Bruce ha conosciuto la fame, ha scoperto cosa voglia dire rubare, e ha iniziato a capire la mentalità criminale: Tutti i membri sembrano finiti, ma Wayne riesce a trarre in salvo uno svenuto Ducard.

Ritrova Rachel Dawes, sua amica d'infanzia, ora assistente di un procuratore distrettuale con le mani legate dalla malavita guidata da Falcone. Le Wayne Enterprises intanto sono in balia di Bill Earle, manager senza scrupoli deciso a trasformare la società in una fredda public company, estromettendone il proprietario, che per la sua assenza era stato considerato morto.

Adesso Bruce comprende come agire in maniera più efficace di quanto la legge possa permetterlo, ossia non come uomo, ma come simbolo.

Pensando alla sua paura infantile, i pipistrelli, e al loro nascondiglio, una caverna al di sotto del Castello Wayne scoperta cadendoci dentro da piccolo , decide di diventare un qualcosa più di un vigilante. Con il terrore suscitato dal suo costume nero, l'efficacia dell'attrezzatura militare proveniente dal magazzino delle Wayne Enterprises e progettata dall'estromesso dirigente Lucius Fox, il supporto del suo maggiordomo Alfred Pennyworth la persona più simile ad un padre per lui e quello dell'incorruttibile sergente della polizia James Gordon, Bruce comincia ad agire, anche se in prima battuta viene inseguito come un criminale.

In seguito Earle viene messo al corrente che un emettitore di microonde delle Wayne Enterprises è stato rubato da una nave e tutti i membri dell'equipaggio sono stati uccisi.

Intanto Falcone tiene in scacco la città, e non affrontandolo più come Bruce Wayne ma come Batman, ora è libero di contrastarlo. Durante lo sbarco di una nave carica di droga, Batman interviene: Purtroppo il malavitoso, anche in prigione, guida il crimine: Lo psichiatra Jonathan Crane, al soldo di un misterioso criminale, va alla prigione dove viene detenuto il boss, che, non avendo paura del capo di Crane, decide di testimoniare, ma il dottore, con un misto di droga e una maschera terrificante da spaventapasseri lo fa impazzire, al fine di impedirgli di parlare dei piani del suo capo, in contatto anche con Falcone.

Diversi giorni dopo, il procuratore distrettuale viene a sapere dove si trova l'emettitore di microonde e, arrivato sul posto, viene assassinato da due poliziotti corrotti.

Inoltre Crane fa rapire Rachel, altro possibile intralcio. Batman è sulle sue tracce e la libera dall'Arkham Asylum, il manicomio criminale che funge da nascondiglio e copertura per i malviventi, che stanno avvelenando l'acqua delle tubature di Gotham con la droga di Crane. Salva Rachel e spruzza in faccia a Crane il suo gas facendolo impazzire provocandogli una sorta di schizofrenia. Durante la sua festa di compleanno, a cui partecipa anche Earle, Bruce ritrova Ra's al Ghul, ma con un volto diverso.

In realtà il capo della Setta delle ombre che Bruce aveva ucciso all'inizio era solo una controfigura usata per proteggere il vero Ra's al Ghul, mentre il vero capo della Setta delle ombre, cioè il vero Ra's al Ghul è in realtà Henri Ducard che adesso è anche a capo della malavita di Gotham.

Scampato all'incendio della sua villa provocato da Ra's al Ghul, Batman affronta la battaglia finale contro quest'ultimo sull'isola Narrows, dove dalle tubature idriche, fatte esplodere dai malviventi con l'emettitore di microonde rubato alle Wayne Enterprises, fuoriesce il gas di Crane facendo impazzire tutti gli abitanti dell'isola. L'ordigno è stato piazzato sul treno sopraelevato che attraversa tutta la città progettato proprio dal padre di Bruce anni prima fino allo snodo centrale dell'impianto idrico, situato sotto la Wayne Tower, sede delle Wayne Enterprises.

Se il treno raggiunge lo snodo, il congegno libererà la droga contenuta nell'acqua di Gotham, coprendola con una nube di gas tossico. Spaventapasseri semina il panico fra i cittadini, finché Rachel non lo stana con l'elettroshock, che gli lancia in faccia.

Grazie a Fox, che sintetizza l'antidoto al gas, e a Gordon, che devia i binari della sopraelevata con le armi della Batmobile, Batman arriva a Ducard, che nello scontro finale precipita assieme ai vagoni. Bruce estromette dalla sua compagnia Earle e ne affida la guida a Fox.

In questo modo le imprese Wayne sono pronte a far ripartire l'economia e la società. Batman, intanto, inizia ad essere un punto fermo per la sicurezza e la giustizia.

Gordon, promosso a tenente, lo contatterà con un riflettore puntato nel cielo, che porta il simbolo del pipistrello: Ora il Cavaliere Oscuro deve affrontare la sfida lanciata da un nuovo criminale che, come lui, utilizza l'arma della teatralità: L'astronave degli esseri perduti Un film che non mi fece dormire per settimane, quando lo vidi a 9 anni per sbaglio.

Rappresenta la terza avventura cinematografica del dottor Quatermass, esempio classico della fantascienza britannica. Il quarto e per ora ultimo episodio, è intitolato La Terra esplode Quatermass Conclusion ed è interpretato da John Mills. Infatti, i militari confutano la tesi a cui il professor Quatermass era giunto, ovvero che non si poteva trattare altro che di una nave aliena, e per bocca di un ufficiale particolarmente ottuso e borioso, che tra l'altro è il nuovo "collega" di Quatermass al programma spaziale inglese dopo la nomina fatta per motivi politici, fanno sapere alla stampa che si tratta di un missile tedesco caduto durante la guerra.

Per giunta, un operaio vede un fantasma dentro il tunnel che esiste nella struttura dell'astronave. Il luogo nella storia era già noto per le apparizioni demoniache, e il quartiere soprastante, racconterà un poliziotto della zona a Quatermass, al tempo della Seconda guerra mondiale era stato già abbandonato per la presenza di fantasmi, tanto da meritarsi il nome di Hobb's end.

Ricercando negli antichi annali, la zona era nota persino nell'antichità, soprattutto nel riguardo di operai impegnati a scavare pozzi o carbonai, tutte persone che avevano in comune il fatto di scavare sotto la terra di quella zona.

Ma per attivare cosa? Nel frattempo, anche un paleontologo inglese si è interessato alla situazione, analizzando i fossili di questo straordinario ritrovamento, e non tarda a conoscere Quatermass, con cui stringe subito, nonostante la diversità del campo di studio, un buon rapporto.

I fossili che sono stati recuperati nel frattempo si dimostrano di una strana razza umanoide, e a giudicare dai sedimenti pleistocenici, sembrano vecchi di ben 5 milioni di anni.

Ma i politici non danno peso a queste cose che potrebbero suscitare allarmismo, anzi le ignorano bellamente, confortati dall'ineffabile ufficiale inglese che ha una spiegazione per tutto, anche quando, provando con uno speciale trapano, si riesce ad entrare, e si trovano i cadaveri di strani esseri simili a grosse cavallette.

Nel frattempo, alcune persone hanno visioni strane e manifestazioni cinetiche, quasi sembrano possessioni diaboliche, come l'operaio che lavorava alla perforazione della superficie dell'oggetto, letteralmente posseduto da visioni e fenomeni straordinari.

Con una straordinaria espressione di spavento, racconta che vedeva uno sciame di insetti mostruosi e un cielo rosso e nero. Quatermass collabora con lo studio del paleontologo, che riesce a scoprire, con un registratore dell'attività cerebrale, dei ricordi captati da una ragazza, sua assistente, e con altri scienziati cerca di convincere il Primo ministro di che si tratta.

La registrazione fa vedere, in un clima onirico, la vita e la morte su Marte milioni di anni fa. Ovviamente tutto questo non viene creduto, ma la situazione ad un certo punto precipita: Il luogo sopra l'astronave vede sorgere a quel punto una grande forma simile a quella di un insetto marziano, fatta di elettricità statica, e dalle sembianze diaboliche, quasi ad incitare la follia collettiva.

Per porre fine alla catastrofe che sta devastando Londra, lo scienziato amico di Quatermass e antropologo, invia il braccio di una gru meccanica verso la forma di energia, per farla scaricare nel terreno. Ci riesce, ma resta ucciso. Il film finisce con Quatermass e l'assistente quella che aveva avuto le visioni registrate che guardano sconcertati la desolazione della città semidistrutta. I diari della motocicletta Un film di Walter Salles.

Titolo originale Diarios de motocicleta. Il film ripercorre il lungo ed avventuroso viaggio intrapreso dal giovane Ernesto Guevara ed il suo amico Alberto Granado attraverso l'America Latina, inizialmente in sella alla motocicletta di quest'ultimo una Norton M18 del soprannominata "Poderosa II" e successivamente a piedi o con i più disparati mezzi di fortuna.

Alberto Granado; il mio Alberto, Mial, amico di generosa corporatura, 29 anni, biochimico, autoproclamatosi "scienziato errante". Ernesto Guevara De La Serna, el fuser. Cose che ci accomunano: Ernesto T3KhoORm6p4 All'epoca, il futuro rivoluzionario è ancora uno studente della facoltà di medicina, prossimo alla laurea, mentre Alberto è un giovane biochimico che lavora in un ospedale locale. Vuoi finire come lui? Alberto Una rivoluzione senz'armi? Ernesto È possibile avere nostalgia di un mondo che non hai mai conosciuto?

È possibile che una civiltà capace di costruire tutto questo, venga distrutta per costruire Ernesto 8pNAZES-J80 Le tappe fondamentali del loro viaggio sono Machu Picchu ed il lebbrosario di San Pablo, che permetteranno al giovane protagonista di osservare la miseria e la povertà del popolo latino-americano, iniziando ad analizzare i nefasti effetti dei sistemi economici vigenti, scoprendo l'esigenza di un mondo più equo.

Io non sono più io In tal modo il film tenta, implicitamente, di dare una spiegazione alle origini del percorso intellettuale e politico che i due protagonisti avrebbero poi intrapreso nel resto della loro vita. Non è questo il racconto di gesta impressionanti. È il segmento di due vite raccontate nel momento in cui hanno percorso insieme un determinato tratto, con la stessa identità di aspirazioni e sogni.

Forse la nostra vista non è mai stata panoramica, ma sempre fugace e non sempre adeguatamente informata, e i giudizi sono troppo netti. Ma quel vagare senza meta per la nostra maiuscola America, mi ha cambiato più di quanto credessi.

Io, non sono più io, perlomeno non si tratta dello stesso io interiore. Un viaggio di esplorazione e scoperta dei luoghi più nascosti di questo affascinante paese, che inizia con entusiasmo e divertimento il film inizialmente ha una forte dose di ironia, ai due protagonisti capitano bizzarre disavventure per poi scivolare in un terreno più oscuro e introspettivo.

Il momento di rivelazione e di scoperta del proprio io che evidentemente già esisteva, ma doveva essere rivelato, reso consapevole è il dialogo che Ernesto ha con una peruviana, una sera attorno ad un fuoco. Dopo aver detto che stava fuggendo insieme al marito perché comunisti, chiede ai due avventurosi viaggiatori il motivo del loro viaggio. Tale rivelazione trova la piena consacrazione quando i due arrivano al lebbrosario e prestano il loro aiuto come medici.

Il film è quindi un viaggio ludico che diventa introspettivo e la sceneggiatura di José Rivera scandisce questo passaggio. Le immagini fotografiche in bianco e nero che inframezzano il film di minatori in disperata ricerca di lavoro, di povera gente che dorme su amache usurate, di donne che lavano i panni nel fiume, sono la fotografia di un Paese, ma anche la denuncia di una situazione di miseria e povertà.

Marta Fresolone Film da vedere assolutamente Costui è diventato un grande personaggio nell'industria cinematografica partendo dal nulla ed era ormai considerato nel suo ambiente un mito, tanto che un ex-produttore fallito, Manny Schwartz, si uccide lasciando un biglietto. Durante una scossa di terremoto che sconvolge i teatri di posa, Stahr incontra una donna sconosciuta che assomiglia in modo sorprendente alla moglie, l'attrice Minna Davis, morta cinque anni prima.

Avrebbe potuto metterle un braccio sulle spalle e stingerla a sé con una familiarità quasi coniugale I due si incontrano e dapprima Stahr se ne sente attratto anche nell'illusione di poter ripetere con lei il passato. Ma la ragazza, una certa Kathleen Moore di origine inglese, presto appare al produttore assai diversa dalla moglie scomparsa, forse più semplice e generosa, indubbiamente più pratica ma meno affascinante.

Kathleen, che dapprima si nega a Starh, intuisce in seguito la sua solitudine e accetta di incontrarsi con lui. Stahr, che si sta facendo costruire una casa sulla spiaggia di Malibu, conduce Kathleen a visitarla e quella sera, dopo un ultimo tentativo di negarsi la donna cede e, nell'unica stanza finita della casa, che è ancora senza il tetto, diventa la sua amante.

L'episodio che si svolge in una notte di pioggia, tra l'odore della segatura e del legno bagnato mentre la luna illumina le travi che gocciolano: L'alta marea stava per incominciare e i piccoli pesci d'argento dondolavano sulle onde, lontano dalla riva, aspettando le dieci e sedici minuti.

Tra mezz'ora ci vedremo. Avrei voluto dirglielo l'altra sera ma pensavo che non la riguardasse, e mi sembrava sciocco sprecare questo stupendo pomeriggio a raccontarglielo e veder svanire il suo interessamento. Lasci che svanisca tutto in una volta. Sono molto lusingata per il fatto che un uomo che conosce tante belle donne Con i migliori auguri Kathleen Moore.

Kathleen, da una lettera a Monroe Mi sono sposata oggi a mezzogiorno. Ho sempre desiderato toccare dieci milioni di dollari.

Per piacere, vada via. Avendo il sospetto che Brady volesse ucciderlo ingaggia un sicario per colpirlo con la sua stessa arma. Si sarebbe poi pentito, ma troverà la morte in un incidente aereo proprio nel momento in cui i sicari da lui pagati stavano uccidendo Brady. America oggi Short Cuts è un film del , diretto da Robert Altman. Altman amplia, intreccia e mescola le storie dello scrittore americano dando vita a un complesso affresco e un'altalena di toni ed emozioni che hanno per sfondo una brulicante e a tratti opprimente Los Angeles.

I disperati carveriani dell'America provinciale, trasferiti nella morsa della grande metropoli, si trascinano ancora più stancamente, ancora più alienati, immersi in un dolore potenzialmente straziante ma che la mano ferma di Altman decide di trattenere, di non fare esplodere Interpreti e personaggi Andie MacDowell: Ann Finnigan Bruce Davison: Howard Finnigan Jack Lemmon: Paul Finnigan Julianne Moore: Marian Wyman Matthew Modine: Ralph Wyman Tim Robbins: Gene Shepard Madeleine Stowe: Sherri Shepard Anne Archer: Claire Kane Fred Ward: Stuart Kane Jennifer Jason Leigh: Lois Kaiser Chris Penn: Jerry Kaiser Lili Taylor: Honey Bush Robert Downey Jr.: Bill Bush Tom Waits: Earl Piggot Lily Tomlin: Doreen Piggot Frances McDormand: Betty Weathers Peter Gallagher: Stormy Weathers Annie Ross: Tess Trainer Lori Singer: Zoe Trainer Lyle Lovett: Andy Bitkower Buck Henry: Gordon Johnson Huey Lewis: Non ho detto la verità a tua madre.

Mi sono dato ammalato in ufficio e sono uscito come se andassi a lavorare e non ho detto a tua madre che andavo da Holla a sistemare il frigorifero e la ghiacciaia Anche se sapeva che sarei stato pagato per il mio lavoro avrebbe fatto succedere una catastrofe.

Andava bene se lei aiutava Holla ma non io, capisci? Era molto possessiva in quel senso. Beh, le sorelle sono strane, sai? In questo caso ero felice di favorirla, mi serviva qualche soldo in più e Sai, per non farla spaventare quando esce dalla doccia e mi sente lavorare nello scantinato. In ogni caso vado giù e dopo un po' Holla viene giù anche lei nello scantinato Io la trovo una cosa molto strana da dire date le circostanze ma tu conosci Holla Gesù, è presto la mattina per questo genere di cose Sai, al momento mi sembrava una buona idea, capisci?

Torna con le due birre e ogni volta che finisco una birra. Ora siamo di sopra in cucina e ho dei problemi a collegare i giunti, sai. Holla, se bevo soltanto un'altra birra finisce che devo andare a sdraiarmi.

Ti dico la verità: Insomma, era la sorella di tua madre, no? Sai, come se questa fosse una cosetta da niente tra noi due. Io ho cominciato a sudare, ti dico, ho le ginocchia che mi tremano, non so come diavolo fare Non me lo ricordo nemmeno. Lo sai, non è stata una mia decisione. Le cose si erano messe talmente male fra tua madre e me in quel periodo che ho dovuto Nove racconti si intrecciano nel quotidiano di Los Angeles, spaccato non troppo edificante e piuttosto impietoso della società americana.

Nella caotica Los Angeles, sul cui territorio incombe la minaccia della mosca della frutta, si intrecciano le vicende di una galleria composita di personaggi. Con uno sguardo distaccato ma complice, ironico ma empatico, severo ma compassionevole, senza mai calcare la mano come hanno fatto invece i suoi pur blasonati epigoni, troppo spesso celebrali, didascalici o pretestuosi , Altman racconta una storia che ogni giorno si racconta da sé nelle strade di tutte le nostre affollate città, ma che non siamo in grado di percepire se non attraverso il filtro della sensibilità artistica.

La storia di un pugno di ore nella vita di coppie e famiglie come tante che diviene esemplare quando l'autore l'abbraccia, racchiudendolo tra un volo di elicotteri e un drammatico sisma. Il veleno che cade dal cielo e costringe le persone a chiudersi negli angusti inferni di quattro mura, e il terremoto, evento tanto legato al mito di L. Dal cielo arriviamo dunque sulla città, e caliamo nelle case, nei jazz club, nei teatri, tra incontri in società e scontri domestici di cui, pur avvolti nell'atmosfera agosciosa e tragica, non possiamo che ridere.

I personaggi - che non sono "protagonisti" - si tormentano e si deludono a vicenda; umiliati, stizziti, offesi, feriti si allontanano l'uno dall'altro, in attesa che qualcosa torni a unirli, e questo qualcosa arriva dalla profondità della terra: Tra cielo e terra Robert Altman racchiude Los Angeles e ce la consegna, senza orpelli e senza concessioni alle convenzioni del narrare artefatto, ma con l'efficacia unica della naturalezza del suo cinema, per quello che è un capolavoro di mimesi e allo stesso tempo una grandiosa, variegata, inquietante ed emozionante riflessione sulla vita contemporanea l1wDwTYrRg0 Earl Piggott è autista di una lussuosa limousine da noleggio, beve, ed è sposato con Doreen, cameriera in un fast food, con la quale ha un rapporto alquanto burrascoso.

Costei un giorno investe un ragazzo, Casey, figlio del noto opinionista televisivo Howard Finnigan. Il ragazzo, che si rifiuta di farsi accompagnare dalla donna all'ospedale, soccorso in ritardo, cade in coma. Il pasticciere che ha preparato la torta per il compleanno di Casey, intanto tormenta la famiglia con telefonate minacciose perché la torta non viene ritirata.

All'ospedale ricompare, dopo trent'anni, il nonno del bimbo, Paul, che non lo ha mai visto ed ha lasciato la famiglia perché sorpreso dalla moglie con la cognata, ma sembra più interessarsi alle sorti del figlio di una coppia di colore, ricoverato nello stesso ospedale, che ha subito due operazioni e si salva. Il medico che tenta di salvare Casey, Ralph Wyman, è sposato con la pittrice Marian, ed è ossessionato da un sospetto adulterio avvenuto anni prima, che poi la moglie finisce per ammettere.

La sorella di Marian, Sherri Shepard, è sposata a Gener, poliziotto motociclista tutt'altro che integerrimo, che ha un'amante, Betty Weathers, e odia a tal punto il cagnolino da abbandonarlo all'estremo opposto della città, con disperazione dei bambini. Betty è tormentata dall'ex marito, il pilota di elicottero Stormy, che, pazzo di gelosia, le distrugge addirittura l'appartamento mentre lei è fuori per il week-end con un secondo amante.

Nessuno di noi ha sentito tua madre che entrava. Era in un tale stato, sai. E poi, mentre andavamo all'ospedale, ha detto, beh, no, ha pianto un po' Perché non mi hai voluto dire che non andavi a lavorare?

Quelli mi hanno detto che stavi male È stato un giorno sfortunato, sai? Il momento meno adatto Ciononostante siamo stati insieme, le abbiamo affrontate insieme! Pausa E poi Holla ha mentito Dio, Holla ha detto a tua madre che noi avevamo avuto altri incontri in passato.

Beh, era stata quella volta solamente. Ho cercato, ho cercato di spiegare a tua madre, di spiegare esattamente come era successo.

Non ti voglio mai più vedere, mai più. Qualunque cosa dovesse accadere ad Howard. Dovevo rispettare i suoi desideri, Howard. Insomma, che lo volesse o no, dovevo farlo. E ho continuato sempre a pensare: E lei capirà che non era vero Lestat de Lioncourt Brad Pitt: Louis de Pointe du Lac Kirsten Dunst: Daniel Malloy, il giornalista Stephen Rea: Ci troviamo nella San Francisco del in un albergo, e Louis racconta all'uomo la sua vera natura, quella del vampiro.

Da qui, inizia a raccontare la storia della sua vita, per fargli capire quanto sia orribile essere un vampiro, nonostante si sia immortali. Louis è un ricco proprietario terriero. In seguito alla morte della moglie e del figlio ha perso ogni attaccamento alla vita, considerandola inutile.

Una figura misteriosa, il vampiro Lestat de Lioncourt Tom Cruise , avendo attentamente osservato il suo comportamento, decide quindi di renderlo a sua volta vampiro, per avere un compagno e per mostrargli i vantaggi di un'eterna non-vita. Louis, al contrario, si dimostra essere un vampiro dotato ancora di una sensibilità tutta umana che gli impedisce di assecondare la sua nuova natura oscura; come lui stesso dice, prova ancora rispetto per la vita umana, e dunque non riesce ad uccidere con la tranquillità, il distacco e la crudeltà che caratterizzano Lestat: In parte per compassione, in parte sopraffatto dal bisogno di sangue umano, Louis la abbraccia e poi la morde, dissanguandola fino a portarla sull'orlo della morte.

Impaurito dalla sua stessa famelica scelta, Louis scappa. Lestat, che ha assistito alla scena estremamente divertito, lo ritrova ore dopo e lo riporta a casa, dove rende anche Claudia un vampiro.

La bambina, adottata da Lestat e Louis, si dimostra un'ottima vampira, anzi, prova piacere nell'uccidere e nel seguire gli insegnamenti di Lestat. Claudia Kirsten Dunst Buona notte dolce principe, e voli di demoni ti conducano al tuo riposo..

La storia compie un balzo avanti di circa trent'anni, col passare dei quali il comportamento di Claudia diventa sempre più ossessivo e paranoico. Scorgendo una donna senza vestiti oltre una finestra, Claudia interroga Louis e Lestat chiedendo se le fosse possibile divenire un'adulta: Claudia tuttavia ammette che pur detestando Lestat non riesce a smettere di amare Louis. Dopo la dipartita di Lestat, la coppia di vampiri decide di imbarcarsi alla volta dell'Europa, alla ricerca di altri bevitori di sangue che possano loro spiegare il senso e l'origine della loro razza.

Ma Lestat, più vecchio e forte di quanto i due credessero, torna la sera della partenza, orribilmente sfigurato, e tenta di distruggere le proprie creature, ma Louis gli scaglia addosso una lampada a petrolio, incendiandolo.

Mentre le fiamme divorano la casa e rapidamente si diffondono al resto del quartiere francese, Claudia e Louis fuggono verso la nave e salpano alla volta del Vecchio Mondo.

Dopo una fuga spericolata verso Parigi Louis e la piccola vampira possono finalmente vivere in pace, vagando per il continente alla ricerca di loro simili. Quando ormai vi avevano rinunciato, si imbattono in una compagnia teatrale di vampiri capeggiata da Armand Antonio Banderas che afferma dinanzi a Louis di avere quattrocento anni nonché di essere il più antico vampiro vivente di cui egli abbia notizia.

Armand Antonio Banderas Il mondo cambia.. Ed è proprio questa l'ironia che alla fine ci uccide Louis ed Armand sono reciprocamente attratti l'uno dall'altro - Armand rappresenta il vero maestro che Louis aveva tanto cercato, e lui a sua volta per l'antico vampiro è il compagno ideale per un'eterna non-vita di immensa potenza e bellezza.

Cos'è che ti ha sempre tormentato? Non posso sopportare l'idea di perderti! Appena compiuta la trasformazione, i vampiri di Armand irrompono nella stanza catturando i tre; Claudia e Louis, accusati dell'unico crimine esistente tra i vampiri - eliminare uno di loro - subiscono due sorti diverse.

Claudia e Madeleine vengono esposte alla luce del sole e dunque muoiono, mentre Louis viene murato vivo dentro una bara. Ma la bambina, quell'antica bambina, la mia Claudia era cenere. Un urlo crebbe dentro di me, un selvaggio devastante urlo che veniva dalle viscere del mio essere In seguito Louis lascia Armand al quale dice di non avere bisogno di imparare l'unica cosa che l'altro potrebbe insegnare: Pensai a Claudia, sentii subito le sue braccia che mi cingevano, vedevo la curva delle sue guance nella luce nella mia mente, il dolce languido frullio delle sue ciglia.

Io gridai il suo nome "Claudia" finché il mio collo non si contorse dal dolore e le unghie mi ebbero scavato il palmo della mano. Circa un secolo dopo, nel , Louis, girovagando per la città, ha sentito un odore familiare, e si è addentrato in un cimitero, incontrando Lestat in uno stato indecifrabile.

Egli non è più quello di prima, ha perso la sua chioma bionda e il suo portamento disinvolto, praticamente è paralizzato dalla vecchiaia; Louis, dopo quel breve incontro, lo abbandona nuovamente. Louis conclude dicendo di aver perso ormai ogni gusto per la vita immortale, da quando non c'è più Claudia. Il giornalista è meravigliato dall'ultima affermazione, perché gli sembra impossibile che con la sua esperienza e tutte le cose incredibili viste in una vita di due secoli Louis abbia perso interesse per ogni cosa.

Il vampiro si innervosisce, accusandolo di non aver capito nulla, e l'intervista si conclude. Il giornalista uscendo dall'albergo si reca alla macchina e si mette in viaggio, riascoltando la cassetta dall'inizio. Ed è proprio in macchina che viene aggredito da Lestat, reso giovane e rigoglioso come prima dal sangue della giovane vittima; dopo averlo ferito mortalmente, toglie dalla radio dell'auto la cassetta dove era registrato il racconto di Louis, esclamando "Sono secoli che sento la stessa lagna!

Intervista col vampiro è uno dei più grandi successi del genere con un incasso di oltre milioni di dollari. Debutto in una grande produzione di Hollywood per l'italiana Domiziana Giordano che interpreta il ruolo di Madeleine.

Prima che sia notte Un film di Julian Schnabel. Alla pellicola, che ha fatto incetta di premi internazionali, partecipano in ruoli secondari anche Johnny Depp e Sean Penn.

Tratto dall'autobiografia di Reinaldo Arenas postuma, Antes que anochezca Arenas sin da bambino mostra un grande talento per la poesia. L'avvento della rivoluzione sembra essere estremamente positivo per un giovane che sente emergere in sé l'interesse per il proprio sesso.

Ma presto il vento cambia e, dopo aver vinto a 20 anni un premio letterario, nel viene arrestato perché omosessuale e i suoi lavori vengono confiscati. Nel Castro autorizza omosessuali, ex carcerati e malati mentali a lasciare Cuba. Famosa è la pagina dedicata alla luna, compagna di quelle notti. La tigre e il dragone Un film di Ang Lee. Titolo originale Crouching Tiger, Hidden Dragon. Arrivata alla casa del signor Tie con la preziosa spada, Shu Lien conosce anche Jen la figlia del governatore Yu una ragazza vivace ma infelice, ella infatti rivela a Shu Lien di essere in procinto di sposarsi con il rampollo dell'importantissima e ricchissima casata dei Go, ma di non ricambiare la decisione della propria famiglia.

Ella è anche abile nell'uso delle arti marziali ed è stata addestrata segretamente da "Volpe di Giada", infatti la notte dopo, mascherata da ladra, entra nella casa del signor Tie e ruba il "Destino Verde". Il giorno seguente il maestro Bo contatta un ispettore di polizia chiamato Tsai e la figlia di quest'ultimo, entrambi esperti di arti marziali, per rivelargli di sapere chi ha orchestrato il furto del "Destino Verde", ovvero "Volpe di Giada", e che anni prima gli uccise la moglie; nello stesso momento una piuma appuntita entra dalla finestra della casa di Tsai e vi viene trovato allegato un messaggio dove "Volpe di Giada" dice di volersi incontrare con Tsai, la figlia e il maestro Bo in un luogo chiamato la "Collina Gialla".

Purtroppo per Li Mu Bai il desiderio di vendetta per il proprio maestro approda a un tragico epilogo, perché nonostante Li Mu Bai riesca nel suo intento di uccidere "Volpe di Giada", viene colpito da uno dei dardi avvelenati dell'assassina, che ha tentato di disfarsi della giovane allieva considerata una traditrice.

Neanche la disperata corsa per l'antidoto riesce a salvare il Grande maestro, che muore tra le braccia dell'amata Shu Lien. Li Mubai e Yu Shulien, che si sono sottratti all'amore, saranno destinati a farne senza; Jen, che non sa sottrarsi al proprio talento, ne diverrà schiava; e Volpe di Giada, il personaggio più tragico della storia, morirà per sottrazione, cedendo al crepacuore per la propria carenza di talento, che la condannerà a perdere l'amore a metà tra madre e amante di Jen, per la quale invece il talento è tutto.

Decide che cosa si deve fare, cosa non fare e Dim è il suo tonto, digrignante bull-dog. E d'un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all'ispirazione e a quello che il buon Bog manda loro.

La musica mi venne in aiuto E seppi subito che cosa fare. Io tanto non voglio vivere. Non in uno schifo di mondo come questo. È uno schifoso mondo perché adesso i giovani maltrattano i vecchi come fate voi! Oooh per i vecchi non c'è più aria! E allora che razza di mondo è questo?! Uomini a spasso intorno alla terra. E non c'è nessuno che rispetta la legge. Nessuno che tiene l'ordine. In un'intervista televisiva Malcolm McDowell racconta che l'utilizzo della canzone Singin' in the Rain nel film fu del tutto casuale.

Durante le riprese della scena del pestaggio e dello stupro a casa dello scrittore, Kubrick, non riuscendo a girare la scena in maniera convincente, chiese a McDowell di provare a cantare e ballare. Kubrick propone una meditazione sulla musica "alta", quella assoluta e intangibile dei Beethoven, Purcell e Rossini, qui dissacrata da atteggiamenti impertinenti, da "baffi alla Gioconda" ben diversi dall'ossequiosa riverenza ad essa tributata in Odissea nello spazio Simmetricamente, poi Kubrick trasferisce questa riflessione circa la natura ambigua ed indisciplinabile della musica anche su una pagina ben più recente e leggera, ma anch'essa "esemplare", a suo modo, in termini di morale: Il brano viene caricato di valenze bizzarre e sconcertanti, al punto che lo scandalo musicale, e relativi dibattiti con feroci polemiche finiranno per focalizzarsi quasi più su questa popolarissima e virtuosa pagina che sui numerosi capitoli di musica colta di quale il lungometraggio è gremito.

Le pagine classiche di Arancia meccanica sono sottoposte all'"appetibilizzazione", procedura che permette l'avvicinamento e la demistificazione del protagonista dalle violenze perpetuate. Proprio quest'ultimo brano compare nell'incipit del film ad accompagnare l'auto rappresentazione di Alex e si ripresenterà in altre sequenze sempre associate al Korova Milk Bar, luogo di ritrovo della banda dei drughi, di cui diventa una sorta di tema associato.

Ha una funzione educativa come diceva Platone? E infine, qual è il valore che ciascuno di noi attribuisce alla musica? Kubrick si pone e ci pone interrogativi esistenziali profondi e lo fa con impareggiabile maestria. I comportamenti e le azioni di Alex sono influenzati e perfino ispirati dalla musica. Kubrick affronta il lato oscuro della musica ben sapendo che in realtà ci sta mettendo di fronte al nostro lato oscuro.

Ma ci mette di fronte alle nostre responsabilità ricordandoci anche che la musica è un universo indisciplinato, privo del benché minimo orientamento. Alex e la forza oscura della musica musicArmonica http: Il bambino si chiama Ishaan Awasthi Darsheel Safary , il quale non riesce a studiare, riceve brutti voti a scuola e non è molto coordinato. Il padre Vipin Sharma ossessionato dalla carriera e dal successo, è orgoglioso del primogenito Yohan Sachet Engineer , il quale prende buoni voti ed è un bravo atleta.

La madre di Ishaan Tisca Chopra gli vuole bene ma non sa cosa fare. Ogni bambino è speciale, anche quelli che sembrano essere nati meno fortunati, in realtà sono delle "piccole stelle spuntate sulla terra". Esasperato da continue lamentele dei vicini e degli insegnanti, il padre decide di mandare Ishaan al collegio. Ram Shanker insegna anche in una scuola per i bambini disabili.

Lui si accorge della profonda infelicità di Ishaan. Ram Shanker capisce che Ishaan è dislessico e decide di far visita alla famiglia di Ishaan per parlare con i genitori. Parla di dislessia anche durante la lezione in classe.

Spiega che esistono tante persone famose, ma dislessiche, le quali sono riuscite nella vita. Confessa che anche lui da bambino era dislessico. Anche Edison aveva problemi con l'alfabeto Pablo Picasso, l'inventore del cubismo Picasso non ha mai capito il numero Musicale De-Lovely è un originale ritratto musicale del compositore americano Cole Porter. Nel film Porter ricorda tutti i passi della sua vita e le persone e gli eventi che l'hanno caratterizzata diventano attori e azioni della rappresentazione.

Cole Porter è autore di canzoni immortali cone 'Night and day' e di musical come 'Kiss me Kate'. Il film racconta anche il rapporto con la sua musa e sposa, Linda.

Il sipario si apre sulla sfavillante Parigi degli anni Venti, dove un Porter dedito a stravizi alcolici e alle notti selvagge in club per gay conosce ad un ricevimento il grande amore della sua vita, Linda Ashley Judd. I due si innamorano perdutamente e si sposano: Linda è tutto questo, Linda è anche di più. E lei che lo spinge, lo sprona, lo aiuta, fa in modo che il suo talento e il suo genio vengano riconosciuti dal mondo.

Un matrimonio che finisce solo con la morte della donna, ormai consumata dalla malattia. Forse anche dal dolore di aver amato un uomo tanto complesso, che ha dedicato a lei la sua anima e il suo talento ma dato il suo corpo a chiunque gli procurasse piacere. Bdfk8ftOfT0 Musiche favolose, storia d'amore molto delicata, con una romantica Ashley Judd perfetta nella parte La storia dell'incontro tra David, un giovane castrista e Diego, raffinato conoscitore della cultura nazionale.

Una commedia agrodolce, ironica e leggera per affermare la libertà delle idee. Fragola e cioccolato sono i gusti di gelato preferiti rispettivamente dai gay e dai veri macho. David, uno studente cubano militante castrista, che identifica gli omosessuali come "spie del capitalismo", reduce da una recente delusione amorosa con la disinibita Vivian - a caccia unicamente di sesso e denaro - viene avvicinato, mentre si trova sconvolto e amareggiato in un bar, da Diego, un intellettuale in procinto di allestire una mostra d'arte, che cerca di adescarlo con smaccati atteggiamenti omosessuali.

Poi, attratto dalla possibilità di leggere opere d'autore, proibite dal regime, e ascoltare musiche altrettanto introvabili, comincia a frequentare Diego e a restare affascinato, non certo dalla sua realtà di gay, quanto dalla sua cultura di "libero pensatore" nei confronti del castrismo, costrittivo e acritico, in cui è cresciuto.

Per non compromettersi di fronte alla cultura chiUsa e discriminatoria dell'isola, David esige da Diego di ritenerlo in pubblico uno sconosciuto, di non rivolgergli il saluto e di non infastidirlo, neppure in privato, con vezzeggiativi effeminati. Per il resto lo tratta da pari, seppur con crescente ammirazione per la varietà e l'anticonformismo dei suoi interessi culturali, l'ospitalità, l'assenza di avidità di denaro, la cordialità disinteressata nei confronti di Nancy, una vicina di casa, ufficialmente "vigilante" per conto del regime, in realtà delUsa dall'ideologia e in preda a momenti depressivi che la portano a tentativi di suicidio.

Da uno di questi tentativi viene salvata proprio da Diego e David, che si fa donatore di sangue al Pronto Soccorso per richiamarla in vita. Indotta dallo stesso Diego, Nancy - che si è affezionata a David - gli offre la prima esperienza sessuale, che lo libererà dalla cocente delusione procuratagli da Vivian, ma anche dalle limitazioni imposte in pubblico a Diego, fino a testimoniargli con un virile abbraccio la propria amicizia, quando questi decide di lasciare Cuba, per sottrarsi alla persecuzione politica per la propria condizione di "diverso".

Il film ebbe una notevole risonanza sia commerciale che politica, dando forza al dibattito sulla liberazione dell'omosessualità nei paesi comunisti.

Nel è stato candidato all'Oscar come miglior film straniero. Ma come diceva Gutièrrez Alea a Berlino, 'la musica è un'immagine perfetta della schizofrenia del film: Lunga è la strada verso la libertà, e nella sua urgenza di comunicare il film non è certo perfetto.

Il Diego dipinto dal pur bravo Perugorria, tutto vezzi e mossette, non è un monumento di inventiva. La foto povera, non pauperista - embargo oblige - farà storcere il naso agli schizzinosi. Mentre il languido epilogo non regge il tono scoppiettante dei battibecchi fra David e Diego.

Ma sarebbe ingeneroso cercare il pelo nell'uovo con un film che ha rotto l'isolamento in cui soffocava il cinema cubano. E a chi ricorda la delusione provocata anni fa dal 'Bacio della donna ragno', storia analoga, confezione da star system, la povertà di 'Fragola e cioccolata' sembrerà un supplemento di intelligenza. E fu notata anche l'affinità fra la spregiudicata cinecommedia cubana e un film politically correct come l'americano 'Philadelphia', altra raffigurazione tenera e rispettosa di un rapporto fra maschi: Si incontrano, si chiedono cosa staranno facendo gli altri due, si parlano come se parlassero a loro, si guardano allontanarsi, e inevitabilmente senza dirselo mai, finiscono per amarsi.

Il film si basa soprattutto sulla lentezza dei movimenti, sulle riflessioni dei due personaggi che cercano di accettare il tradimento dei loro coniugi, cercando di capire all'inizio come sia potuto succedere, chi dei due abbia potuto iniziare, ma alla fine capiscono che queste cose sono inutili, anche perché sta accadendo anche a loro, anche se in modo molto velato. Un "amore" che non avrà mai né un inizio né una fine sia perché lei non ha il coraggio di lasciare il marito, sia perché entrambi temono di essere giudicati dagli altri.

All'inizio Wong pensava di far interpretare ai protagonisti anche i ruoli dei coniugi adulteri, ma poi ha preferito lasciare quei personaggi fuori campo, per creare un certo mistero. Quando le riprese sono ricominciate, Wong aveva già cominciato quelle del film successivo, , quindi si è trovato a girare due film contemporaneamente, che si sono influenzati a vicenda.

Diventato sempre più lungo durante le riprese, il film al primo montaggio durava tre ore, comprendeva una scena d'amore, un passaggio negli anni settanta e un lungo finale a Singapore. La battaglia dei tre regni Un film di John Woo. Titolo originale Chi bi. Azione - Cina eKnWCK2yyHo Il film si basa sul romanzo Il romanzo dei tre regni di Luo Guanzhong, incentrato sugli eventi della battaglia di Chibi, avvenuti sul finire della dinastia Han e subito antecedenti al periodo conosciuto come dei Tre Regni nell'antica Cina.

Zhuge Liang Takeshi Kaneshiro Se conosci come terra cielo yin e yang possono mutare allora il sole la luna le stelle la foresta le montagne e il fuoco diventeranno soldati al tuo comando. In Asia il film è uscito in due parti, le quali sommate danno una durata totale di oltre quattro ore. La prima parte è uscita nel luglio e la seconda nel gennaio Al di fuori dell'Asia, il film è uscito in una versione lunga circa 2 ore e mezza nel Con un costo stimato di 80 milioni di dollari, La battaglia dei tre regni, è stato il più costoso film asiatico a quella data.

Liu Bei Yong You Se non proteggiamo i nostri sudditi, qual è il senso di questa guerra?! Nel dopo Cristo, durante la Dinastia Han, malgrado la presenza dell'Imperatore Han Xiandi, la Cina è suddivisa in molti stati in guerra fra loro. Liu Bei spedisce il suo consigliere militare Zhuge Liang, in qualità di inviato, al Regno Wu, nel sud, nel tentativo di convincere il suo regnante, Sun Quan ad unire le forze. Infuriato dall'apprendere che i due reami si sono alleati, Cao Cao invia un esercito di ottocentomila soldati e duemila navi a sud, nella speranza di prendere due piccioni con una fava.

Zhuge Liang Takeshi Kaneshiro Ho piantato fiori di loto una volta. Cao Cao Zhang Fengyi Non avrei mai immaginato di essere sconfitto da una folata di vento Entrambi parlano della guerra e come vincerla. Ci insegnano i trucchi, le bugie, i travestimenti, le fughe da compiere per vincere.

Ma soprattutto impariamo a vincere e dominare noi stessi. Fatto questo possiamo realizzare anche una affermarci sugli altri. Every battle is won before it is ever fought. Sono in minoranza, sono peggio armati ma dalla loro hanno una forte conoscenza del Cielo. Conoscono bene la cosmologia, sanno che il microcosmo e macrocosmo si eguagliano. Lo si osserva, lo si consulta e si apprendere anche dalla natura.

Le formazioni di combattimento sono ad Oca, sono a Testuggine. Si osserva il mondo e si apprende da quello. Essere debole ed indifeso non è tale. La debolezza diventa loro forza. John Woo è un grandissimo regista. Adrenalinico, veloce, implacabile, crudele ma soprattutto amante della Cina e del suo pensiero.

Egli ci narra una delle tante guerre del periodo dei cento regni. Un periodo di guerre crudeli e feroci ma pure un momento di crescita del pensiero. Non è importante quale guerra si vuole narrare: Cao Cao è un importante generale e le sue battaglie sono narrate nei 36 stratagemmi con ampiezza di dettagli.

Ma potrebbe anche essere una altra battaglia: John Woo conosce bene anche la tradizione pittura cinese. Il suo occhio è quello del pittore: In tempi moderni, nel cinema, la cinepresa del regista è il proseguimento del suo pensiero. I regni del sud sono dipinti cinesi, con nebbia, rocce altissime, con fiumi; riempiono la scena e la cavalcano.

Il bambù viene sferzato dal vento. Il bambù sembra debole ed incerto ma è invece fortissimo e resistente. Ovviamente il finale è quello aspettato.

Hanno invece vinto i tanti attori: Gli uomini nel pittura cinese appare piccolo, minuscolo, quasi neppure si vedono eppure sono fondamentali, parte integrante del dipinto. Fine di una storia Un film di Neil Jordan. Nel periodo bellico aveva stretto una breve, intensa relazione con la donna, di cui, peraltro, il devoto marito era a conoscenza.

E capii che niente a questo mondo avrebbe più avuto senso per me E questo tutto per causa tua! L'odio di Maurice nei confronti del marito che l'aveva resa infelice, dei sacerdoti cattolici che l'avevano ingannata, e della religione, si trasformerà, a seguito di una rivelazione di Mr Parkis Ian Hart , l'uomo dell'agenzia, in un profondo dubbio. Sono stanca di vivere senza di te! Non ho mai amato nessuno come te Non riesco a vivere in un mondo dove lei non c'è!

Sin dalla dedica delle edizioni americana ed inglese è evidente l' intento autobiografico e il riferimento alla storia d' amore dello scrittore con Catherine Walston, moglie di Harry Walston, persona ricca ed influente, con cui aveva avuto cinque figli. Occasione del loro incontro era stata la decisione della donna di convertirsi al cattolicesimo, cui l' autore britannico aveva aderito sin dal Non è casuale, dunque, che, con Il nocciolo della questione, sia questo il romanzo di Greene in cui il tema del sentimento religioso viene maggiormente approfondito.

Il sentimento del sacro è centrale nella trasposizione cinematografica di Neil Jordan. Da un lato, egli cerca di rendere fedelmente il senso religioso del romanziere, fedele per tutta la vita alla sua scelta, ma mai libero dal dubbio.

Questo scrupolo filologico risulta evidente in alcuni chiari riferimenti alla figura dello scrittore inglese, quale ad es. E pochi autori sono stati utilizzati dal cinema come Graham Greene: Dall' altro lato, il regista, dopo La moglie del soldato e In compagnia dei lupi,è interessato a sviluppare il tema dell'irruzione del diverso nelle esistenze individuali. Dai movimenti lenti della macchina, agli interni oppressivi e privi di luce, tutto è rivolto a dare espressione all'incomunicabilità delle esperienze dei protagonisti, all'inconciliabilità dell'esperienza dell'amore sacro e dell'amore profano.

In questo, il film è anche una riflessione metalinguistica sulla precarietà della posizione del narratore. Donatella film Interpreti e personaggi Elsa Martinelli: Infermiera del veterinario Walter Chiari: Padre di Donatella Gabriele Ferzetti: Se stessa Lea Migliorini: Maria Laura John Rembu: Zio di Donatella Catherine Williams: Signora americana X8gYH3b9Cpk Una ragazza di umili origini, Donatella, trova una borsetta e la restituisce alla legittima proprietaria, una ricca signora.

Colpita dall'onestà della donna, costei le affida la sua casa dal momento che deve assentarsi per alcune settimane. La ragazza conosce Maurizio, un amico della signora, e tra loro nasce una reciproca simpatia. Quando Maurizio scopre che Donatella non fa parte del suo ambiente sospetta che sia un'arrivista e, per smascherarla, le propone il matrimonio. Sorprendentemente Donatella rifiuta, ma i fiori d'arancio sono soltanto rinviati. Miral Un film di Julian Schnabel. Un fiore rosso, cresce nelle strade.

Ne avrete visti milioni 9Tra6cCmM9c Tratto dal romanzo autobiografico La strada dei fiori di Miral di Rula Jebreal, che ne ha anche scritto la sceneggiatura. La storia ha inizio nel , in una Gerusalemme consumata dalla Guerra.

Incapace di voltare loro le spalle li porta a casa con sé, per sfamarli e dargli un rifugio. Miral è la storia di una grande terra vista da una piccola ragazzina. Chi non ha niente, per esempio per una donna, o si sposa a 13anni o finisce nelle mani di fanatici religiosi.

Voi mi sapete rispondere sul perché nel in Iran una donna è condannata alla lapidazione per avere avuto un rapporto sessuale prima del matrimonio? Voglio ringraziare Julian per avere fatto il film perché per potere andare avanti, per guardare al mio futuro dovevo tornare nel mio passato.

E, nonostante, il dolore che ho provato nel rivedere il mio Paese e i luoghi dove sono cresciuta, mi sono sentita protetta. Io sono una privilegiata. Rula Jebreal "Diceva Jean Renoir: Ognuno al mondo ha le sue ragioni ma nessuno ha ragione abbastanza.

Non ero mai andato in Israele, non avevo mai affrontato la questione medio-orientale. Adesso è arrivato il momento. Tutto quello che facciamo è politica, basta dire quello che pensi. Quindi ho sentito una responsabilità. A seguire spazio per l'open mic. Data giovedi 11 maggio - dalle 19 alle Scrivo da sempre, scrivo per combattere una timidezza che spesso mi ha portato a non provarci mai, a non buttarmi mai. Quello che scrivo e canto sono soprattutto momenti e sensazioni che accompagnano la mia vita, attimi e persone che fanno parte del quotidiano e con cui io sento il bisogno di comunicare qualcosa di piu' profondo, qualcosa che a semplici parole non sono in grado di dire.

Crescere a Milano mi ha dato la possibilita' di assorbire tanto da questa città, ora vorrei ricambiare donando la parte piu' sincera di me, ossia la mia musica. Mannarelli ''Oltre lo specchio la vita'' Aletti Editore e' un'immersione lirica nel mare della sua esistenza per estendere a noi questa lezione straordinaria di vita, per farci partecipi delle sue esperienze come superamento del peccato originale, inteso come raffigurazione dei nostri limiti, o dei nostri dolori fino al loro superamento.

Lo specchio rappresenta la 'barriera' dove sostiamo davanti ai nostri pensieri oscuri e comportamentali: Infatti, Charles Baudlaire, diceva che l'arte e' la creazione di una magia suggestiva che accoglie insieme l'oggetto e il soggetto, e proprio per questo, iniziare a leggere un libro di poesie con tutte le sue cariche emozionali e creative, rappresenta la consapevolezza di godere di questa che non chiamerei ''magia'', ma estasi dei sensi, dove proprio la razionalita' e l'immaginazione diventano un corpo unico per oltrepassare le consuetudini quotidiane: L'immagine dello specchio e' una straordinaria metafora legata apparentemente a un oggetto simbolico ma, estremamente funzionale per trasmettere un messaggio.

Non e' casuale che in letteratura si e' utilizzata questa idea proprio per dare soluzioni e risposte ai nostri modi di vivere e di intendere la vita in cui il riflettersi o il non riflettersi ha creato una mitologia di personaggi che durano tuttora. Miorin ci porta a un livello superiore, nel senso che lo specchio diventa una trasparenza appartenente al passato e superandolo si percepisce la purezza e la saggezza del vero incontro con se stessi.

Fondamentalmente non e' un confine e nemmeno una soglia, ma una forma di consapevolezza che conduce attraverso le esistenze, come focus decisivo decantato nella sua poesia.

E' proprio la poesia a riflettere questo inizio dove non esistono abissi bui in cui perdersi ma semplici panorami da ammirare, perche' se la poesia e' mozione, e' anche ragione; se e' intimita', e' anche vitalita'; se a volte e' tristezza, spesso e' bellezza; e le caratteristiche di quella Alessandra sono riconducibili alle seconde valenze descritte. Chi guarda avra' sempre la consapevolezza di essere condotto oltre ogni parola sussurrata, perche' e' proprio la melodia insieme al pensiero che ci consente l'attimo dell'illuminazione, un universo dove la positivita' di ogni esperienza, percepisce l'apoteosi di quanto possiamo vivere felici, semplicemente amandoci.

Queste poesie partono delicatamente con un ritmo soffuso fatto di silenzi fra una parola e l'altra, come se ogni pausa inframezzata dai puntini di sospensione, ponesse il lettore di fronte ad una riflessione importante: Infatti, ogni riflessione e' meditata, decantata dentro tutte le profondità dell'anima, ma contrariamente a quello che diceva Ungaretti in cui ogni parola era scavata nella sua vita come un abisso, Miorin non cerca le parole in profondita', le cerca in una progressione di colori, di luci e di suoni e ce le pone sul palmo delle mani congiunte offrendole come un dono di conoscenza.

Poi come una sinfonia le poesie si ampliano per un divenire continuo, dove le note si susseguono con un ritmo più fluido: Il gusto di vivere, il gusto di scrivere oltre le giornate che ci scorrono intorno, oltre la vita, perche' sempre vita troveremo, quella che abbiamo incontrato ogni giorno vicino a ogni rinascita, dentro ad ogni parola ''innamorata'', insieme alla verita', insieme a un sorriso sincero che il poeta sa cogliere, e ce lo dona.

Pinketts con Michelangelo Jr e KO Mannarelli La storia di Marco Pantani raccontata da un ciclista della sua generazione, vincitore di un Giro d'Italia ma oscurato dalla classe e dalla personalita' del Pirata.

Un romanzo preciso e documentato come una cronaca sportiva, dallo stile elegante, il ritmo serrato come una fuga del piu' grande scalatore di tutti i tempi. Cateno Tempio Catania, dirige la collana filosofica ''Ellissi'' per la Villaggio Maori Edizioni, per la quale ha pubblicato Apocalissi e conversione. Sulla catastrofe dell'occidente e, in coppia con D. Dell'Ombra, Quel che viene a mancare. Il saggio critico e Carmelo Bene Ha inoltre curato il volume collettaneo Critica dei morti viventi.

Zombi e cinema, videogiochi, fumetti e filosofia Con l'editrice Terre Sommerse ha dato alle stampe la raccolta Ultimi versi E' tra i responsabili di alcuni siti web che si occupano di filosofia e poesia, tra cui sitosophia.

Marlene Demonte - Presentazione di Andrea G. Non sospesi ma afflosciati. I piedi non penzolano perche' non ci sono se non come zampe o vele in rotta verso la Ferita aperta. Siamo i quadri di Marlene Demonte. Pinketts Marlene Demonte - La pittura di Marlene, come appare evidente nella scelte delle opere di questa mostra, e' orientata alla rappresentazione di volti, volti scavati nel colore, dissezionati sulla tela, sciolti, disuniti in macchie fitte.

E' come se l'artista si guardasse e guardasse gli esseri umani attorno a se in uno specchio deformante, a cogliere la loro essenza sofferente. Il riferimento al lavoro di Francis Bacon e' chiaro e appare per esempio in un dipinto in cui lo stesso autoritratto dell'artista irlandese viene ridotto a una poltiglia scarnificata. Le lacerazioni e le tensioni angosciose del segno di questa pittrice sono il riflesso di una condizione esistenziale tormentata, sempre al limite del disturbo psichico.

Anche le figure intere sono corpi afflosciati, come senza vita o sfiniti di fronte al dolore dello stare al mondo. Le rare volte in cui si avventura fuori dalla figurazione di esseri umani, Demonte dipinge quarti di bue cruenti, animali rabbiosi, ma anche una vela impegnata in un viaggio verso un orizzonte oscuro. Quell'orizzonte potrebbe essere il limite, il confine tra la realta' e l'aldila' o tra ragione e follia. Mostra curata da Alexia Solazzo.

Ferrari batteria Giacomo Russo. Il repertorio del gruppo è formato da composizioni originali che si ispirano alla tradizione afro-americana, al rock, alla musica contemporanea e nello stesso tempo sembrano costruite secondo regole e alchimie inedite, spesso inafferrabili, ma sempre sorrette da una coerenza interna.

La suddivisione dei ruoli fra gli strumenti è spesso sovvertita o celata in uno spazio sferico in continuo movimento senza gerarchie prestabilite dove ogni musicista segue una sua personale narrazione.

In altre composizioni prevale la ricerca timbrica come nelle sfumature e nei contrasti del mingusiano Zonky giocato sulla variazione del chorus, nella Black And Green Fantasy e i paradossi dei temi ambientali o nella cosmologia di Big Boogaloo che recita: Big Boogaloo Passeggia per le strade della vita Come ogni mattina Saluta il primo Dio che incontra Beffardo si compiace delle costellazioni Quando il tempo lo permette Accarezza una cometa Distratto finisce in un villaggio Saluta il primo cittadino Pithecantropus Erectus Un dubbio lo assale Ma sembra essere giunta l'ora Vorrebbe lasciare un messaggio È troppo tardi Qualcuno afferra la lancetta dell'Universo E correndo a ritroso cancella tutto il tempo Big Boogaloo Si affaccia dalla finestra Vede l'inizio di un sentiero Decide di fare due passi Ad un tratto una pacca sulla spalla Si gira Il destino senza memoria, gli sorride.

La forza del bianco e nero insegue l'impeto del verso in un volo poetico sdrucito dal dolore, arso dall'indignazione: I versi - incisi nero su bianco - richiamano in rima i toni esasperati dell'inchiostro sulle stampe, dando vita a una rappresentazione di notevole tensione lirica e inequivocabile potenza drammatica.

Il lavoro dell'artista percorre e ricalca la rabbia e lo sdegno nei confronti del declino e del fallimento morale dell'uomo: L'autore ha scelto di ritrarre se stesso in prima persona, quale ambasciatore e testimone dell'umanita' intera, alternando i propri autoritratti alle immagini di una Sicilia antica, specchio di un passato di perfezione mitica, caduto anche esso nel vorace baratro della rovina.

Gaetano Giambusso, nato a Mazzarino nel , ha trascorso il suo primo anno di vita a Riesi, un piccolo paese dell'entroterra Siciliano, e i successivi sette in Lombardia; in seguito, assieme alla famiglia si ritrasferisce a Riesi.

Si iscrive al Liceo Classico di Gela: Divide la sua vita tra viaggi ed esperienze di volontariato internazionale. Nel vince una borsa di studio presso l'Istituto Italiano di Fotografia di Milano e trasferitosi nella citta' inizia questo nuovo percorso di studi. In questi ultimi anni, partecipando a vari concorsi letterari internazionali, riceve numerosi premi, riconoscimenti e pubblicazioni.

Mostra curata da Alexia Solazzo alexia. Primo piano, bar DJ da h 21 a 24 Con Andrea Pinketss Le Theatre nasce dall'esigenza degli autori di ricreare lo stile di serata proposto negli anni che prevedeva la spettacolarizzazione teatrale unita alla musica.

Il concetto di teatro viene interpretato e rivisitato per far si che i partecipanti si sentano coinvolti nello spettacolo. L'evento e' composto da vari momenti musicali, canori e teatrali. La serata parte con le note degli scalmanati "Le Theatre Band" composta da chitarra, basso, pianola e batteria in stile Rockabilly e jazz con le voci di Francesco Carlomagno e Giulia Maria Colpani che interverranno con sketch che rimandano a "La Femme Fatale". Il DJ con musica coerente con il tema della serata a un genere funky e swing con l'intento di scaldare gli animi e i cuori.

La nostra mission e' di far sentire partecipe il pubblico nei confronti del format proposto. Alice Barbaro nasce come cantautrice di brani esclusivamente in inglese con un ritmo soft, influenzata da un genere molto country.

Inizia a scrivere all'età di 14 anni imparando la chitarra da autodidatta e ascoltando cantanti conosciuti dal padre come Johnny Cash, Dolly Parton, Willie Nelson, Allison Moorer e non a caso cresce con uno stile di musica volutamente americano. Ha studiato piano e canto e partecipato a vari concorsi canori importanti come "Una voce per Sanremo", facendosi notare da produttori discografici come Umberto Iervolino, per poi rendersi conto di voler continuare la sua strada con un genere molto lontano da quello italiano.

Chitarra acustica e voce delicata, si presenta con i suoi brani scritti e arrangiati interamente da lei, ispirandosi a grandi artisti come Damien Rice, Alanis Morissette, Lindi Ortega, Emmylou Harris e alternando brani di Bob Dylan e Cranberries. Nonostante abbia solo 21 anni, sembra aver già le idee chiare sul percorso musicale che vuole intraprendere, facendosi conoscere con uno stile differente da quello che si sente tutti i giorni e incuriosendo chi ha voglia di immergersi completamente nella musica.

Ma in tutte e tre le coppie aleggia una minaccia sul percorso di prevedibile perfezione. Nel repertorio non mancano brani del panorama Funky-Soul italiano di Giorgia, Loredana Bertè, Zero, Pino Daniele, sino ad arrivare a Mina, il tutto ottimamente interpretato e presentato dalla grande capacità artistica della nostra cantante.

La band si esibisce prevalentemente nei locali dove si ascolta musica live. Da ore 19,30 E' un libro autobiografico, dove Liliana racconta le sue avventure. Un libro commovente, divertente e sopratutto filosofico. Chi e' Il Bello della Bestia? Tutte le malattie un po' terrificanti, come le malattie molto gravi. Vengono chiamate "Brutte bestie". Liliana si e' presa la briga di guardare in volto la malattia e con sua grande sorpresa si e' resa conto che quasi tutte le cose brutte hanno un lato bello, se solo riesci a metterti nella condizione di vedere e ascoltare quello che ha da mostrare.

Ed e' li che a volte un demone diviene uno spirito di Luce. L'autrice dice di se' "Sono una ragazza semplice con una passione smodata per i baci, capellona entusiasta, motociclista, molto surfista di onde o neve, dal temperamento romantico e l'anima rocknroll.

Abbraccio gli alberi, mi rotolo nell'erba e giro a piedi nudi per la maggior parte del tempo. Mi aggrappo al vento, ululo alla luna e la notte mi piace perder i pensieri e lo sguardo tra le stelle.

Un po' solitaria, molto girovaga con lo zaino, la tenda in spalla e un libro in tasca. Insieme alla scrittrice per qualche minuto ci sara' anche Adriana Puddu che cantera' senza strumentazione mentre Liliana Egalo, che e' anche una ballerina, muovera' qualche passo di danza. Fatta salva qualche eccezione, tutti sembrano avere in comune una cosa, il senso della ricerca. La ricerca di chi sono, cosa sono e perche' sono. Qualcuno di loro pensa di avere capito "non prendiamoci troppo sul serio" dice la signorina al casino' di "Le Jeaux Sont Fait", abbandonandosi all'adrenalina di una roulette.

Da "Guardare Fuori Per Vedersi Dentro" un uomo le risponde con la sua ombrosita', perso nel suo paesaggio mentale, emozionale, fatto di animali, alberi e rocce di cui va cercando spiegazione.

Poi c'e' anche una celebrita' dell'arte che, confusa sulla sua identita', chiede addirittura agli osservatori "E Voi Chi Dite Che Io Sia? Forse dovrebbe fare come quel tale in quel quadro, seduto al tavolo che interroga se' stesso, nella sua qualita' di profilo facebook.

In fondo, si clicca qualche opzione proposta e, almeno li, sappiamo definirci. In questo limbo di non-certezze, i nostri personaggi accumulano pensieri, moltiplicano interrogativi, distillano dubbi ma le risposte non hanno fretta di arrivare. Allora, su queste isole dagli abitanti di carne, ossa e colore, forse ha ragione la scimmietta.

Nel suo lavoro Rossi cerca di arrivare ad un equilibrio tra il segno e il simbolo. Gli piace sperimentare sia con il linguaggio visivo, sia con il soggetto delle sue opere, credendo che entrambi siano ugualmente importanti. In tutti e due, originalita' e spontaneita' sono valori essenziali. Presente nel suo lavoro e' l'utilizzo di archetipi senza tempo come pure la definizione di personaggi originali, che vanno a costituire il cast dei suoi "racconti" visivi.

Reali e surreali tranche-de-vie emergono a testimonianza delle idiosincrasie del carattere umano. Essere umani significa sperimentare una vasta gamma di emozioni, dal dramma alla gioia, dall'ansia alla tranquillita'. Coerente con questa verita' Rossi impiega una iconografia sincera e, a volte, senza compromessi.

Andrea Rossi si e' diplomato all'Istituto d'arte di Monza con indirizzo di Comunicazione Visiva e successivamente alla Nuova Accademia di Belle Arti in Milano, con indirizzo di disegno grafico e pubblicitario. La sua tesi di diploma Ambienti Interattivi ha prodotto un progetto interattivo ispirato alla automobile Coupe', di Fiat.

Relatore della tesi e' stato Paolo Rosa, co-fondatore del gruppo Studio Azzurro. Una mostra che congiunge il Pop, con tutta la sua forza irriverente, ironica e spiazzante e Mythos, il mito appunto, cio' che lungi dall'appartenere al logos lo precede e anzi trova immagini dove esso non puo' spiegare le cose attraverso la luce della ragione.

Mito non e' solo da intendere in senso greco, ma include tutto cio' che nell'iconografia e' legato a dei o eroi come protagonisti dell'origine del mondo in un mondo sacrale. Pop-Mythos e' quindi unire il sacro con il profano, il mito al pop, attingendo da variegati immaginari cio' che non e' favola inutile , ma bensi' forza attiva costruita nel tempo: POP ovunque e in tutte le salse.

Castellani e' il singer-songwriter milanese delle band: Goodwines e Nation of Giants con cui ha finora inciso numerosi EP, Album Studio e Album Live di musica originale, vissuto innumerevoli palchi e collaborato con artisti noti della scena underground italiana e frontman delle coverband: In occasione dell'inaugurazione, l'artista si esibira' in concerto. Le opere di questo artista visionario sono "finestre aperte sul mondo", davanti alle quali ci sara' sempre qualcuno che guardera' un orizzonte e qualcun altro che, in quel mondo, vi abitera' per sempre in una "movimentata immobilita'".

I temi proposti nella mostra, attraverso questo viaggio artistico, vanno dalla musica all'oriente, dall'universo bicicletta a quello del vino per terminare in un "fantartistico" capolinea dove l'artista propone insolite opere realizzate sui biglietti del tram dell'ATM di Milano.

Lo spettacolo ha gia' ottenuto un importante e unanime consenso da parte della critica e del pubblico ed e' gia' stato rappresentato innumerevoli volte nelle varie tournee di Sironi in teatri e festival europei. L'artista, tra swing, ballate e virtuosismi musicali ci accompagna in un viaggio musicale e letterario nel suo universo poetico in una performance di grande stile. Nell'impoverito orizzonte musicale milanese lo storico locale LeTrottoir rilancia con i lunedi dedicati alla musica live e alla dinamica vivacita' delle jam session dedicate al Jazz e al Blues.

Direzione artistica, Nora Zorzella. Vivendo tra la gente e la movida madrilena inizia a comporre il suo primo album, proponendolo come "one man band", o alle volte accompagnato da un chitarrista in club o in jam session. Ritornato in Italia, termina "Vizi, Peccati e Debolezze", album d'esordio distribuito dalla New Model Label in cd e digital download e selezionato fra i primi 50 in lizza per la targa Tenco , anno che lo vede partecipe al club Tenco di Cosenza in occasione del Tenco Ascolta.

L'album presentato sotto forma di spettacolo narrato ed eseguito insieme alla Maison Pigalle, band di supporto che ha in cura gli arrangiamenti. L'album si esprime a favore dei romantici, dei sognatori squattrinati in preda alle emozioni, poeti prosciuga bottiglie e dei amanti senza freni in balia dei propri istinti, tutti raccontati attraverso fatti ed esperienze vissute in prima persona, romanzate con cenni alla letteratura italiana e inglese.

Indie-rock music and good fellas: Graziella Pellicci in mostra a LeTrottoir. Pellicci vive e lavora a Milano. Di formazione artistica Liceo artistico e Accademia di Belle Arti di Genova , varie esperienze in paesi orientali, nella pittura, nella fotografia e nella grafica.

I suoi interventi spaziano dal reportage di ambienti e architettura agli still-life, ai ritratti di persone e situazioni sia come ricerca fotografica che come disegno e pittura. Le molte tecniche utilizzate variano dall'intervento digitale sulle fotografie alle riprese in sala posa con banco ottico, dalle foto aeree, all'utilizzo dei piu' svariati materiali come ferro, plastica, e il colore in tutte le sue possibili applicazioni.

E' autore fotografico di varie pubblicazioni e libri d'arte, Lombardia sull'acqua, Banco Ambrosioano - Milano. Staglieno, Sapeg, - Genova. Batsford Ltd - London. E' autrice, la ricerca, il testo e le immagini del libro -Genova nuova - Graziella Pellicci, Edizioni Colombo -Genova.

Partendo dalle sue esperienze di studi d'arte e di ricerca sul corpo umano, disegna liberamente situazioni psicologiche per meta' astratte e per meta', anche involontariamente, con ricordi figurativi.

Accartoccia, ritaglia, incolla vari materie sulla base del disegno. Racchiude in scatole e altri elementi. Lavora per se stessa. I suoi personaggi le chiedono di 'uscire' e lei cerca di accontentarli. Bardamu e' un progetto musicale fondato da Alfonso Tramontana e Ginaski Wop. I Bardamu hanno vissuto per circa 10 anni all'estero collaborando con molti artisti fra i quali: Changuito Quintana vincitore di 2 premi Grammy li ha definiti 'il nuovo volto del jazz contemporaneo.

Ha collaborato con alcuni fra i maggiori esponenti della scena jazz e latin-jazz al mondo. E' considerato uno dei maggiori esponenti dell'avanguardia del jazz cubano.

Siete tutti invitati a questa serata nella quale il VINO, il cibo e la buona musica saranno i protagonisti. Il ritrovo è alle I proventi derivanti dalla vendita del vino saranno destinati a finanziare il progetto degli appartamenti sociali e delle case del sorriso di Valcea distretto di Valcea - Romania. BiR, associazione presieduta da Don Gino Rigoldi, dal organizza campi estivi di volontariato in istituti, centri diurni e sul territorio in Romania e Repubblica Moldova.

Collaboriamo attivamente con persone, organizzazioni e istituzioni su scala locale ed internazionale, costruendo percorsi di cambiamento ispirati a logiche di partecipazione e sostenibilità. BiR — Bambini in Romania. Gianbattista è un ragazzo fuori dal comune: Alberto Büchi nasce a Milano nel e si laurea in Economia e Commercio nel In Inghilterra impara le tecniche narrative cinematografiche e soprattutto il mestiere di filmmaker, che svolge fino al Parallela e costante è la passione per la scrittura, preferendo in particolar modo il genere fantastico e horror, a cui appartengono i suoi racconti pubblicati.

Ha anche lavorato come ghostwriter. Fuoco Fatuo è il suo secondo romanzo. A Roma studia e lavora come illustratore e grafic designer nel a Berlino espone allo Stattbad di Mitte.

Espone poi a Reggio Calabria al palazzo della Provincia con 'Life is surrealism' Pop , con 'Barely pop' e 'Imperfezione mon amour' organizzate a Milano nel A Londra dove si trasferisce fino al collabora con la galleria Debut Contemporary di Notting Hill, dedicandosi anche alla street art.

Emanuele Taglieri, dopo un percorso tra l'Italia e l'Europa, ora nel a Le Trottoir nel locale milanese promotore da sempre di eventi d'arte, propone l'esposizione che inaugura il nuovo percorso. In 'Over the Pop' sono presenti opere dell'ultimo periodo e degli anni precedenti, concessi dagli attuali collezionisti.

Un uomo che mastica la propria esistenza facendosi vivere dal quotidiano e imprigionato in uno stato di alienazione, o al contrario riuscendo a viversi attraverso un'autocoscienza critica scanzonata e giocosa nel reale. Una sorta di cifra assoluta della societa' di oggi ma anche di ieri e di domani. Taglieri, mescolando moderni linguaggi e tecniche tradizionali, tra pixel e pittura tra scultura e animazione crea un percorso di sintesi tra moderno e tradizionale.

Con inedita e originale impronta 'riprende' con singolare energia semantiche e forme del pop e, con uno stile figurativo contemporaneo che attinge alle forme della pubblicita' e al linguaggio dei media, prorompe davanti allo 'spettatore' un bombardamento di colori pieni e contrasti acuti che rapiscono immediatamente lo sguardo.

Attraverso la stesura del colore si riconosce la mano dell'artista che utilizza la grafica come pittura e la pittura come fosse grafica digitale. E proprio questo linguaggio di sintesi tra grafica e pittura, insieme alla scelta di icone appartenenti alla cultura e all'immaginario popolare, come temi e soggetti dell'arte di tutti i tempi e non ultimo, l'utilizzo quasi costante di testi musicali che fanno da colonna sonora ai vari racconti per immagini, costituiscono i fondamenti dell opera della artista.

Donkeys Forever fondata dal cantante Isy Araf nel ha all'attivo circa concerti ed e' nel pieno della propria attivita' in Italia e all'estero.

Dai grandi classici ai successi piu' recenti, in una versione Rock dance molto coinvolgente. La band e' formata da musicisti provenienti da varie esperienze di generi musicali, ritrovandosi in questo nuovo progetto galvanizzati da due frontman-woman, Dan e Susy. Ogni concerto un nuovo show!

Entra in magistratura nel E' stata Pretore a Sant'Angelo dei Lombardi, in Alta Irpinia, per 5 anni dove si e' occupata di diritto penale, civile e del lavoro. Dal ha lavorato al tribunale di Latina dove ha svolto principalmente le funzioni di giudice penale, trattando delicati processi anche di criminalità organizzata.

E' stata responsabile della formazione nel settore penale dei magistrati del Lazio. Dal lavora presso il Tribunale penale di Roma. I suoi provvedimenti in materia di immigrazione, di tutela ambientale, di evasione fiscale, di maltrattamenti in famiglia e di reati contro le donne sono stati pubblicati su autorevoli riviste specializzate. Nel settembre ha pubblicato La Giudice.

Una donna in magistratura, in cui partendo dalla propria esperienza, e dai pregiudizi che tuttora esistono nei confronti delle donne anche in uno dei luoghi di potere per eccellenza coma la magistratura, affronta il delicato tema della questione di genere in questo ambito istituzionale. Tra le centinaia di presentazioni si ricordano in particolare: Quando il disagio diventa creativita', l'amicizia diventa fratellanza, il tempo diventa ritmo e il sudore diventa arte A dicembre del la famiglia si allarga e accoglie Simone alle percussioni.

Si occupa di istruzione e di prima assistenza agli immigrati. L'associazione si concentra nella cooperazione internazionale, con raccolta fondi per la realizzazione di progetti all'estero. Abareka' Nandree promuove i progetti secondo lo spirito del coinvolgimento diretto, della responsabilizzazione e dell'autorganizzazione delle popolazioni autoctone, per evitare ogni forma di mero "assistenzialismo". L'Associazione persegue esclusivamente finalita' di solidarieta' sociale e ha come scopo principale quello di impiegare le proprie energie intellettuali, culturali, materiali ed economiche a disposizione di popolazioni, comunita' e singoli che, a prescindere dallo stato sociale, credo religioso e gruppo d'appartenenza, e nel rispetto della loro identita' e liberta', si trovano in situazioni di reale bisogno.

Priorita' e' il Terzo Mondo e le realta' ad esso correlate, con particolare attenzione ai progetti miranti a migliorare la qualita' della vita, l'istruzione, la salute delle popolazioni africane e asiatiche. Abareka Nandree, inoltre, svolge in Italia progetti di integrazione degli immigrati con la citta' di Milano quali i corsi di italiano e lo sportello stranieri con l'obiettivo di fornire alcuni servizi di prima assistenza legale, amministrativa e pratica ai migranti e rifugiati presenti in Lombardia, al fine di attivare le risorse necessarie per riacquisire gradualmente la padronanza completa della loro vita Abareka' si fonda sui principi della nonviolenza e si contraddistingue per essere dichiaratamente apolitica, laica e gestita esclusivamente da volontari.

Il suo valore chiave e' rappresentato dalla reciprocita' come uguaglianza e impegno verso l'altro al fine di migliorare le condizioni di vita, liberta' di pensiero, liberta' di scelta e di espressione.

Abareka' trasmette una personalita' accogliente, solidale, affidabile, positiva e di mentalita' aperta. Tutte le attivita' sono gestite da gruppi di volontari che collaborano per la realizzazione di progetti mirati al reale soddisfacimento dei bisogni delle persone creando una rete permanente di relazioni umane Abareka Nandree onlus e' impegnata dal nel sostegno scolastico a distanza per bambini del Mali per assicurare loro un futuro migliore. Il sostegno a distanza e' un gesto che puo' dare speranze e opportunita' ai bambini di un paese in cui ancora ad oggi la frequenza scolastica non e' regolare.

Abareka Nandree dedichera' la serata al Mali e ai suoi bambini in particolare ai bambini profughi del Segou, particolarmente colpita da flussi migratori del nord del paese che scappano da gruppi islamici collegati ad Al Qaida.

In questa emergenza nella regione di Segou, Abareka Nandree presenta il progetto di Sostegno scolastico a distanza con lo scopo di dare supporto economico ai bambini profughi che non hanno possibilita' di poter pagare la retta scolastica, le cure mediche di base fattori che costituiscono un forte ostacolo all'integrazione con la realta' locale.

Evento Abareka Nandree - sabato 15 ottobre - dalle ore Durante l'evento, Proiezione di video, Mostra fotografica, Aperitivo solidale, Interventi sulla salute e sull'educazione in Mali e nell'Africa subsahariana. Verra' allestito da Abareka Nandree un banchetto con materiale informativo e oggetti artigianali dal Mali destinati alla vendita per la raccolta fondi.

Dj Ele e' la selecta ufficiale dI Rising Time; label, magazine e punto di riferimento per gli amanti della musica reggae a ". La selezione dell'artista varia tra il reggae '80 e '90, dancehall, reggeton, soca, calipso, hip hop, trap, dance per uno spettacolo vario e sempre permeato di un ritmo che rendera' impossibile lo star fermi. Pezzi famosissimi, ma dimenticati e trascurati, una riscoperta per chi a quei tempi li ha ascoltati e per chi li ascolta adesso per la prima volta.

E anche per quei brani "inflazionati", la ricerca della versione particolare, spesso piu' bella dell'originale, o la rivisitazione I. MercoledI - 5 ottobre Olga Lvova chiude la mostra con una vendita all'asta delle opere esposte a LeTrottoir.

L'artista devolverA' una parte del ricavato alle vittime dello sconvolgente terremoto del 16 Agosto. Per l'occasione i prezzi partono da una base di cento euro.

Ospite Dj Mauro Happy hour con una simbolica amatriciana. E' un punto d'incontro per i veri appassionati della band irlandese che racchiude diverse realta' in un unico simbolo. Foryoubrand Italia, infatti, nasce inizialmente come sito contenente ogni piccolo particolare del Sound U2.

L'idea prende vita e viene gestita da uno dei più fedeli chitarristi ad interpretare 'The Edge'. Andrea Anx Perego, chitarrista Internazionale, e' conosciuto per aver collaborato con le piu' importanti band e per aver sponsorizzato eventi 'live' dedicati agli U2 anche in Europa.

Per avere le stesse timbriche dispone delle 7 chitarre originali piu' usate dal chitarrista degli U2, medesima amplificazione e stesso Setup. Era qualcosa che non poteva restare solo teoria, bisognava trasformare il tutto in un Live Show ultimando uno spettacolo dal vivo unico e differente da ogni altra band. Vengono scelti musicisti professionisti con un mix di caratteristiche essenziali per ottenere il massimo. A interpretare Bono Vox un Vocal Coach dal grande carisma, l'azzeccatissimo Gabriele Favia, noto vocalist internazionale per aver maturato Live all'estero.

Alla batteria, con un'impressionante precisione nelle esecuzioni dei brani, la perfetta riproduzione di Larry Mullen Jr, Manuel Taranto Jr, batterista noto per la sua ritmica impeccabile e precisa sia in studio che nei live, portando la sua passione in giro per l'Europa, suonando con artisti di calibro. Come bassista, collaborando anche con artisti italiani di spessore, Alessandro Ando Pallavidini entra nei panni di Adam Clayton con estrema padronanza del suo personaggio.

Ogni singolo componente interpreta dalla A alla Z il proprio personaggio sia dal punto di vista artistico, con stessi abiti di scena, movimenti e somiglianza fisica, che dal punto di vista musicale, con la stessa identica strumentazione, gli stessi suoni e lo stesso metodo di esecuzione che gli U2 utilizzano nei loro brani. Materiale altamente professionale che permette di fare a meno dei videoclip che ritraggono i veri U2 proiettati nei televisori, non solo a rendere Esclusivo questo Show ma anche per evitare i Copyrights Video.

Corrispondenze in tutto il mondo e numerose iniziative valorizzano Foryoubrand Italia, tra le piu' importanti ci sono le U2 Backing Tracks registrate dai 4UB al dettaglio, ricercatissime da ogni appassionato della band irlandese, seguite su You Tube con numerosissime visualizzazioni e una redazione con informazioni sul Sound, pronta a svelare l'anima delle creazioni di Bono Vox e Co. Per conoscere meglio il marchio visitare il sito ufficiale www.

Non mancano i fan degli U2 che da anni seguono questa realta' grazie alle continue iniziative. Cosa pensano gli italiani sui principali temi sociali dibattuti nel nostro paese?

In che misura e con quanto interesse seguono gli avvenimenti politici? Come giudicano, ad esempio, gli immigrati? E la recente evoluzione di partiti e sindacati? Mannheimer affronta queste e molte altre tematiche di attualita' con lo strumento delle ricerche sociali.

Ingresso libero Eventuali prenotazioni e info: Ballare e' essere intrepidi. Ci sono quelle bambine che da piccole amano i tutù, il rosa, lo chignon.. Adoravo i jeans, il blu e guai a chi si avvicinasse ai miei capelli. La sola idea di ballare mi faceva sentire male.

Un giorno ho trovato mia madre che guardava un film con Fred Astaire e Ginger Rogers, e ricordo di aver fissato la televisione, assimilando tutto il possibile, rapita da quella grazia immensa. Grazia che sarebbe diventata presto il mio obiettivo. Trovo il linguaggio delle mani incredibile. Forse perche' sono un disastro nel parlare. Preferisco scrivere, quando lo faccio le mie mani sono piu' rilassate di quanto lo sarebbe mai la mia bocca mentre parlo.

Non ho la pretesa di essere brava, solo di trovare quel l'universo in cui possa esprimermi con piena liberta' e tranquillita'. In principio io sono un disastro, inseguo delle passioni che non metto a frutto. Cosi alla danza ho aggiunto la scrittura. Non le sto sviluppando come dovrei, nonostante mi abbiano dato alcune soddisfazioni, come piccoli premi o applausi, ma ne rimango comunque affascinata. Penso, scrivo pensieri, e sogno quando mi siedo tra le poltroncine rosse della Scala… Trovo che in ogni caso il mio lavoro fin ora non sia stato inutile, in quanto riguardi un attento e interessato studio delle due arti.

So che per me sono entrambe un punto di arrivo. Come ogni anno Carol arriva in Italia per tenere una serie di concerti e master class in Italia e Germania Berlino. A Le Trottoir Carol suonera' accompagnata da un super trio: Nel fonda la Astoria Big Band in cui suona il sax baritono e' attualmente direttore.

Ha suonato in tutto il mondo: Nel anni successivi approfondisce la musica Jazz e Free Jazz. Frequenta lo storico Trottoir di Brera dove il Jazz era di casa e conosce tantissimi artisti di Milano.

Ha suonato in Italia ed Europa. Dalle ore 19 di venerdi: I Libido nascono nel Cominciano la loro avventura nel panorama nazionale italiano esibendosi come cover band e con pezzi propri a varie edizioni del famoso programma televisivo Roxy bar. Sono la band di punta nel tour della Fiaccola Olimpica di Torino La band suona in Lombardia come Cover band offrendo uno show che arriva a toccare quasi le tre ore. Dove richiesto organizzano anche serate Karaoke. I Libido offrono uno spettacolo di cover 70''' pop-rock inglese e italiano con i grandi successi di quegli anni, Queen, Led zeppelin, Bon Jovi, Baroni, Battiato, PFM e molti altri.

La band si esibisce in formazione completa e in formazione anplagghed. Sono la band di punta nel tour della Fiaccola Olimpica di Torino che si esibisce nelle maggiori piazze.

La band suona in Lombardia esibendosi come Cover band offrendo uno show che arriva a toccare quasi le tre ore. La band ha la possibilità di esibirsi in formazione completa e dove richiesto anche in formazione anplagghed.

Contini is also the producer and member of the psychedelic-ambient project "ESE - Entheogenic Sound Explorers" with various albums for the dutch label Databloem Records. In Allegro joined Liquid Rainbow and after the first contract with the Spanish indie label "Another Change Records" in the band released their first album named "Vol. I" a double album that contains 31 tracks in various styles from Dub to Ambient, from Pop to Dancefloor.

In the following months the band performed various live concerts to in Milan and Hinterland to promote the released. After the release of "Vol. I" Marchesi amicably left the band that became a trio. On March the follow up of Vol. II is released also by "Another Chance Records". It contains 10 tracks and the band included some blues vibes for this release. During the same year Liquid Rainbow signed a new contract with the independent Californian label Magnatune Records and in August 8x8 was released; the album contains 7 original new versions of songs from Vol.

I, a new track Open Your Heart and 8 Dub versions. In the band released Landscapes and Treasures a new album that contains 11 songs in various styles from psychedelic rock to ambient to dancefloor to trip-hop.

Ci sono le bombe di piazza Fontana vicino alle molotov lanciate a Santana al Vigorelli di Milano, c'e' l'ascesa dei cantautori da Guccini a Dalla, vicino all'allucinante processo da parte degli Autonomi al povero De Gregori.

Insomma troverete in questo libro avvenimenti drammatici che hanno segnato la storia del nostro Paese e racconti piu' "leggeri" che narrano gli ultimi decenni facendoci vedere pero' che "non sono solo canzonette". Appartiene, indirettamente, per seconda generazione, alla scuola Trombone-Vitale. Da piccola vince qualche concorso studiando nelle scuole medie a indirizzo musicale, successivamente si iscrive al Conservatorio e si diploma al Verdi di Milano.

Studia composizione arrivando al compimento medio. Ha suonato nei locali di Noto, Troina, Acireale, Catania. Ultimamente compone canzoni, il suo primo e intramontabile amore, inserendo nel repertorio pezzi classici come i "giochi d'acqua" di Ravel. Le iniziative sono sul portale spreafotografia. La storia di un ragazzo di buona famiglia che si accompagna alle devastanti ottime ragazze dell'abbandono.

Andrea Lux Ferre ha ricordi di zucchero avvelenato. Questa storia è l'antidoto. Andrea Lux Ferre, eclettico e visionario, scrive i suoi testi nel sottosuolo delle città, nelle gallerie, sui vagoni delle metropolitane. Sogni diurni, lucidamente scomposti nel libro della mente, armonicamente trasposti in un lembo di materia.

Il racconto di un percorso, uno dei tanti. Il viaggio visionario nella luce e quello razionale nella tenebra. La celebrazione e la condanna. Pinketts Numa Echos, nacque. Da tempo propone le sue performance in qualità di cantautrice, musicista dark-rock e poetessa, affiancando i suoi testi a musiche sperimentali-alternative.

Vanta numerose collaborazioni e partecipazioni ad iniziative di elevato livello artistico grazie alla profondità, umanità ed originalità delle sue creazioni. FAVOLE IN PIAZZA Ognuno avra' un filo di colore diverso, i piu' grandi scriveranno le tracce, i nomi le cose che giudicano importanti da segnare, cosi se il filo si ingarbuglia o se ne perde qualcuno ecco che le parole scritte lo sistemano e si riprende il racconto Le storie sono scelte con bussolotti numerati, quindi si torna al momento iniziale.

Tre tracce sono dedicate al genere fantasy: In centro al cerchio formato dai bambini e' posta una pallina a sonaglio con fili collegati a ogni bambino, quando uno di loro vuole aggiungere qualcosa alla storia o esprimere un'emozione tirando il filo puo' parlare.

Marina Sibaud - marynasol alice. DJ B-Blonde ha mosso i primi passi a Madrid nel , successivamente la ritroviamo nei piu' importanti ritrovi di Barcellona, Curitiba in Brasile e poi in Timisoara e nei piu' famosi locali d'Italia a Mantova, Verona, Vicenza, Milano.

I dj set di B-Blonde sono principalmente di musica elettronica dalla New Wave anni '80 al Synth Pop, all'Indietronica fino al Dance e all'electro swing. Arriva al momento giusto. E anche in questo caso piomba nel bel mezzo degli eventi. O sono gli eventi a piombare su di lui, impegnato a innamorarsi di una ragazza dall'oscuro presente? Ossitocina ha i leggings e un cane, Lou Reed, addestrato a farle la spesa al supermercato.

Per Lazzaro è un colpo di fulmine. Loden assassini, parka assetati di sangue, reggicalze letali, giacche da camera a gas esilarante: Pinketts è un guardaroba teatrale di lusso inventivo.

E Lazzaro questa volta finirà coinvolto in un delirio senza precedenti, tra le fiere di Milano e la Fiera del Libro di Bucarest, con gemelli incendiari, latinisti allo sbaraglio e regolamenti di conti con le forchette di plastica, in compagnia di giornalisti d'assalto, mercenari vestiti da suora e vecchi amici orfani di guerra e di madre. Nella Capanna dello Zio Rom Pinketts ricrea la sua Milano nera e surreale divertendosi con lo stile inconfondibile di sempre: Nel corso di un mese dalla "vita breve ma intensa come James Dean", fatto di pomeriggi "corti come calzoni alla zuava", si addensa una vicenda ricchissima.

E più le cose si complicano, più ci si immerge di gusto nella lettura, in sintonia con Lazzaro che, ricapitolando gli eventi, a un certo punto ammette: Ha scritto vari libri di argomento musicale e storico fra i quali figurano: Lucio Nocentini, pittore, espone le sue opere a olio, mastodontiche e burrose.

Sirene contemplative, marinai gaudenti e icone fantasiose e fantastiche che si muovono come pesci in un acquario che tanto sa di novecento. James Macfarlane, dopo la fortunata mostra di collage "Spaghetti Hopper" Milano, Roma e Genova , prende stavolta come sfondo nostalgiche cartoline d'epoca e intreccia con garbo e ironia immagini a lui congeniali.

Monumenti e vedute di una volta si mescolano giocose con pomodori, croissant e icone incontrastate del cinema. Macfarlane segue rigoroso la tradizione dei collagistes, lavorando esclusivamente con forbici, colla e immagini trovate in riviste, libri e cataloghi. Laura Barenghi e' la truccatrice preferita di Mauro Corruzzi, in arte Platinette.

Il sette giugno si esibira' in una "performance art" dove i partecipanti stessi saranno gli artisti che potranno fotografare tutte le fasi del trucco della genesi Mauro - Platinette. Ovviamente sara' presente "l'ingombrante modella"! A fare da sfondo a questa performance ci saranno maxi fotografie realizzate da Lucio Nocentini nel , durante le fasi di una seduta di trucco "Making Platinette". Divertimento, cultura e cittadinanza attiva che si intrecciano in un mix tanto insolito quanto dirompente.

Rompiamo i soliti schemi, svecchiamo l'idea e il concetto di volontariato, troviamo il tempo di coinvolgere, raccontare e ascoltare storie vicine e lontane Le opere -spray su pannelli di legno- ultimate nel pomeriggio saranno vendute al miglior offerente e messe in palio come premi della lotteria la cui estrazione avra' luogo alla fine della serata. Per partecipare all'estrazione bastera' acquistare un calice di vino dai volontari BiR presenti dalle 16 fino a notte fonda.

Dalle 20 alle 22 l'Open-Concert, una giovane band di artisti accompagnera' la clientela all'abbondante aperitivo con buffet.

Durante la giornata i volontari BiR -Bambini In Romania- saranno presenti con un banchetto informativo, pronti a spiegare le attivita' che l'associazione porta avanti durante l'anno. I proventi della vendita dei calici di vino e delle opere sono destinati all'associazione BiR Onlus presieduta da Don Gino Rigoldi. Dal organizza campi estivi di volontariato in centri diurni e sul territorio in Romania e Repubblica Moldova.

BIR attiva tutto l'anno nella promozione della partecipazione civica e della cittadinanza con formazione e attivazione rivolte a giovani e adulti. BIR collabora attivamente con singole persone, organizzazioni e istituzioni su scala locale e internazionale, costruendo percorsi e cambiamenti ispirati a logiche di partecipazione e sostenibilita'.. BiR - Bambini in Romania. Vietato l'amore, sia chiaro, non il sesso. Del resto si sa che i benefici dell'amore sono intimi e privati mentre i costi, sanitari e giudiziali, sono a spese dello Stato.

Questa e' la riflessione del Duca che per il bene della sua comunita', prende atto che l'amore non e' piu' sostenibile: Semplice a dirsi ma non a farsi e Alba e Valerio, due giovani amanti, di certo non si rassegnano a lasciarsi o a diventare fuorilegge. Sono in ambasce anche i Saggi e i Ministri del governo che non sanno come uscire dal dilemma tra salvare l'Amore o salvare le casse dello Stato. Tra equivoci e colpi di scena, riusciranno nella impossibile di trovare una soluzione creativa per coniugare bene pubblico e amor privato?

Una sfida che porta piu' di un sorriso e del resto, si sa, che se non fa sorridere non e' una cosa seria. Insegnante di tecniche creative nei master universitari. Collaboratore di aziende private e enti pubblici nello sviluppo delle risorse umane e innovazione sostenibile.

Buttafuori, mercenario, investigatore senza licenza, conosce tutti i segreti di Magaluf, Maiorca, centro turistico che per sei mesi l'anno esplode di musica, alcool, sesso e divertimento. Ma quest'estate c'e' qualcosa di nuovo nella "citta' del peccato": Dove la legge non puo' arrivare, l'unico che possa mettere a posto le cose e' Toni Black. Traduttore di bestseller, editor e curatore di collane, per Cordero Editore ha pubblicato Medina-Milano da morire e Lettera K - Corso di scrittura creativa e lettura consapevole.

Per il denaro si soffre, ma non sempre - al di la' della percezione diffusa della sua importanza - si sa veramente di che cosa si tratta. Non c'e' chi ignori l'esistenza e l'influenza delle banche, dell'industria della finanza e del credito e delle norme che ne regolano il funzionamento, ma ben pochi hanno una conoscenza precisa di cio' che le istituzioni finanziarie sono, rappresentano e fanno, delle loro finalita' sostanziali, di quelle dichiarate e di quelle reali.

Tutti parlano di valore, denaro e prezzi, ma spesso li confondono. Tutti parlano di economia credendo che soprattutto le cifre siano chiamate a descriverla. Ecco, il modo migliore per cominciare questo libro e' dire che le cose non stanno cosi, che il valore ha un significato, un senso difficile da riassumere in un numero, oggettivo per definizione, e piu' facile invece da ricollegare con una persona e una sensibilita' personale, per sua natura soggettiva.

Motivo per il quale quella dell'economia e' in realta' una Geistwissenschaft, cioe' una scienza dello spirito. Piazza 24 maggio - Milano - www. In questa occasione oltre alla presentazione del libro, Micaela Zuliani, fotografa, con Valentina Tomirotti, giornalista, e con Francesca Barra, scrittrice, incantera' spiegando come la differenza priva dei ricorrenti pregiudizi puo' comunque accedere ai principi naturali della seduzione. Micaela Zuliani eclettica e anticonvenzionale, con questo primo manuale di fotografia pensato per i ragazzi diffonde la fotografia Boudoir con il progetto "Portrait de Femme" che rende la donna protagonista indiscussa, valorizzandone l'unicita'.

Il Futurismo va a braccetto con il futuro che e' diventato presente: Un viaggio fantasmagorico attraverso le avanguardie del Novecento, con la prima tappa dedicata alla Pop Art e il suo campione, Andy Warhol. Approda alla darsena, il porto di Milano, la prestigiosa Collezione Rosini Gutman. Le Trottoir, faro di cultura, intrattenimento e spettacolo, storico locale milanese che occupa da oltre dieci anni la sede monumentale del casello daziario napoleonico in piazza XXIV Maggio.

Dal 12 luglio all 8 Novembre , in pieno periodo Expo e per celebrare la rinascita del sito urbanistico monumentale milanese che fa capo alla Darsena e ai Navigli, LeTrottoir ospita una mostra - monumentale anch'essa- di straordinario valore, esibendo in un solo ambiente di ritrovo pubblico - e rinnovato anch'esso - allestito con opere raccolte in una imponente retrospettiva antologica che comprende i Futuristi italiani fino ai maggiori esponenti dell'Arte contemporanea, tra i quali Ottone Rosai, Amedeo Modigliani, Joseph Beuys, Roy Liechtenstein, Marco Lodola, Piero Manzoni, Niki de Saint Phalle, Andy Warhol e Mario Schifano.

Si parte con Andy Warhol e la sua scoperta del mito dell'eroe popolare nel mercato dell'Arte. Nel e' stato l'unico talento emergente di grande successo del Latinoamericando Expo di Milano. E' del il suo primo album da solista, Mi Turno http: Nell'estate del , ha aperto il concerto del Maximo Leader, Daddy Yankee, guarda il video della prima parte dell'esibizione: Negli ultimi tempi si e' impegnato in tour per la promozione in Sudamerica del suo ultimo album e di due singoli Un Party link al video: De Martin Pinter Matteo Mate, da sempre affascinato dal mondo delle immagini in generale il primo approccio con i colori è stato quasi per caso, colorando una Milano un po' troppo monocromatica.

Col tempo l'interesse si e' esteso e ho iniziato un percorso artistico, cercando vari mezzi di espressione, tecniche e materiali, iniziato all'Accademia di Belle Arti di Brera con tempere, acrilici, smalti e oli su tela, stampe grafiche, litografie e serigrafie; le aerografie su moto e caschi ed infine il mondo del tatuaggio, anche se la tecnica che uso piu' di tutte e' la pittura murale con colori spray.

Durante il mio percorso artistico sono riuscito a sviluppare varie tecniche di rappresentazione partendo dal realismo, quindi da un approccio tecnico, uno studio sull'uso e l'affiancamento dei colori e ombre, sui quali mi sono concentrato durante il periodo di studi accademici, e che continuano anche oggi; Mi hanno permesso di sviluppare nuove tecniche d'utilizzo degli spray, che col tempo mi ha portato alla creazione di immagini semplificate, con un effetto grafico, di maggiore impatto che richiedono meno utilizzo di colore e di tempo, uno stile personale, che rimane tra il realistico e il grafico che mi consente di fare grandi lavori in poco tempo.

Questo mi ha permesso di rendere i miei lavori espliciti e immediati, variando il lavoro e aumentando l'interesse verso il mondo dell'arte.

Il nostro slogan e.. In allegato una piccola presentazione del marchio, in poche parole di chi siamo. Segue le tendenze del momento utilizzando tessuti leggeri adatti all'uso quotidiano. Rispettando la comodita' del cliente verra' fornito anche un servizio a domicilio Tutti gli abiti visualizzati su questo sito potranno essere realizzati in qualsiasi taglia richiesta al momento del confezionamento.

Lisa Mazzero in Danza del ventre. La rivoluzione degli angeli danzanti. La danza del ventre ha origini sacre e nasce come culto della Dea Madre, della parte femminile della divinita'. Veniva danzata dalle donne in epoca arcaica durante i riti di fecondita' e prosperita' e, con le sue movenze, mimava la rotazione e la rivoluzione terrestre e persino la precessione lunisolare.

Questa danza non e' patrimonio esclusivo del Medio Oriente, bensi dell'intera umanita'. La stessa cosa del resto si puo' dire per altre discipline tradizionali quali per esempio lo yoga o le arti marziali che si ritengono comunemente originarie dell'India, della Cina e del Giappone, ma che in realta' hanno solo trovato le condizioni favorevoli in tali Paesi per potersi sviluppare, essendo in realta' nate dall'esperienza di tutta l'umanita' a tutte le latitudini.

Anche nelle danze, cosiddette moderne, originarie di vari Paesi pur lontani tra loro si ritrovano tecniche simili a quelle della danza del ventre, come per ricordarci che le tradizioni dei diversi popoli hanno tutte un denominatore comune che, come un sostrato linguistico unificatore, non cambia da cultura a cultura.

Un corpo sano e' legato al fluire armonioso dell'energia che lo rende vitale. Attraverso i movimenti della colonna vertebrale e del bacino si ha un effetto simile a quello dello yoga nell'attivazione dei chakra e nel risveglio di kundalini.

Questa energia che si sprigiona in noi ci consente progressivamente di padroneggiare le nostre emozioni senza reprimerle e, quindi, di viverle pienamente. La nostra vita e' nelle nostre mani e ne diventiamo consapevoli e capaci di dirigerla, imparando a essere sincere con noi stesse come sincero e' il nostro corpo danzante nella sua spontaneita'.

Impariamo a non perseguire cio' che non ci corrisponde solo perche' e' di moda o perche' qualcun altro lo pretende. Impariamo a essere noi stesse sul piano emotivo come sul piano fisico. I 4 piani non sono separati tra loro, agendo su uno si agisce anche sugli altri. La cosa interessante e' averne la consapevolezza. Se il nostro corpo cambia, cambiano anche le nostre emozioni e i nostri pensieri. Il cambiamento puo' partire anche dal pensiero o dalle emozioni, ma, forse, partire dal corpo fisico da risultati piu' immediati perche' esso e' la parte piu' tangibile di noi.

Ma lavorare sul piano mentale vuol dire anche conoscere cio' che stiamo facendo. La danza orientale racchiude conoscenze tradizionali che l'essere umano si tramanda dai tempi dei tempi, da Maestro a Discepolo e la danzatrice rivela, nei suoi gesti, dei grandi misteri a chi li sa vedere, cosi come un simbolo li rivela a chi lo sa interpretare. Parlo di numerologia, astrologia, astronomia, mitologia, simbolismo A livello spirituale e' evidente che l'armonia tra i nostri piani fisico, emotivo e mentale, non puo' far altro che aprire dei canali che portano il nostro essere verso l'elevazione, verso un contatto con la nostra parte piu' sacra la Dea e alla capacita', quindi, di riconoscere il sacro intorno a noi.

La danza si trasforma in una meditazione in movimento, in una preghiera che non e' una richiesta per ottenere qualcosa, ma un ringraziamento per la ricchezza della vita. Esistono numerosi benefici per il corpo e per la mente che vengono abitualmente associati all'esercizio di questa antica arte, definita anche "Danza Orientale", chiamata "Raks Sharki" in lingua originale e "Belly Dance" in inglese.

A livello fisico si verifica un miglioramento della circolazione sanguigna, del transito intestinale, dei dolori mestruali e di quelli della colonna vertebrale, sia a livello lombare che cervicale, mentre a livello psicologico i vantaggi ottenibili sono spesso indicati in termini di rilascio delle tensioni, di acquisizione di una maggiore consapevolezza corporea, di un senso di rinascita e di riscoperta della femminilita'.

Si tratta di risultati che possono ricondurre la danza del ventre nell'ambito delle tecniche della "fisiodanzaterapia", cioe' un intervento che mira alla riabilitazione fisio-motoria attraverso specifiche tecniche di danza. Favole in piazza - di Marina Sibaud Sabato 14 maggio - dalle ore 16 alle 18 "C'e' una bambina con la testa tra le nuvole che viene dal paese dei Piedi leggeri, mooolto lontano da qui I partecipanti possono dare libero sfogo alla loro fantasia, portando anche le loro esperienze, contribuendo a costruire il racconto.

Il finale viene guidato per dare un senso alla favola che, di volta in volta, viene ricondotto alle paure, alle relazioni, alla natura o al mondo della tecnologia. Alla fine della performance, ai bambini verra' data la possibilita' di esprimere emozioni e commenti, sia in forma verbale che con il disegno.

L'evento si svolge presso il famoso locale culturale LeTrottoir a' la darsena di Milano Marina Sibaud, Operatrice sociale - Universita' di Genova - Scienze della Formazione a indirizzo teatrale.

La selezione dell'artista varia tra il reggae '80 e '90, dancehall, reggeton, soca, calipso, hip hop, trap, dance per offrire allo spettatore uno spettacolo vario e sempre permeato di un ritmo che renderà impossibile lo star fermi. Maggiori info su www. Questo scambio culturale avviene dal e ha come finalita' la conoscenza di culture, usi e costumi differenti, la collaborazione verso una crescita personale con la consapevolezza di essere non solo italiani ma anche cittadini europei".

Tunes inedite del solista di Manu raccolto nell'ep "B-Side", altri nuovi brani e cover che spaziano dal repertorio reggae al soul. Live pieno di vibrazioni soul mescolate al reggae, una band che miscela esperienze maturate in altri progetti a sonorita' roots, una voce nuova ma con alle spalle anni di esperienze di palchi in levare.

L'ep contiene 5 tracce, che spaziano dal reggae al soul, 1.

Gay gorge profonde escort trans lille -

Entrambi sono commossi prima ancora che abbiano il coraggio di baciarsi. I proventi derivanti dalla vendita del vino saranno destinati a finanziare il progetto degli appartamenti sociali e delle case del sorriso di Valcea distretto di Valcea - Romania.

Gay gorge profonde escort trans lille -

Ha scritto vari libri di argomento musicale e storico fra i quali figurano: Se il treno raggiunge lo snodo, il congegno libererà la droga contenuta nell'acqua di Gotham, coprendola con una nube di gas tossico. Rosa ha intanto affrontato Mary, che pentita della sua irragionevole opposizione, vi rinuncia. Del resto si sa che i benefici dell'amore sono intimi e privati mentre i costi, sanitari e giudiziali, sono a spese dello Stato. Da sottolineare anche la pellicola con il regista Luis Buñuel eccezionalmente in veste di attore in In questo villaggio non ci sono ladri Nonostante abbia solo 21 anni, sembra aver già le idee chiare sul percorso musicale che vuole intraprendere, facendosi voyeur sexe ariane carera con uno stile differente da quello che si sente tutti i giorni e incuriosendo chi ha voglia di immergersi completamente nella musica. Costui è diventato un grande personaggio nell'industria cinematografica partendo dal nulla ed era ormai considerato nel suo ambiente un mito, tanto che un ex-produttore fallito, Manny Schwartz, gay gorge profonde escort trans lille, si uccide lasciando un biglietto. Una mattina hanno provato assieme le posizioni di combattimento col coltello, in un baleno, mentre lui maneggiava il suo coltello a forcola, Enri glielo ha sfilato dalla mano, torcendogli il braccio alla schiena e ridendo di lui. Luke è in cura da uno psicoterapeuta, il dottor Jeffrey Squires, con il quale instaura un rapporto di dialogo, complicità e aiuto reciproco, pagandolo con della marijuana. gay gorge profonde escort trans lille

  1. gay gorge profonde escort trans lille
    October 2, 2012 at 02:13

    -

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *